Sabato 25 Maggio 2019 | 13:02

NEWS DALLA SEZIONE

Dai carabinieri
Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

 
Nel Tarantino
Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

 
Dalla Polizia
Taranto, sequestrata casa a luci rosse in centro: via vai di uomini

Taranto, sequestrata casa a luci rosse in centro: via vai di uomini

 
Al Comune
Taranto, ecco chi sono io nuovi assessori del Melucci-ter

Taranto, ecco chi sono i nuovi assessori del Melucci-ter

 
A Grottaglie
Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

 
Dalla polizia
Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

 
nel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
La decisione
Presunta truffa Inail Taranto, Corte dei Conti assolve indagati

Presunta truffa Inail Taranto, Corte dei Conti assolve indagati

 
Taranto
Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

Ex Ilva, Usb minaccia azioni legali su graduatorie esuberi

 
La morte del 66enne
Manduria, interrogati due minori dei video del pestaggio a sangue

Manduria, interrogati due minori dei video del pestaggio a sangue

 
Il caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'avviso
Trinitapoli, Comune: stop a quel pesticida, è usato troppo

Trinitapoli, Comune: stop a quel pesticida, è usato troppo

 
TarantoDai carabinieri
Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
LecceL'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 
BrindisiDai Cc
Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

Il siderurgico

ArcelorMittal scrive al sindaco di Taranto: «Non c’è alcuna emergenza»

Jehl e Pasi: l’arresto degli impianti determinerebbe emissioni più elevate

Ex Ilva, oltre 700 esodi: per nuove assunzioni valutate esperienza, anzianità e carichi di famiglia

TARANTO - «Manca qualsiasi riscontro oggettivo circa la pretesa situazione emergenziale necessaria a supportare qualsiasi provvedimento volto a limitare l'esercizio dello stabilimento di Taranto»: firmato Matthieu Jehl, amministratore delegato di ArcerlorMittal Italia e Samuele Pasi, responsabile dei rapporti istituzionali della stessa azienda. A ridosso del 2 aprile, scadenza fissata dal sindaco Rinaldo Melucci per conoscere dagli organi di controllo la reale situazione circa l'inquinamento prodotto dalle industrie, anche la multinazionale che gestisce dallo scorso 1 novembre in fitto biennale finalizzato all'acquisto lo stabilimento siderurgico di Taranto ha inteso dire la sua, inviando al primo cittadino un dossier articolato e documentato, pubblicato sul sito del Comune.

«Comprendiamo la sua volontà – scrivono Jehl e Pasi - nel responsabile esercizio delle funzioni che la legge le attribuisce, di fare chiarezza rispetto alla reale situazione ambientale e sanitaria di Taranto alla luce delle fuorvianti e contraddittorie esternazioni riprese dalla stampa che si sono succedute nell'ultimo periodo, che - condividiamo - hanno contribuito ad accrescere senza motivo le preoccupazioni della cittadinanza e dell'opinione pubblica. Ma non possiamo esimerci dal rilevare che, dalle evidenze ad oggi già ampiamente disponibili, non emerge alcuna emergenza sanitaria o ambientale, con la conseguenza che eventuali provvedimenti adottati nei confronti dello stabilimento siderurgico di Taranto sarebbero ingiustificati, carenti dei necessari presupposti e certamente dannosi». L'azienda sottolinea, così, che «la produzione delle cokerie non è aumentata e non può aumentare in ossequio alle prescrizioni imposte dal DPCM 29.09.2017. Ogni contraria indicazione è destituita di alcun fondamento» e che «l'impianto viene gestito. Sul punto, l'Ispra, nel verbale dell'ultima riunione dell'Osservatorio permanente per il monitoraggio dell'attuazione del Piano Ambientale tenutasi in data 28 marzo 2019, ha dato atto del fatto che, da novembre 2018 a marzo 2019, "non sono state riscontrate nel periodo criticità né in ordine al rispetto dei valori limite di emissione Aia né in ordine all'attuazione degli interventi del Piano Ambientale”. Non solo dunque risultano rispettati i limiti di emissione ma è stata finalmente superata la stasi determinata, in passato, dalla carenza di fondi e le prescrizioni ambientali sono finalmente in corso di attuazione».
Viene quindi sottolineato che «solo l'attuazione del piano ambientale nei tempi stringenti dettati dal DPCM 29 settembre 2017 ed ulteriormente accelerati dall'Addendum firmato con i Commissari Straordinari il 14 settembre 2018 consentirà di porre in essere, nel più breve tempo possibile, interventi che non solo sono coerenti con le migliori tecnologie oggi disponibili (BAT) ma in molti casi si pongono ben oltre le BAT medesime (come, ad esempio, nel caso della copertura dei parchi primari e secondari; della chiusura completa dei nastri trasportatori, del rispetto del limite per le polveri pari ad 8 mg/Nm3 alle batterie; ecc.). Tale percorso di attuazione degli interventi ambientali è, appunto, ben avviato e prosegue a pieno ritmo».
Un passaggio viene dedicato alle collinette ecologiche per chiarire che «esse sono state realizzate negli anni '70 quale presidio fisico a protezione del quartiere Tamburi» e, dunque, «non sono interessate da alcuna attività operativa dello stabilimento» e pertanto «nessun provvedimento adottato per contrastare asseriti rischi derivanti dalle "collinette ecologiche" potrebbe essere diretto ad ArcelorMittal e, soprattutto, potrebbe limitare l'attività industriale dello stabilimento».

In conclusione, «un'eventuale ordinanza di sospensione dell'attività dello stabilimento comporterebbe invece danni gravissimi proprio rispetto a quei beni - la salute e l'ambiente - che il provvedimento vorrebbe asseritamente tutelare. Come noto, infatti, le fasi di arresto (così come quelle di riavvio) di impianti determinano emissioni più elevate rispetto a quelle ordinarie comportando dunque, un impatto ambientale serio e certo - pur attuando ogni necessaria precauzione volta a ridurre tale impatto al minimo - a fronte di una situazione emissiva coerente con i limiti di legge e rispetto a cui non risulta comprovato alcun rischio. Sotto altro profilo, le operazioni di fermata degli impianti implicano un rischio elevato in termini di sicurezza. Per poter essere effettuate in sicurezza per i lavoratori e per la pubblica incolumità dette azioni debbono essere correttamente programmate e necessitano un tempo tecnico di attuazione molto lungo che varia a seconda dei diversi impianti (altoforni, batterie, ecc.). Un'eventuale fermata delle cokerie determinerebbe pertanto l'impossibilità tecnica di riattivazione e la conseguente chiusura di tutto lo stabilimento in modo permanente data la dimensione dello stesso». Insomma, detto che non ci sono le condizioni oggettive per ricorrere ad un simile provvedimento, viene chiarito che «Le gravi criticità in termini di sicurezza e di danno ambientale si aggiungono agli impatti, fin troppo ovvi, che il provvedimento avrebbe in termini occupazionali nonché alle conseguenze di natura economica, rispetto a cui ArcelorMittal si riserva fin d'ora ogni più ampio diritto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400