Sabato 06 Giugno 2020 | 20:31

NEWS DALLA SEZIONE

musica
«Lost Tapes», il jazz che nessuno ricorda

«Lost Tapes», il jazz che nessuno ricorda: da oggi online il primo appuntamento col clarinetto di Enzo Lorusso

 
nuove uscite
Mecna

«Ho guardato un'altra»: l'amore a distanza nel nuovo singolo di Mecna

 
fase 2
«It's time to go», il Conservatorio di Taranto non si ferma

«It's time to go», il Conservatorio di Taranto non si ferma

 
musica
Medimex, via all'edizione «online» con Tommaso Paradiso e Claudio Simonetti

Medimex, via all'edizione «online» con Tommaso Paradiso e Claudio Simonetti

 
scena musicale
Castellana, con Trulletto Records la musica si fa progetto

Castellana Grotte, con Trulletto Records la musica si fa progetto

 
Musica
«Che bella giornata!», Il singolo d’esordio del cantautore Stabile

«Che bella giornata!», il singolo d’esordio del cantautore Stabile

 
Musica
Tassone e Tempera con Sarah Jane Morris per «Amarsi un po’»

«Amarsi un po’»: Tassone e Tempera con Sarah Jane Morris e i giovani talenti pugliesi

 
Progetto musicale
La Krikka Reggae è ripartita in “Confusione”

Dalla Basilicata la Krikka Reggae è ripartita in “Confusione”

 
alle 18.45
Roma, Giovanni Rinaldi col suo contrabbasso al Quirinale

Il barese Giovanni Rinaldi col suo contrabbasso in diretta Rai dal Quirinale

 
musica
«Robin Hood»: il cantautore barese Il Mago torna con un nuovo singolo

«Robin Hood»: il cantautore barese Il Mago torna con un nuovo singolo

 
nuove uscite
«Odore d'incenso»: il pugliese Junior V racconta la sua maturità musicale

«Odore d'incenso»: il pugliese Junior V racconta la sua maturità musicale

 

Il Biancorosso

Calcio
Frattali, Di Cesare e Scavone. Nel Bari c’è chi ha già vinto la C

Frattali, Di Cesare e Scavone. Nel Bari c’è chi ha già vinto la C

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiNel Brindisino
Francavilla F.na, prende a bastonate l'ex della fidanzata che finisce in coma: fermato

Francavilla F.na, prende a bastonate l'ex della fidanzata che finisce in coma: fermato

 
Bari6 mln dal Comune
Bari ,arrivano i fondi del bando «Open» aiuto a piccoli negozi e ambulanti

Bari, arrivano i fondi del bando «Open» aiuto a piccoli negozi e ambulanti

 
FoggiaNel foggiano
Carpino, accoltella 19enne per alcuni «sguardi provocatori»: arrestato 21enne per tentato omicidio

Carpino, accoltella 19enne per alcuni «sguardi provocatori»: arrestato 21enne per tentato omicidio

 
PotenzaAmbiente
Potenza, raccolta dei rifiuti nel territorio lucano sull’orlo del baratro

Potenza, raccolta dei rifiuti nel territorio lucano sull’orlo del baratro

 
BatLa testimonianza
New York come l’11 settembre

New York come l’11 settembre: il racconto di un imprenditore di Andria

 
Tarantospaccio
Taranto, si affacciava al balcone per controllare gli «acquirenti»: arrestata pusher 35enne

Taranto, si affaccia al balcone per controllare «acquirenti»: arrestata pusher 35enne

 
MateraEconomia
Bernalda, spazi pubblici in concessione. Chiesto un ampliamento

Bernalda, spazi pubblici in concessione. Chiesto un ampliamento

 
LecceIl fatto
Trepuzzi, travolse un ciclista. Condannato a 18 anni per «Omicidio volontario»

Trepuzzi, travolse ciclista: condannato a 18 anni per «omicidio volontario»

 

i più letti

l'intervista

Cordio a Brindisi canta «Il Paradiso»: «Sogno un mondo con più empatia». Il 15 fuori l'EP prodotto da Ermal Meta

Il cantautore catanese si racconta: «Mi piace che la musica diventi un pretesto per vivere nuove esperienze»

Ho conosciuto Pierfrancesco Cordio lo scorso agosto a Polignano a Mare (Ba), nel backstage della manifestazione "Meraviglioso Modugno": io ero lì per lavorare, lui per cantare e per essere premiato dalla Federazione Autori, e ci siamo ritrovati in una lunga e spontanea chiacchierata, tra nostalgia della città d'origine (lui Catania, io Lecce), mancanza di empatia nella società, e fede in Dio. Mi è rimasta impressa la profondità di questo ragazzo di appena 24 anni, che dopo aver conosciuto Ermal Meta per caso (era suo grande fan e si è avvicinato per ringraziarlo per le sue canzoni) si è ritrovato ad aprire la maggior parte dei suoi concerti, ha presentato a Sanremo Giovani 2019 il brano "La Nostra Vita", e ora è fra i 65 di Area Sanremo (nei prossimi giorni si conosceranno i nomi dei 2 che rientreranno nella categoria Nuove Proposte al Festival 2020). La vera notizia, tuttavia, è che il 15 novembre uscirà "Ritratti post diploma", un EP di 6 canzoni prodotto da Ermal Meta in cui Cordio racconta l'amore e il dolore che attraversato in questi 24 anni di vita. Il disco, che ha tutte le carte in regola per essere un prodotto intenso e ricco di contenuti, è stato preceduto dal singolo "Il Paradiso", una 'ninna nanna piena di rabbia' accompagnata da un emozionante video girato insieme ai bambini del quartiere Paradiso di Brindisi, uno di quelli considerati più "a rischio" d'Italia.

Sui giornali non si parla tutti i giorni del rione Paradiso. Da dove arriva quest'idea?

«È del regista, che è quasi un mio omonimo perché si chiama Francesco Cordio. Lui gira documentari, ha lavorato anche con Daniele Silvestri, conosce bene il territorio e si è ricordato dell'esistenza di questo quartiere popolare, dove c'è anche una scuola di musica per bambini. Abbiamo pensato che ambientando lì il video ogni singolo verso della canzone avrebbe avuto un nuovo senso. Con un testo così non volevo rischiare di fare un video didascalico o stucchevole»

Quando hai messo piede a Brindisi qual è stata la prima cosa che ti ha colpito?

«Mi sono sentito fin da subito a mio agio. Il cuore mi scoppiava di gioia, i bambini erano impazziti già alla vista della telecamera, alla fine l'esperienza è stata più significativa del video in sé. Non dimenticherò mai quando abbiamo girato la scena con il pianoforte in mezzo alla piazza, ed è scesa una signora che mi ha detto che non usciva di casa da tre mesi, ma ci teneva a salutarmi. È bello quando la musica diventa un pretesto per entrare nella vita delle persone: è un po' la mia missione, non voglio essere il cantante che si prende gli applausi dal piedistallo. Voglio incontrare le persone, vivere le situazioni. I ragazzi di Brindisi, ad esempio, scrivono tutti rap, abbiamo improvvisato un concerto, qualcuno mi ha anche inviato dei brani. Si è creata una connessione»

Cos'è per te il paradiso?

«Da credente ho l'idea che sia un po' il "posto promesso", e mi aspetto che ci andremo tutti. Il paradiso in Terra è un posto in cui c'è condivisione, umanità, nulla di utopico, non è che diventiamo perfetti da un giorno all'altro. Semplicemente è un posto in cui con un po' di buona volontà si può vivere con maggior empatia, meno competizione. Se si parte dal presupposto che noi per primi siamo imperfetti, le imperfezioni degli altri si perdonano»

Come descrivi il rapporto fra te e Ermal?

«A volte è inspiegabile. È nato da pochi secondi e poche parole di scambio, in cui io con la voce tremante lo ringraziai per le sue canzoni che mi avevano accompagnato. Da quel piccolo gesto è nato un rapporto che è come quello fra due fratelli. E un fratello è una persona con cui parli con verità, a cui racconti tutto, a cui vuoi bene a prescindere, anche quando non ci si vede o si sente»

Che tu abbia il sogno di Sanremo ci è chiaro. Del panorama musicale italiano cosa ti piace?

«Sanremo è il festival della canzone italiana, come potrei non sognare quel palco? Della nostra musica mi piace tutto quello che ha verità. Posso ascoltare indifferentemente un rapper, un cantautore o un interprete, ma cerco sempre la qualità: per esempio Gazzelle è uno che si esprime in un modo molto diverso da me, racconta dinamiche lontanissime da quelle che vivo io, ma mi piace perché lo fa bene, dà profondità a ciò che racconta. Vince chi riesce a creare stupore, a farti vedere qualcosa che non stavi vedendo. Ecco perché ho sia i dischi di Salmo, sia quelli di Niccolò Fabi»

Secondo te la musica italiana che piega sta prendendo?

«Oggi gli schemi della discografia contano meno, non è necessario che tu sia carino e canti canzoni d'amore rassicuranti. Oggi c'è più contatto diretto tra artisti e fan. Forse l'unico problema e che c'è troppa roba, basta scrivere due rime sul telefono e tutti diventiamo artisti. Però chi è bravo ce la fa comunque»

Come vivi il rapporto con la fama?

«Per ora molto bene, ho trovato un equilibrio che consiste nello scendere dal piedistallo, dove mi sento a disagio. Non voglio essere un idolo, sono una persona normale, e non avendo praticamente filtri non riuscirei nemmeno a tenere quell'abito, ne soffrirei. La fama la vivo bene perché per ora è poca, le persone che mi seguono le conosco, ci prendo il caffè, mi scrivono. È una relazione normale»

Dove sarai fra dieci anni? 

«Spero da qualche parte con mia moglie. Poi per il lavoro si vede»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie