Domenica 05 Luglio 2020 | 01:56

NEWS DALLA SEZIONE

Polveri sottili
Arcelor Mittal, Bonelli: «L'inquinamento a Taranto è legalizzato. Indaghi la Procura»

Arcelor Mittal, Bonelli: «L'inquinamento a Taranto è legalizzato. Indaghi la Procura»

 
Il video
Il grazie di Pupi Avati ad una libreria di Taranto: «Coraggio, resistete!»

Il grazie di Pupi Avati ad una libreria di Taranto: «Coraggio, resistete!»

 
Ambiente
Mittal Taranto, vento sposta polveri sulla città: la denuncia degli ambientalisti

Mittal Taranto, vento sposta polveri sulla città: la denuncia degli ambientalisti VD

 
la scoperta
Taranto, usava carta prepagata per truffe online: denunciato

Taranto, usava carta prepagata per truffe online: denunciato

 
la denuncia
Taranto, sindaci e enti locali: «Miattal come Ustica, muro di gomma»

Taranto, sindaci e enti locali: «Mittal come Ustica, muro di gomma»

 
fase3
Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

 
il futuro del siderurgico
Mittal Taranto, ministro Patuanelli: «Lo Stato c'è, l'azienda è remissiva»

Mittal Taranto, Patuanelli: «Lo Stato c'è, l'azienda è remissiva»

 
La decisione
Taranto, ombrelloni anche nelle aree ricreative dei lidi per garantire distanziamento

Taranto, ombrelloni anche nelle aree ricreative dei lidi per garantire distanziamento

 
L'operazione
Riciclaggio e ricettazione di auto: arrestate 8 persone tra Taranto, Lecce, Bari e Napoli

Riciclaggio e ricettazione di auto: arrestate 8 persone tra Taranto, Lecce, Bari e Napoli VIDEO

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl ritrovamento
Auto, 200 pneumatici e bare abbandonati nel bosco di Gravina: sequestrati

Auto, 200 pneumatici e bare abbandonati nel bosco di Gravina: sequestrati

 
TarantoPolveri sottili
Arcelor Mittal, Bonelli: «L'inquinamento a Taranto è legalizzato. Indaghi la Procura»

Arcelor Mittal, Bonelli: «L'inquinamento a Taranto è legalizzato. Indaghi la Procura»

 
LecceMaltempo
Pioggia e grandine a Casarano: le strade si trasformano in torrenti

Pioggia e grandine a Casarano: le strade si trasformano in torrenti. FOTO

 
BatOccupazione e salute
Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

 
PotenzaTemporali
Maltempo, 9 allagamenti nel Potentino: 9 squadre dei vigili del fuoco

Maltempo, allagamenti nel Potentino: 9 squadre dei vigili del fuoco a lavoro

 
FoggiaFine campagna
Foggia, il grano duro di alta qualità, ma allarmano le rese basse

Foggia, il grano duro di alta qualità, ma allarmano le rese basse

 
BrindisiI controlli dei cc
Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

 

i più letti

L’edificio è in piazza Ebalia

Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

Alcuni interessamenti dopo che il bando era andato deserto

Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

taranto - Ex sede della Banca d’Italia, si registrano «alcuni interessamenti» all’acquisto. È questo quello che risulta alla Gazzetta e che trova conferme a Roma. Ma da Palazzo Koch, in cui nella centrale via Nazionale si trova Bankitalia, di più non si riesce ad apprendere. Almeno per ora. Eppure è già qualcosa, si tratta già di un elemento nuovo. E interessante.
Queste manifestazioni d’interesse, in particolare, si sarebbero verificate in una fase immediatamente successiva alla conclusione del bando pubblico per la vendita dell’immobile. Che, in realtà, è andato deserto. Sia chiaro, nonostante ora si intraveda qualcosa all’orizzonte, l’edificio di piazza Ebalia resta in vendita, secondo le modalità già note e già indicate sul sito istituzionale della stessa Banca d’Italia.

La Banca d’Italia, dunque, prosegue nell'attività di vendita degli immobili che sono diventati disponibili dopo il riassetto della sua rete periferica. Si tratta, principalmente, di stabili già adibiti ad uso istituzionale, ubicati nei centri storici delle città in cui le filiali hanno cessato di operare già da qualche anno. In linea generale, l’elenco stilato da via Nazionale comprende degli immobili di alto pregio, in molti casi anche di interesse storico e artistico. Ma non solo. Sono anche bene inseriti nel relativo contesto urbano in cui rappresentano spesso un importante riferimento per le comunità locali.
Poco meno di un anno fa, era stata avviata una nuova iniziativa di vendita dell’edificio in cui per decenni è stata operativa la filiale di Taranto. Che è ubicata nella parte più occidentale del Borgo e gode di una posizione oggettivamente invidiabile, sorgendo tra il Lungomare Vittorio Emanuele II, che si affaccia sulla rada di Mar Grande, il Ponte Girevole e i Giardini del Peripato.
Si tratta di un edificio costituito da un unico blocco, sottoposto a vincolo di interesse storico artistico ai sensi del decreto legislativo del 22 gennaio 2004. L’immobile messo in vendita da Bankitalia, in particolare, è composto da un piano interrato, uno seminterrato, tre piani sviluppati in altezza e un cortile. Ha una destinazione d’uso mista: istituto di credito, residenziale e locale per esercizi sportivi.
Al piano rialzato, quello in cui si svolgevano le attività della banca con l’utenza, si trova un grande open space, illuminato da un ampio lucernario, suddiviso con pareti in vetrate antisfondamento per dare forma al salone del pubblico e agli uffici operativi.

Il primo piano, invece, ospita gli ex ambienti di rappresentanza della filiale (ufficio e segreteria di direzione, sala del consiglio, biblioteca). Il piano interrato comprende le strutture degli archivi e dei locali di sicurezza (sono nel linguaggio immaginifico di Bankitalia, le cosiddette «sacrestie»), ubicati nel seminterrato. Secondo Bankitalia, l’edificio complessivamente presenta un buono stato di conservazione; anche se non più utilizzato tutti gli impianti sono stati periodicamente revisionati.
L’iter per la cessione è gestito internamente dalla Banca d’Italia. L’edificio sarà venduto, infatti, con una procedura di vendita al miglior offerente senza base d’asta, articolata in diverse fasi. La procedura era già iniziata con un avviso, pubblicato il 15 giugno dell’anno scorso, che conteneva l’invito a presentare manifestazioni di interesse senza cauzione ma con l’indicazione di un prezzo offerto. Sulla base delle offerte che avrebbero dovuto pervenire entro il 12 ottobre 2018, avrebbe poi potuto esserci una selezione degli interessati da ammettere alla presentazione di un’offerta formale, dopo aver definito una soglia minima a partire dalla quale l’immobile avrebbe potuto essere alienato. Ma, come già evidenziato, quel bando è andato deserto e quindi questi passaggi non sono stati compiuti.
Se (e quando) ci dovessero delle offerte formali, l’immobile verrebbe aggiudicato a chi presenterà l’offerta più alta superiore alla soglia minima, anche dopo un’eventuale fase di rialzo tra i migliori offerenti che avranno superato la soglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie