Mercoledì 22 Maggio 2019 | 14:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
I tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
Nel tarantino
Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

 
Arcelormittal
Ex Ilva, il maxi-altoforno sarà sempre più «verde»

Ex Ilva, il maxi-altoforno sarà sempre più «verde»

 
Stilata dal Sole 24 Ore
Classifica indice salute: Taranto fanalino di coda, Puglia meglio della Basilicata

Classifica indice salute: Taranto fanalino di coda, Puglia meglio della Basilicata

 
Il caso
Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

 
Il caso
Furti di rame da Ferrovie Sud Est: 5 denunce nel Tarantino

Furti di rame da Ferrovie Sud Est: 5 denunce nel Tarantino

 
L'operazione
Taranto, Guardia Costiera sequestra 3 quintali di cozze pericolose

Taranto, Guardia Costiera sequestra 3 quintali di cozze pericolose

 
Magna Grecia Awards
«Trasmetto ai giovani l'esempio di mio padre»: a Taranto Fiammetta Borsellino

«Trasmetto ai giovani l'esempio di mio padre»: a Taranto Fiammetta Borsellino

 
Nel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: Riesame conferma carcere per maggiorenni e 6 minori

 
Lungo i viali
Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

Liste d'attesa

Ginosa, visita urologica dopo 231 giorni: esplode il caso

La vicenda è stata risolta grazie al sindacato pensionati Cgil e della stessa Asl

Ginosa, visita urologica dopo 231 giorni: esplode il caso

Una visita urologica con priorità differibile (cioè da effettuarsi entro 30-60 giorni) fissata invece per il 23 dicembre, cioè a 231 giorni al poliambulatorio di Ginosa. Il caso era emerso lo scorso 6 maggio proprio nel corso del volantinaggio, presso il Cup dell’ospedale S.S. Annunziata “Istruzioni per l’uso” , del dépliant esplicativo, elaborato dal sindacato confederale e di categoria dei pensionati, sui comportamenti da attuarsi per la corretta applicazione delle procedure per le liste di attesa. Era stato, quindi, lo stesso segretario generale dello Spi-Cgil Taranto, Giovanni Angelini, ad accompagnare il paziente, un 82enne che vive solo co la moglie e che deambula con difficoltà, all’ufficio Relazioni con il Pubblico per presentare un reclamo circostanziato. Il ricorso è stato accolto dopo due giorni dall’accaduto ed ora il paziente ha ricevuto una telefonata dall’ufficio competente della Asl che gli ha comunicato che la prestazione è stata fissata per il giorno 4 giugno, nei tempi previsti dalla normativa, e che questa avverrà al SS. Annunziata, non più a Ginosa. A darne notizia è lo stesso Tagliente che aggiunge: «Continueremo a distribuire istruzioni per l’uso sulle liste di attesa. Conoscere i propri diritti e dare tutela è decisivo per un sindacato che rappresenta i pensionati».


La segnalazione del sindacato dei pensionati giunge peraltro proprio in concomitanza con i dati dell’ultimo rilevamento nella settimana indice 1-5 aprile 2019 in modalità ex ante conosciuti in Regione (non c’è traccia di dati aggiornati sui siti istituzionali) e aspramente commentati dal presidente della commissione regionale Bilancio, Fabiano Amati. «In quasi tutte le prestazioni ambulatoriali non sono garantiti i tempi di attesa previsti con riferimento alle classi di priorità breve e differita», dice Amati che legge i dati complessivi regionali. “I dati di tutte le strutture ospedaliere pugliesi – spiega - consentono di rilevare che su un totale di 4040 prestazioni con classe di priorità «breve», solo 2.821 risultano erogate nei tempi massimi d’attesa, cioè entro 10 giorni. Ne deriva che in 1.121 casi i tempi massimi d’attesa non sono stati rispettati. Per quanto riguarda, invece, le 6.537 prestazioni con classe di priorità «differita», solo 4.863 risultano erogate nei tempi massimi d’attesa, cioè entro 30 giorni per le visite ed entro 60 giorni per gli accertamenti diagnostici. Ne deriva che in 1.674 casi i tempi massimi d’attesa non sono stati rispettati». Scorporando il dato regionale nelle singole prestazioni delle singole strutture ospedaliere – aggiunge Amati – «si può affermare la presenza di numerose prestazioni in cui si mantengono i tempi massimi, ma tale dato, tuttavia, non è in grado di smentire la prevalenza delle situazioni in cui lo scostamento dei tempi è molto sensibile». «Per valutare ora bene i vari aspetti, si attendono – dice sempre Amati - i dati di raffronto dell’attività istituzionale con l’attività libero-professionale a pagamento».
Intanto, l’Asl Ta annuncia per lunedì 20 maggio un incontro presso il presidio “San Marco” di Grottaglie (inizio ore 8,30) per illustrare gli interventi strutturali che trasformeranno l’ospedale in un presidio postacuzie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400