Mercoledì 13 Novembre 2019 | 13:56

NEWS DALLA SEZIONE

Rione Borgo
Taranto, picchiava e maltrattava la madre: in cella 21enne

Taranto, picchiava e maltrattava la madre: in cella 21enne

 
Dopo ok del Miur
Medicina a Taranto, le lezioni forse ripartono dal 20 novembre

Medicina a Taranto, le lezioni forse ripartono dal 20 novembre

 
L'inchiesta
Sava, anziano disabile vittima di una gang: «Io insultato perchè omosessuale»

Sava, anziano disabile vittima di una gang: «Io insultato perchè omosessuale»

 
L'inchiesta
Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

 
il siderurgico
Conte ai ministri: «Fate proposte per rilanciare tutta Taranto, non solo ex Ilva». Sindacati: sospeso scarico materie prime

Mittal, depositato recesso. Conte diviso su scudo penale con il M5S. Di Maio: chi fa disastri, paga
Nuovo incidente in fabbrica

 
Nel Tarantino
Sava, tormentano disabile per estorcergli denaro: 20 misure cautelari, coinvolti anche minori

Sava, tormentano disabile per estorcergli denaro: 18 arresti, coinvolti anche minori VD

 
nel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
il caso
Taranto, scoperti in carcere droga e un telefonino: 2 denunce

Taranto, scoperti in carcere droga e un telefonino: 2 denunce

 
università
Medicina a Taranto, Turco: «Lezioni possono riprendere»

Medicina a Taranto, Turco: «Lezioni possono riprendere»

 
dalla polizia
Taranto, tenta di uccidere anziana vicina per soldi: arrestato 78enne

Taranto, tenta di uccidere anziana vicina per soldi: arrestato 78enne

 
il siderurgico
Mittal, Conte: «Nuovo scudo solo se rispetta tutti i patti». Emiliano oggi incontra vertici Regione e sindacati, domani il premier a Taranto

Mittal, patto Conte-Merkel sull'acciaio. Patuanelli frena su nazionalizzazione
Sindacati: sospeso scarico materie prime

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraIL Quirinale
Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

 
FoggiaIn località Posta Aucello
Cerignola, 69enne uccide una donna e si ammazza: grave una vicina di casa

Cerignola, dopo lite uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si ammazza Foto

 
TarantoRione Borgo
Taranto, picchiava e maltrattava la madre: in cella 21enne

Taranto, picchiava e maltrattava la madre: in cella 21enne

 
PotenzaSoccorso in Basilicata
Potenza, acquistate 57 ambulanze per 118, consegnate 25: le prime 14 assegnate dopo il collaudo

Potenza, acquistate 57 ambulanze per 118, consegnate 25: le prime 14 assegnate solo dopo il collaudo

 
LecceIl processo
Sogliano Cavour, il pentito accusa ex sindaco: mi diede 30mila € per le elezioni

Sogliano Cavour, il pentito accusa ex sindaco: mi diede 30mila € per le elezioni

 
BrindisiL'arresto
Oria, affidato ai servizi sociali se ne infischia: finisce in cella

Oria, affidato ai servizi sociali se ne infischia: finisce in cella

 
BatPalazzo Della Marra
Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

 

i più letti

L'inchiesta

Taranto, evasione fiscale fatture false per concorsi di bellezza: chiesto processo per 30

IL caso dell'agenzia Royal di Burno Dalto: nel mirino negozi, noti ristoranti, professionisti

Taranto, evasione fiscale fatture false per concorsi di bellezza: chiesto processo per 30

Inizierà il 3 marzo del prossimo anno davanti al giudice Rita Romano l’udienza preliminare per 30 imputati per i quali il pubblico ministero Enrico Bruschi ha chiesto il processo a conclusione di un’inchiesta su un presunto giro di fatture per operazioni inesistenti emesse dalla agenzia Royal di Bruno Dalto, 53 anni, noto organizzatore di concorsi di bellezza. Ora a rischiare il processo sono titolari di negozi, noti ristoranti, imprese e liberi professionisti che avrebbero beneficato delle fatture false per evadere il fisco.

Ascoltato dagli investigatori nel 2017, fu proprio Dalto a confermare il sistema ed ammettere che molte fatture erano collegate a operazioni inesistenti, mentre altre erano state semplicemente gonfiate. Scartabellando, non senza difficoltà, tra i documenti contabili della Royal, gli investigatori trovarono nel solo 2012 fatture ritenute false per un importo di ben 390mila euro tutte emesse nei confronti di una società che confeziona abiti per adulti. Nella ragione delle fatture c’erano sponsorizzazioni ma anche servizi di imballaggio e facchinaggio.

Prestazioni, queste ultime, ritenute poco credibili dagli investigatori dal momento che la Royal non aveva dipendenti e per quelle attività sarebbero serviti almeno cinque lavoratori. Secondo gli investigatori la Royal non aveva neanche sede e scritture contabili. L’attività era in sostanza tutta sul computer trovato a casa di Dalto. Dai file è emerso che le proposte di sponsorizzazione per i concorsi di bellezza andavano da 500 a 2000 euro, mentre le fatture, anche per piccole società, erano gonfiate di dieci volte. Così sproporzionate da fare invidia alle sponsorizzazioni di una squadra di calcio professionistico.

Una società che forniva divise e tute da lavoro avrebbe ottenuto fatture per 160mila euro, ottenendo un sgravio di Iva superiore a 33mila euro. Gli investigatori hanno trovato fatture da 40-50mila euro per negozi di abbigliamento e scarpe, da quasi 60mila euro quelle a una pizzeria di Talsano e 50mila ciascuna quelle al bar e alla gelateria di una nota galleria commerciale. Stesso importo è stato fatturato a un hotel di Pulsano, location della prefinale del concorso Miss Motors e di un calendario dedicato alla sicurezza stradale. Per l’accusa, la Royal di Dalto tra il 2012 e il 2017 ha emesso un totale di 140 fatture relative a operazioni inesistenti, per circa 600mila euro. Un sistema che ha garantito a chi riceveva le fatture una riduzione dell’imponibile e quindi di Iva e Ires. All’udienza preliminare, oltre all’emissione di fatture per operazioni inesistenti, l’accusa contesta a Dalto anche un’evasione fiscale di Ires e Iva su redditi per circa 600mila euro. Fu lo «spesometro» della guardia di finanza a far scattare l’allarme. Eccessive, secondo la polizia tributaria, quelle spese di sponsorizzazione rispetto alle dimensioni delle aziende.

Sei degli imputati sono accusati di aver distrutto o comunque fatto sparire le scritture contabili delle propie attività. Un imputato, Rosario Galeoto, tarantino di 39 anni, è accusato di riciclaggio per aver «ripulito» tramite conti bancari più di 130mila euro, fatturati da Royal per operazioni inesistenti, girandoli poi all’imprenditore Valeriano Agliata. A dicembre 2018, su ordine della magistratura, scattarono sequestri per oltre 600mila euro su conti correnti e beni intestati a 18 tra ditte individuali e società.

I NOMI DEGLI IMPUTATI:

Gli imputati che rischiano il rinvio a giudizio sono: Bruno Dalto, Valeriano Agliata, Carlo Capitanio, Ettore Abbate, Carmine Russo, Concetta Russo, Roberto Stefanelli, Marco Chiriacò, Rosario Galeoto, Vito Franco, Danilo Minolfo, Palma Galasso, Tiziana Lopapa, Andrea Cellamare, Sante Bruno, Deborah Bruno, Angelo Basile, Emanuele Santoro, Giuseppe Adinolfi, Francesco Maiorano, Gianfranco Zizzo, Luciano Giungato, Armando Reale, Gianpaolo De Leonardis, Giovanni Occhinegro, Rocco Cavallo, Francesco Cavallo, Davide De Santis, Davide Caraccio e Alessandro Mercurio. Nel collegio difensivo, a partire dal 3 marzo saranno impegnati all’udienza preliminare gli avvocati Enzo Vozza, Stefania De Vincentis, Luigi Semeraro, Nicola Marseglia, Filiberto Catapano Minotti, Caterina Convertino, Luca Balistreri, Nicola Cervellera, Mario Calzolaro, Vincenzo Sapia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie