Martedì 17 Settembre 2019 | 05:07

NEWS DALLA SEZIONE

nel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
Siderurgico
Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

 
Dai carabinieri
Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

 
Incidente stradale
Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

 
La telefonata a sorpresa
Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

 
Le fiamme
Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

 
i roghi
Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto

Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto. Fiamme anche a Torre Colimena, nel Tarantino

 
L'iniziativa
«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

 
La denuncia
Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb: la protesta di Borraccino

Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb, l'azienda: 'Era di comandata'

 
L'episodio
Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano prende a pugni autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano picchia autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

 
Nel tarantino
Ginosa, tir contromano sulla SS106: polizia stradale multa conducente che aveva guidato più ore del consentito

Ginosa, tir contromano sulla SS106: polstrada multa conducente, aveva guidato troppe ore

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari pensa in grande, la Reggina per volare

Bari pensa in grande, la Reggina per volare

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLotta alla droga
Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

 
BariIl bando
Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

 
MateraNel Materano
Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

 
Tarantonel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
LecceLa tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
BatL'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
PotenzaLa challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 
BrindisiL'omicidio
Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: oggi i funerali

 

i più letti

Il dossier ex Ilva

Ginosa, Bellanova: «L’acciaio è strategico ma si rispetti l’ambiente»

Il neo ministro Bellanova: «Ora togliamo potere al caporalato»

Ginosa, Bellanova: «L’acciaio è strategicoma si rispetti l’ambiente»

Foto d'archivio

TARANTO - È pragmatico il neo ministro per le Politiche Agricole, Teresa Bellanova, ospite della festa dell’Unità: espone subito le sue idee partendo dalla lotta al caporalato e alla prevenzione, puntare sul miglioramento della filiera agricola, riprendere azioni efficaci contro la Xylella e idee chiare sull’Ilva che deve rispettare le direttive ambientali ma rappresenta un polo centrale per la produzione di acciaio.

Prima del dibattito sul palco della festa dell’Unità, affiancata dal segretario provinciale Uil, Giancarlo Turi, il segretario provinciale Cgil, Paolo Peluso e il segretario per Taranto e Brindisi della Cisl, Antonio Castellucci, il ministro è stato ricevuto dalla Giunta, dal vicesindaco, Nicola Piccenna e da una rappresentanza locale del Partito Democratico nell’aula consiliare del Comune.

Teresa Bellanova non «cavalca la tigre» della chiusura dello stabilimento siderurgico: «Il settore dell’acciaio è fondamentale – ha spiegato la Bellanova – pensiamo se si vuole creare una lavatrice, un’automobile, se hai bisogno dell’acciaio devi produrlo. È un punto di forza sul territorio pugliese e nazionale ma certamente occorre puntare sul binomio ambiente e sviluppo. Non possiamo più permetterci di non salvaguardare la salubrità dei posti che abitiamo in un territorio che ha una chiara e vitale vocazione sempre più turistica nonché agricola». Il ministro ha parlato di cinque miliardi di euro che devono essere spesi per creare quelle condizioni che possono avere una valenza economica sia sulle aree portuali, sia sulle aree agricole e la messa in sicurezza dell’industria : «occorre attivarsi anche con le industrie di trasformazione del prodotto – ha detto la Bellanova – per rilanciare l’autonomia produttiva del settore agricolo».

Le linee guida del suo mandato saranno comunque «dominate» dallo sviluppo e dalla lotta al caporalato: è su quest’ultimo che apre il suo intervento in sala consiliare, aprendosi anche alle domande dei cittadini e del «Tavolo verde», affiancata dal vicesindaco Piccenna, dal consigliere regionale pentastellato, Marco Galante e dal capogruppo consiliare del Pd, Paolo Costantino. «La grande sfida è togliere potere al caporalato che spesso vuol dire criminalità – ha detto il ministro – il caporale riduce in schiavitù prima i lavoratori e poi le imprese. Il lavoratore deve sapere dove rivolgersi liberamente per poter iniziare un lavoro e farlo nelle migliori condizioni, senza ricatti, senza rischiare la propria vita». Toccante il momento in cui nell’aula si è letta la lettera che avrebbe potuto scrivere una giovane bracciante, morta in un incidente in uno dei pulmini che all’alba trasportano i braccianti nei campi. «Sono stata una di loro anche io – ha rammentato la Bellanova – non ho potuto dedicarmi agli studi ma alle nuove generazioni dico sempre che studiare è importante: chi sa, può». Il ministro ha ribadito di aver chiesto con urgenza il fascicolo sulla Xylella per avere un piano di azione che parte dal risanamento e dal reimpianto e che rimane aperto e da affrontare sia il tema sulle calamità naturali sia quello relativo alla regolamentazione dei flussi migratori. Decisivo anche il passaggio sulla Pac, la Politica Agricola Comunitaria: «non dimentichiamoci che formare consumatori attenti vuol dire creare delle generazioni che sanno dare valore ai prodotti che si consumano e che si producono», ha concluso il ministro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie