Sabato 19 Giugno 2021 | 20:37

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiL'approdo
Brindisi, la nave scuola Palinuro attracca a sorpresa nel porto

Brindisi, la nave scuola Palinuro attracca a sorpresa nel porto

 
FoggiaSerie C
Calcio, Zeman torna al Foggia: i tifosi rossoneri tornano a sognare

Calcio, Zeman torna al Foggia: i tifosi rossoneri cominciano a sognare

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 
BariIl premio
Magna Grecia Awards: da Aleida a Mirabella, lo spettacolo sul sagrato di S. Nicola

Magna Grecia Awards: da Aleida a Mirabella, lo spettacolo sul sagrato di S. Nicola

 
LecceIl fatto
Lecce, misterioso incendio distrugge tre auto

Lecce, misterioso incendio distrugge tre auto

 
Potenzabollettino regionale
Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

Basilicata, solo 13 sono risultati positivi al covid-19

 
BatIl fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 

i più letti

Il comnizio

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba» Video

Il vicepremier ignora i cori di un gruppo di giovani: la piazza va in suo aiuto

«Se ci fossero i partigiani veri a vedere questi dieci sfigati si rivolterebbero nella tomba», oppure «la mamma dovrebbe dirti che mostrare il dito medio è da maleducati": sono due delle frasi che stamani, a Melfi (Potenza), il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini, ha usato per ribattere ai contestatori durante il suo comizio.  Lo ha fatto sfruttando anche il favore della piazza che, più volte, lo ha sostenuto applaudendo o urlando: «Lega! Lega!» o "Matteo! Matteo!».

Quando si è detto annoiato per l’accusa di «fascista», Salvini ha spiegato: «Sono orgogliosamente italiano». Poco dopo ha ringraziato «i tanti papà e le tante mamme che in questi giorni sono venuti ai miei comizi con i figli». Appena il tono della contestazione lo ha disturbato in modo particolare, Salvini ha ottenuto gli applausi della folla - e urla di approvazione - ricordando di «aver ridotto gli sbarchi del 95 per cento» e che «liste di attesa nella sanità di oltre due anni sono indegni di un Paese civile nel 2019».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie