Mercoledì 25 Novembre 2020 | 02:38

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Puglia, M5s verso la vicepresidenza del Consiglio regionale

Puglia, M5s verso la vicepresidenza del Consiglio regionale

 
Il caso
Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

 
Il report
L'allarme Svimez: «Al Sud persi 10 mld per ogni mese di lockdown»

L'allarme Svimez: «Al Sud persi 10 mld per ogni mese di lockdown»

 
La polemica
Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

 
Il nuovo impianto
Bari, si accendono le luci nel parco della Caserma Rossani: il videotour di Decaro

Bari, si accendono le luci nel parco della Caserma Rossani: il videotour di Decaro

 
Il siderurgico
Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva»

Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva». Il sindaco di Taranto: «Preoccupati dal negoziato»

 
La polemica
Regionali Puglia, Blasi e De Santis del Pd fanno ricorso al Tar

Regionali Puglia, Blasi e De Santis del Pd fanno ricorso al Tar

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 23.232 nuovi casi e 853 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 23.232 nuovi casi e 853 morti nelle ultime 24 ore

 
La nomina
Bari, il nuovo arcivescovo mons. Satriano arriva il 25 gennaio

Bari, il nuovo arcivescovo mons. Satriano arriva il 25 gennaio

 
La decisione
Covid 19, all'Università di Bari didattica a distanza fino al 31 gennaio 2021

Covid 19, all'Università di Bari didattica a distanza fino al 31 gennaio 2021

 
Il bollettino
Covid Puglia, un'ecatombe: 52 morti in 24 ore (21 nel Foggiano). Cala il rapporto dei contagi: 1.567 casi su circa 10mila tamponi

Covid Puglia, un'ecatombe: 52 morti in 24 ore (21 nel Foggiano). Cala il rapporto dei contagi: 1.567 casi su circa 10mila tamponi

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

 
BariLa polemica
Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

 
TarantoIl siderurgico
Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva»

Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva». Il sindaco di Taranto: «Preoccupati dal negoziato»

 
FoggiaIl virus
Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

 
LecceMusica
Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti

Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti. Calo nelle terapie intensive

 
MateraL'indagine
Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

 
BrindisiOperazione dei Cc
Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

 

L'intervista

Covid, Emiliano non esclude lockdown: «Decisione difficile, a marzo e aprile ci ha salvato. De Luca? Non lo giudico»

Il Governatore pugliese parla di picco che mette a dura prova gli ospedali. I numeri sono il doppio di quelli della primavera scorsa. E se la prende per le elezioni spostate a settembre

Non lo dice a chiare lettere, parla di decisioni difficili da assumere e cita il termine lockdown solo per ricordare i benefici prodotti a marzo e aprile per fronteggiare il picco di contagi. Il Governatore della Puglia, Michele Emiliano, ospite della trasmissione Titolo V in onda su Rai 3, pur incalzato dalla conduttrice, non si sbottona più di tanto ma appare chiara la sua linea di chiusura per frenare questa inarrestabile ondata di contagi..

Alla domanda di cosa pensa della decisione del Presidente della Regione Campania, De Luca, di chiudere tutto per 30-40 giorni vista l'impennata di contagi da Covid 19, il governatore della Puglia risponde: «Non faccio il critico politico, il giudizio lo danno i giornalisti» e incalzato «Lei con quei numeri avrebbe fato la stessa scelta?», replica «Sono un collega del presidente della Regione Puglia (in realtà voleva dire Campania), e sono stato un collega del sindaco di Napoli, l'ultimo dei miei pensieri è dare un giudizio sulla loro attività».

Sul nuovo picco di contagi sottolinea che «A questa seconda ondata moltissimi non credevano. Immaginate ci hanno fatto fare persino le elezioni, noi come presidenti di regione chiedevamo di farle a luglio perchè temevamo questo, e il Cts, il comitato tecnico scientifico che appoggia il Governo in queste scelte, ci ha spostato a settembre. Questo ha determinato che nella mia regione si siano infettati persino i candidati presidente, abbiamo in questo sparso dovunque un innesco che in maniera sconsiderata ha sparso dovunque un innesco»».

«Noi siamo preoccupati - aggiunge Emiliano - non perchè questo virus uccide ma perchè non abbiamo posti letti sufficiente per gestire questa ondata che è il doppio di quelle di marzo e aprile».

In Puglia, ieri, si sono registrati circa 600 casi e i ricoveri stanno progressivamente aumentano. Sulla situazione generale dice: «Io sono sicuro che il trend andrà avanti così, mentre a marzo aprile avevamo un lock down, quindi il nemico che fronteggiava in picco, che in Puglia non ha mai superato contemporaneamente il picco di 3mila contagiati, oggi questo muro non c'è e non abbiamo l'impressione che ci siano elementi nella società, sia il coprifuoco che le altre misure, che siano in grado di fermare questo picco». E conclude: «Se noi non abbiamo posti letto bisogna prendere decisioni difficili ma evidenti a tutti».

IL POST SU FACEBOOK: SERVONO MISURE SEVERE OVUNQUE - In un post a corredo della clip video dell'intervista scrive: Servono misure severe ovunque in Italia prima che i nostri ospedali siano sopraffatti. I numeri dei contagiati sono troppo alti e serve diminuirli rallentando la circolazione delle persone. Si deve uscire di casa solo per lavorare, istruirsi o per altre gravi necessità. La nostra vita sociale e familiare deve essere prudentissima. Si può accettare qualche rischio in più solo per garantire la sopravvivenza economica a tutti.
Se si colpiscono attivitá economiche la regola deve essere che la sopravvivenza di quelle famiglie va garantita da tutti quelli che continuano a lavorare e a produrre reddito. Dobbiamo uscirne con unità, solidarietà e attenzione».

ASSESSORE LOPALCO: COMPORTARCI COME FOSSIMO IN LOCKDOWN - «Dovremmo individualmente e spontaneamente comportarci come se fossimo in lockdown": lo ha detto ospite a Progress, su Sky TG24, l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco.

«La situazione - ha proseguito - rispetto a marzo è completamente diversa, perché a marzo abbiamo subito un’ondata pandemica senza preavviso e senza far nulla perché non sapevamo che stava covando questa serie di contagi. Orai i contagi li vediamo, li stiamo registrando e cerchiamo di controllarli.

Ora ha aggiunto - sappiamo bene che dobbiamo controllare i contagi ma non può farlo soltanto la sanità perché non si riesce, è necessario prendere le misure cosiddette non mediche, come distanziamento sociale, mascherine e confinamento. Prima ancora di aspettare la decisione del Governo ogni italiano dovrebbe rendersi conto che la situazione è critica e dovrebbe limitare al minimo i contatti personali».

«In questo momento le terapie intensive non sono un problema, ora il problema è la reperibilità dei posti letto ordinari. L’altro problema è il tracciamento sul territorio, in Puglia ad esempio al momento stiamo reggendo ma se i numeri dovessero crescere il tracciamento dev'essere allentato perché non ci sono uomini».

«È inutile parlare di cosa non ha funzionato, se non ci sono gli uomini non possiamo formarli in due mesi, ci vogliono dieci anni per formare uno specialista. In Italia sono anni e anni che siamo in carenza di personale», ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie