Mercoledì 21 Novembre 2018 | 17:04

NEWS DALLA SEZIONE

La conferenza stampa
Unicef a Taranto, epidemiologo: «I bambini mangiano e respirano diossina»

Unicef a Taranto, epidemiologo: «I bambini mangiano e respirano diossina»

 
Il caso
Canapa "light", a Taranto scattano i sequestri

Canapa "light", a Taranto scattano i sequestri

 
La decisione
Taranto, sindaco Melucci ritira le dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci ci ripensa e ritira le dimissioni

 
Violenza su minorenni
Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

 
Taranto
Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

 
I funerali del 19enne
Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

 
Dopo le dimissioni
Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

 
La scoperta
Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

 
Il caso
Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

 
Promozione
Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita con Barletta

Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita col Barletta

 
L'indagine
Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

operazione polizia

Arrestato a Taranto
latitante della Scu

TARANTO - Agenti del Commissariato di Manduria e della Squadra Mobile di Taranto hanno tratto in arresto il 51enne latitante brindisino Daniele D’Amore, legato ad una frangia della «Sacra Corona Unita» di Torre Santa Susanna (Brindisi) facente capo al «clan Bruno», condannato nell’ambito dell’operazione chiamata «Scacco alla Torre» alla pena di 14 anni e sei mesi di reclusione per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il pregiudicato, che deve ancora scontare la pena residua di 7 anni, lo scorso agosto si era allontanato dalla sua abitazione, dove era in regime degli arresti domiciliari.
I poliziotti la notte scorsa lo hanno intercettato a bordo di una Ford Focus mentre, insieme a un’altra persona che era alla guida dell’auto, percorreva la statale 7 in direzione Taranto. Sono state fermate anche altre tre persone che a bordo di una Lancia Delta, a mò di staffetta, precedevano la Ford Focus del ricercato. D’Amore, che era in possesso anche carta d’identità valida per l’espatrio falsa, e la persona che viaggiava con lui, Giuseppe Iunco, manduriano di 40 anni, accusato di procurata inosservanza di pena, sono stati arrestati. Le altre tre persone, tutti originarie di Manduria, sono state denunciare per lo stesso reato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400