Venerdì 24 Maggio 2019 | 04:14

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

operazione Polizia

Bari, trovato un milione
in casa di pregiudicato
era nascosto dentro il muro

Il denaro proveniente dal traffico di stupefacenti

Gli investigatori della Squadra Mobile di Bari nel corso di una perquisizione eseguita mercoledì scorso nell’appartamento nella disponibilità di un noto pregiudicato hanno trovato e sequestrato la somma contante di 936mila euro abilmente occultata in una delle pareti dell’immobile, racchiusa in buste di plastica termosaldate.
«L’ingente somma di denaro, si legge in un comunicato, di cui non è stata data alcuna giustificazione, è da ritenersi riconducibile ad attività illecite, segnatamente connesse al traffico di stupefacenti, poste in essere in un contesto di criminalità organizzata: a carico del pregiudicato». Già lo scorso maggio gli era stata sequestrata la somma in contante di 60.000 euro e trovata documentazione attinente lo spaccio di stupefacenti.
Anche in questo caso, così come nel rinvenimento dell’arsenale avvenuto l’8 settembre scorso, sono state abbattute delle pareti divisorie appositamente costruite ad arte ed utilizzate come nascondiglio. A seguito del sequestro, è stata indagata una donna per il reato di favoreggiamento reale aggravato.

I controlli della Polizia mirano a scongiurare altri fatti di sangue come quelli recentemente avvenuti nel rione Japigia e riconducibili ad una guerra tra clan per il controllo del territorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400