Martedì 17 Settembre 2019 | 18:58

NEWS DALLA SEZIONE

In centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
nel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
Siderurgico
Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

 
Dai carabinieri
Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

 
Incidente stradale
Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

 
La telefonata a sorpresa
Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

 
Le fiamme
Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

 
i roghi
Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto

Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto. Fiamme anche a Torre Colimena, nel Tarantino

 
L'iniziativa
«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

 
La denuncia
Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb: la protesta di Borraccino

Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb, l'azienda: 'Era di comandata'

 
L'episodio
Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano prende a pugni autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano picchia autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl personaggio
Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 
MateraSasso Caveoso
Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

 
BariPolis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
PotenzaA Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
BrindisiIncastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 

i più letti

Ebraismo

Taranto, nella città vecchia spunta una casa adattata a «sinagoga»

In un palazzetto fatiscente alle spalle della Torre dell'Orologio, vicino a piazza Fontana

Taranto, nella città vecchia spunta una casa adattata a «sinagoga»

foto Todaro

Non è una vera e propria sinagoga, semmai - forse... - un appartamento adattato a luogo di culto pressoché domestico, ad uso della ormai esigua colonia ebraica in Taranto degli anni Trenta del XX secolo (l’ultimo censimento dopo le leggi razziali registrava in Taranto appena sette famiglie di «razza ebraica»; tre – ricorda Nello De Gregorio – di nome Coen).

La scoperta è avvenuta ieri, in Città Vecchia, in un palazzetto fatiscente alle spalle della Torre dell’orologio, vicino a piazza Fontana: molto al di fuori, insomma, dello storico quartiere ebraico, situato nel «pittagio» di Turripenne, all’altro capo dell’Isola. Che in quel fabbricato pericolante (e murato) ci fosse stato un luogo di culto ebraico era voce circolante fra le famiglie di più antico radicamento a Taranto Vecchia; approfittando della Giornata europea della cultura ebraica, che si celebrerà il 15 settembre e che vedrà manifestazioni in Puglia, anche a Taranto, il Comune ha deciso di compiere un iniziale sopralluogo, avvenuto ieri, presente l’assessore al Patrimonio Francesca Viggiano. Di origine cinquecentesca, rimaneggiato e sopraelevato, il palazzetto presenta anche un peculiare comignolo che richiama la stella di Davide. Le indagini proseguiranno, con cautela, per lo stato di fatiscenza.

Taranto fu tra le prime città al mondo, subito dopo Roma, ad ospitare una comunità ebraica, dopo la diaspora (dispersione; gli Ebrei parlano di «galut», esilio) seguita alla distruzione del Tempio di Gerusalemme ed alla fine del regno di Giuda, nel 70 d.C.; una tradizione giudaica medievale stima addirittura in 5000 il numero degli Ebrei deportati a Taranto; altri centri che ospitarono presto i Giudei che avevano dovuto lasciare la loro terra furono, nei primi secoli, come segnala Cesare Colafemmina, il maggiore studioso dell’ebraismo in Puglia, Otranto, Lecce, Oria, Bari, Venosa. Numerose lapidi – spesso bilingui, in ebraico e greco prima, ebraico e latino poi – furono rinvenute nell’area dell’odierno Palazzo degli Uffici, dove fu anche scoperto un sepolcreto ebraico con deposizioni ancora in situ; sappiamo che in seguito il quartiere dei Giudei fu Turripenne.

Nel XVI secolo gli Ebrei che non accettano di convertirsi (le conversioni «incentivate» avevano prodotto già dal XIII secolo un forte numero di cosiddetti «neofiti», formalmente cristiani ma guardati con sospetto) saranno espulsi dal Viceregno di Napoli (1541), dopo la precedente cacciata dalla Spagna (1492). Ma l’avventura della illustre colonia ebraica tarantina era entrata in crisi ancor prima.

Taranto (e la Puglia) tornano provvisoriamente a popolarsi di Ebrei (non solo italiani) nel 1943/45. In un campo di Bari c'erano 650 profughi, nei dintorni 500, 200 a Taranto. Nel gennaio ‘45 – scrive Francesco Terzulli – a Bari c'erano, in attesa di partire per la Palestina, 1327 Ebrei non italiani. A marzo partì da Taranto, dopo tre giorni di visite mediche, la prima nave con 900 Ebrei diretti in Palestina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie