Giovedì 15 Novembre 2018 | 08:10

NEWS DALLA SEZIONE

Crisi in Comune
Taranto, Si avvia lo scioglimento del Consiglio: già raccolte 13 firme

Taranto, Si avvia lo scioglimento del Consiglio: già raccolte 13 firme

 
A taranto
Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

 
Incidente sul lavoro
Taranto, due operai cadono da impalcatura in quartiere Tamburi

Taranto: il cestello della gru si ribalta, precipitano e muoiono due operai

 
Ambiente
Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

 
Furto
Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

 
La vicenda
Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

 
La tragedia in Francia
Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: le sue ceneri sparse in mare

Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: il corpo sarà cremato

 
Pericolo sventato
Taranto, raccolgono funghi velenosi senza saperlo: salvati dai forestali

Taranto, raccolgono funghi velenosi senza saperlo: salvati dai forestali

 
Blitz dei carabinieri
Caporalato, tre rumeni arrestati a Ginosa: sfruttavano i braccianti

Caporalato, tre rumeni arrestati a Ginosa: sfruttavano i braccianti

 
Voleva rivenderlo
Ruba scivolo da parco giochi, denunciato 36enne a Taranto

Ruba scivolo da parco giochi, denunciato 36enne a Taranto

 
Due operazioni
Droga, 2 denunce a Brindisi e un arresto a Leporano dopo perquisizioni in casa

Droga, 2 denunce a Brindisi e un arresto a Leporano dopo perquisizioni in casa

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

taranto

Ilva, la truffa dei pezzi di ricambio
domani parte il processo d'appello

Ilva, la truffa dei pezzi di ricambio domani parte il processo d'appello

Prenderà il via domani, il processo d’appello nei confronti delle persone condannate al termine del giudizio di primo grado sulla truffa ai danni dell’Ilva per materiale di ricambio utilizzati nello stabilimento e pagato anche 10 volte di più del loro reale valore di mercato. Al termine del processo dinanzi al tribunale di Taranto erano 32 le condanne, 6 le assoluzioni e per 10 imputati era stato sancito il «non luogo a procedere per intervenuta prescrizione». Le indagini partite nel 2009 da un esposto presentato dallo stesso Gruppo Riva e poi integrato da una querela firmata personalmente da Fabio Riva, all’epoca vicepresidente di Riva Fire, ha portato alla luce l’ipotesi di truffa sulle forniture subita dall’Ilva tra il 2008 e il 2010. Nell’esposto furono fatti alcuni esempi, molto eloquenti, circa le modalità della truffa, compiuta attraverso i sovrapprezzi praticati in forniture elettromeccaniche oppure nell’acquisto di materiale contraffatto, prodotto con un marchio falso o, infine, semplicemente con la consegna alla società dei Riva di un tipo diverso rispetto a quello ordinato, ovviamente a un valore notevolmente inferiore.

La truffa avrebbe avuto come protagonisti numerosi dipendenti dell’Ilva, giacché la procedura per gli acquisti è guidata dall’ufficio che ha sede a Milano, ma ha diversi addentellati nello stabilimento di Taranto, partendo dagli addetti al magazzino e salendo nella scala gerarchica. L’associazione a delinquere finalizzata alla truffa sarebbe stata promossa dal grottagliese Antonio De Amicis, titolare dell’azienda Sfira, destinatario della condanna più alta a 5 anni di reclusione, e agevolata dai dipendenti Ilva dislocati nelle diverse sedi della società.[F.Ca.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400