Martedì 02 Giugno 2020 | 14:30

NEWS DALLA SEZIONE

atti persecutori
Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

 
l'aggressione-rapina
Taranto, uomo picchiato con «nunchaku» e rapinato di 900 euro: arrestato 55enne

Taranto, uomo picchiato con «nunchaku» e rapinato di 900 euro: arrestato 55enne

 
al quartiere Paolo VI
Taranto, in casa ha 2 chili di eroina purissima: 60enne in carcere

Taranto, in casa ha 2 chili di eroina purissima: 60enne in carcere

 
il siderurgico
ArcelorMittal, a Taranto uffici chiusi: salta ispezione commissari Ilva in As

ArcelorMittal, a Taranto uffici chiusi: salta ispezione commissari Ilva in As

 
La Provincia
Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

 
Il siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
Il caso
Si torna a sparare per strada a Taranto: nessun ferito

Taranto, colpi di pistola in via Mazzini dopo diverbio. Arrestato «pistolero»: un 46enne

 
Ripensato lo showroom
Fase 2 Taranto, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

Fase 2, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

 
controlli dei cc
Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

 
lentocrazia
Taranto, ospedale S. Cataldo

Taranto ospedale San Cataldo, il sindaco: « È una vergogna nazionale. Il Governo sblocchi il progetto»

 
l'appello
Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

 

Il Biancorosso

Lutto
Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariil provvedimento
Bari, interdittiva antimafia a gestore bar e spiaggia: Comune revoca concessioni

Bari, interdittiva antimafia a gestore bar e spiaggia: Comune revoca concessioni

 
LecceSanità post emergenza
Il San Giuseppe da Copertino

L’ospedale di Copertino riapre ma l’organizzazione è disastrosa

 
Tarantoatti persecutori
Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

Taranto, armato si fa trovare sotto la casa della ex: arrestato stalker 48enne

 
Brindisil'accordo
Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

Petrolchimico Brindisi, in serata arriva l'intesa: Comune revoca sospensione

 
PotenzaDal 3 giugno
Basilicata, nuova ordinanza di Bardi: aperture in sicurezza e assembramenti vietati

Basilicata riapre in sicurezza e senza assembramenti: nuova ordinanza di Bardi

 

i più letti

era del Tarantino

Nicaragua, 54enne di Martina Franca ucciso: 3 condanne

Trentatré anni di reclusione per ciascuno dei tre presunti responsabili dell'omicidio del 54enne

Nicaragua, 54enne di Martina Franca ucciso: 3 condanne

Sono stati condannati a 33 anni di reclusione ciascuno. Si tratta di Pedro Josè Galo Torres, Erling Selim e Manuel De Jesús Caballero, ritenuti colpevoli dell’omicidio di Giacomo Fiorino, il 54enne originario di Martina Franca che da circa 14 anni risiedeva in Nicaragua, dove gestiva il negozio “Casa Italia”, costituito da un autolavaggio, un’officina e una panetteria, nella zona residenziale di Bolonia a Managua. I tre hanno confessato di essere responsabili del doppio omicidio davanti al giudice Melvin Vargas, del settimo tribunale penale di Managua, ma la sentenza è stata resa nota venerdì.

A dicembre scorso il corpo dell’italiano originario di Martina Franca, Giacomo Fiorino, venne ritrovato senza vita assieme a quello di una donna di 45 anni, Claudia Carrillo, compagna dello stesso Fiorino. I due utilizzavano il loro negozio anche come residenza, i loro corpi senza vita vennero ritrovati riversi sul pavimento da un dipendente, arrivato sul posto l’indomani mattina per iniziare il suo turno di lavoro, al momento della riapertura del locale. Una rapina di una violenza inaudita sfociata in efferato omicidio, avvenuta nottetempo, in quanto sul corpo dei due sono state ritrovate numerose coltellate, segni di strangolamento e sgozzamento. Ma secondo fonti vicine alla famiglia di Fiorino, il bottino del furto sarebbe stato soltanto di alcuni telefoni cellulari e un orologio. Le autorità di polizia locale, già poche ore dopo l’omicidio dell’uomo italiano e della donna, avevano fermato i tre presunti responsabili, poi processati e ora condannati ciascuno a 27 anni per omicidio, più altri 6 anni per rapina per un totale di 33 anni, ridotti a 30 perché in Nicaragua è questo il massimo della pena.
Secondo la ricostruzione delle autorità locali, la rapina sarebbe stata architettata grazie alla collaborazione di un dipendente dello stesso Fiorino, custode e vigilante della struttura commerciale, che avrebbe favorito l’ingresso dei suoi due complici, per poi rendersi responsabili in tre del duplice omicidio.
Giacomo Fiorino viveva da tempo lontano da Martina Franca, per 20 anni a Londra, prima di trasferirsi in Nicaragua. La sua famiglia martinese ha deciso di seppellire il suo corpo a Managua.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie