Sabato 31 Ottobre 2020 | 15:21

NEWS DALLA SEZIONE

la situazione
Emergenza Covid, Lopalco: «La Puglia non è fase 4, il virus non è fuori controllo»

Emergenza Covid, Lopalco: «La Puglia non è in fase 4, il virus è sotto controllo»

 
Serie C
Bari, striscione con sfottò prima della trasferta-derby contro il Foggia alla Zaccheria

Bari, striscione con sfottò prima della trasferta-derby contro il Foggia alla Zaccheria

 
Il processo
Popolare Bari, tentò tutela azionisti: Longo esce dall'inchiesta

Popolare Bari, tentò tutela azionisti: Longo esce dall'inchiesta

 
dati regionali
Covid, + 166 nuovi contagi da Covid (47 sono in Puglia) e 1703 tamponi: un decesso nel Materano

Covid, + 166 nuovi contagi Covid (47 sono in Puglia) e 1703 tamponi: un morto nel Materano

 
regione
La Puglia ha un nuovo Consiglio: Stefanazzi confermato capo di gabinetto.

La Puglia ha un nuovo Consiglio: Stefanazzi confermato capo di gabinetto.

 
istruzione e covid
Puglia parziale riapertura scuole, sindacati: «Non basta»

Puglia parziale riapertura scuole, sindacati: «Non basta»

 
Emergenza contagi
Tamponi Covi in Pugliad, ecco l'elenco dei laboratori accreditati dalla Regione: 19 pubblici e 23 privati

Tamponi Covid in Puglia, ecco l'elenco dei laboratori accreditati: 19 pubblici e 23 privati

 
dopo 5 anni
Trani, bracciante morta nei campi: «Fu omicidio colposo» A giudizio datore di lavoro

Trani, bracciante morta nei campi: «Fu omicidio colposo». A giudizio datore di lavoro

 
gesto atroce
Orrore in Basilicata: uccide cane trascinandolo legato al furgone

Orrore in Basilicata: uccide cane trascinandolo legato al furgone

 
sanità
Emergenza ricoveri in Puglia, terapie intensive all’80%: «Non ci sarà il tutto esaurito»

Emergenza ricoveri in Puglia, terapie intensive all’80%: «Non ci sarà il tutto esaurito»

 
L'ordinanza
Basilicata, da lunedì in scuole superiori solo didattica a distanza.

Basilicata, da lunedì in scuole superiori solo didattica a distanza.

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, striscione con sfottò prima della trasferta-derby contro il Foggia alla Zaccheria

Bari, striscione con sfottò prima della trasferta-derby contro il Foggia alla Zaccheria

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceduplice omicidio
Lecce, «Uccisi con 70 coltellate?» Il killer sorpreso dalla sua stessa ferocia

Lecce, «Uccisi con 70 coltellate?» Il killer sorpreso dalla sua stessa ferocia

 
Batpericolo contagio
Barletta, positivi Covid due parroci: uno è ricoverato al Mons.Dimiccoli

Barletta, positivi Covid due parroci: uno è ricoverato al Mons.Dimiccoli

 
Tarantointervento dei CC
Taranto, lite condominiale finisce a coltellate: due denunciati

Taranto, lite condominiale finisce a coltellate: due denunciati

 
BrindisiControlli dei CC
Ceglie Messapica, ruba guanti e igienizzante nella struttura sanitaria dove lavora: nei guai un 54enne

Ceglie Messapica, ruba guanti e igienizzante nella struttura sanitaria dove lavora: nei guai un 54enne

 
BariIl processo
Popolare Bari, tentò tutela azionisti: Longo esce dall'inchiesta

Popolare Bari, tentò tutela azionisti: Longo esce dall'inchiesta

 
Potenzadati regionali
Covid, + 166 nuovi contagi da Covid (47 sono in Puglia) e 1703 tamponi: un decesso nel Materano

Covid, + 166 nuovi contagi Covid (47 sono in Puglia) e 1703 tamponi: un morto nel Materano

 
Foggiaquesta mattina
Foggia, accusa malore mentre fa visita al cimitero: muore 65enne

Foggia, accusa malore mentre fa visita al cimitero: muore 65enne

 
MateraEmergenza contagi
Matera, monaci positivi Covid: chiuso santuario di Maria Santissima di Picciano

Matera, monaci positivi Covid: chiuso santuario di Maria Santissima di Picciano

 

i più letti

Lavoro

Landini a Bari per Stati Generali Cgil: «Ripresa, ma non sappiamo se duratura»

Il segretario generale ha parlato anche della scuola e dell'imminente referendum

BARI - Il messaggio che filtra con prepotenza è uno solo: altri treni non passeranno, il momento del cambiamento è adesso. La Cgil pugliese serra i propri ranghi per lanciare una sfida che è regionale solo di nome, ma nazionale di fatto. Gli Stati generali del sindacato rosso, svoltisi ieri al Petruzzelli di Bari, alla presenza (reale e virtuale) di quattro ministri, hanno infatti il sapore di una scossa. Una scossa «di parte», come affermerà a chiare lettere il segretario nazionale Maurizio Landini, tutta orientata al rilancio del welfare e a una conversione attiva del ruolo dello Stato in una economia sempre più etica e sostenibile.
Le tesi si incrociano, così come le notizie e i riferimenti alla cronaca politica, anche per merito di un Nichi Vendola in grande spolvero. Al microfono si alternano i ministri Giuseppe Provenzano (Sud), Francesco Boccia (Affari Regionali) e Nunzia Catalfo (Lavoro). In collegamento video Stefano Patuanelli (Sviluppo economico) e la vicepresidente dell’Emilia Romagna, Elly Schlein (assente invece il sindaco Decaro). E ancora, monsignor Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto e delegato della Cei per lavoro e ambiente, cui spetta il compito di lanciare, pur nel mezzo del dibattito, la premessa di tutto. E cioè «l’arrivo della tempesta perfetta: povertà, riduzione dei posti di lavoro, crisi ambientale. Un tornado - riflette - che sta per investirci e qui nessuno si salva da solo o inseguendo un unico disegno». Al segretario regionale della Cgil, Pino Gesmundo, il compito invece di illustrare le sette proposte di cambiamento (elaborate con l’ausilio dell’economista Michele Capriati, coordinatore dei lavori), a Landini quello di tirare le fila di un discorso lungo e articolato. Proprio Gesmundo snocciola le priorità del sistema Puglia, dalla logistica, alla portualità, al raddoppio della Termoli-Lesina fino all’integrazione del sistema idrico e a un nuovo piano per le politiche socio-sanitari. Porte aperte al Mes («non sono risorse a cui rinunciare a cuor leggero») con un auspicio generale sullo sfondo: «Al Mezzogiorno servono politiche che adottino una strategia di sviluppo di lungo periodo con una visione centrata sulle nostre peculiarità».

Piovono così suggerimenti, spunti, idee. Ma anche annunci. Patuanelli, affascinato dall’idea di una nuova Iri, afferma che convocherà i sindacati la prossima settimana per discutere dell’utilizzo del fondi europei: «Abbiamo pochi assi di intervento come Mise - spiega - : digitalizzazione, supporto a transizione energetica e rafforzamento del sistema produttivo, penso a tutto il pacchetto 4.0, il tempo non gioca a nostro favore, vogliamo essere pronti il 15 ottobre, i giorni non sono molti». Il cuore della partita è tutto qui. Sono le risorse europee, variamente intese, a costituire il motore di quel cambiamento a lungo invocato. Per questo - nel pensiero dei protagonisti - o il treno si prende adesso o non si prende più.
Su come impiegare le risorse non mancano i terreni di comune confronto: rilancio della produzione industriale, politiche sociali, difesa della unità nazionale. E poi ancora innovazione tecnologica e contrasto all’emergenza climatica. Provenzano rivendica il ruolo attivo del governo nella difesa degli interessi meridionali, tranciando però alcune sortite dei suoi colleghi di governo: «Non voglio citare il ponte sullo stretto di Messina su cui si esercita la fantasia di alcuni: dopo il ponte ci sarà il tunnel, poi le piste ciclabili e i monopattini. Spero nessuno proponga la funivia o la catapulta». Liquidato il tema, il ministro procede con gli argomenti più forti della propria azione politica: il piano per il Sud e la fiscalità di vantaggio introdotta dal decreto Agosto. Landini, però, mostra perplessità: «Gli sgravi non sono sufficienti, servono investimenti. E comunque ne deve beneficiare chi rispetta i contratti nazionali».

Un punto, quest’ultimo, su cui la Cgil non arretra. Anzi, rilancia: «Lo diciamo alle imprese e a Confindustria: è il momento di rinnovarli, non di bloccarli. Serve un nuovo statuto dei diritti dei lavoratori». Sull’unità nazionale si concentra invece l’analisi di Boccia che rievoca l’autonomia differenziata, chiarendone i paletti: «Come ribadito anche dal Presidente della Repubblica restano centrali il principio di sussidiarietà e il finanziamento integrale dei Lep. Le risorse europee devono servire a ridurre le disuguaglianze». Al momento, però, non si tratta solo di rilanciare, ma anche di difendere. O meglio, continuare a difendere. Catalfo annuncia la riforma della Cig entro fine mese sottolineando come «ci sarà una differenza tra agli ammortizzatori che andranno a un’azienda che possiede una prospettiva e quelli destinati a chi si avvia alla chiusura». Grande spazio poi alla detassazione dei rinnovi, all’utilità dello smart working nella salvaguardia di molti posti di lavoro, fino alla formazione immaginata come «il motore per far riprendere una occupazione comunque in risalita».

Difficile, però, tener fuori da tutto questo la politica. Se sul referendum la maggioranza Pd-M5S guarda al «sì» mentre la Cgil lascia libertà di voto ai propri iscritti, è sulle Regionali che si consumano le affermazioni più vibranti (tra i candidati, presente in platea solo Antonella Laricchia. Emiliano era a Foggia per l’ultimo saluto al giovane volontario travolto sulla A16). È Vendola ad aprire le danze con un duro affondo contro Raffaele Fitto: «È la preistoria. Quando governava, la Puglia non era nemmeno sulle carte geografiche, è stato il centrosinistra a rivelare la regione al mondo con un’idea di futuro. E non con idee di ramificazioni di clientele». Da parte sua, l’ex governatore, schierato per il no al referendum, ammette gli errori dei progressisti pugliesi e romani («abbiamo sbagliato tutti, anch’io»), ma loda il governo Conte e non chiude a un possibile ritorno in politica: «C’è bisogno di riportare milioni di persone ad appassionarsi. Tutti devono fare qualcosa, me compreso». Boccia, invece, torna sulla mancata intesa pugliese con Iv e, soprattutto, con il M5S ricordando «che, se dopo le primarie, io e Nichi ci fossimo divisi la primavera pugliese non sarebbe mai nata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie