Giovedì 13 Dicembre 2018 | 03:36

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in famiglia
Taranto, ha maltrattato la moglie per anni: arrestato un 62enne

Taranto, ha maltrattato la moglie per anni: arrestato un 62enne

 
Il furto
Palagiano, Sorpresi mentre rubano 400 kg di arance: denunciati 4 tarantini

Palagiano, sorpresi mentre rubano 400 kg di arance: denunciati in 4

 
Il museo dei tarantini illustri
Taranto, il Mudit presto al posto della masseria «Solito»

Taranto, il Mudit presto al posto della masseria «Solito»

 
INDUSTRIA
ArcelorMittal, lungo addio al carbone: «Taranto sarà punto di riferimento»

ArcelorMittal, lungo addio al carbone: «Taranto sarà punto di riferimento»

 
In appello
Taranto, morte on. Fransoso travolto da cancello: ridotte condanne

Taranto, morte on. Franzoso travolto da cancello: ridotte condanne

 
Nel tarantino
Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

 
Patente mai conseguita
Fugge all'alt dei carabinieri, inseguito tenta di investirli: arrestato 30enne

Fugge all'alt dei carabinieri, inseguito tenta di investirli: arrestato 30enne

 
Il concorso
Massafra, pubblicato il bando per il carnevale 2019

Massafra, pubblicato il bando per il carnevale 2019

 
La decisione
Ex Ilva, corsi di formazione per i lavoratori in esubero

Ex Ilva, corsi di formazione per i lavoratori in esubero

 
I controlli
Furti di rame, scoperto deposito nel Tarantino: due arresti

Furti di rame, scoperto deposito nel Tarantino: due arresti

 
Il comune
Melucci stringe i tempi per far approvare: il bilancio di previsione

Melucci stringe i tempi per far approvare: il bilancio di previsione

 

Il malcontento

Massafra, l'orologio della torre è fermo da luglio

I problemi tecnici sembrano irrisolvibili

Massafra, l'orologio della torre è fermo da luglio

A Massafra il tempo sembra essersi fermato. A guardare l’orologio di piazza Garibaldi, sembrerebbe proprio di si. Lancette ferme da mesi. Da che mondo e mondo una piazza che si rispetti deve avere un orologio che segni l’avanzare delle ore. A Massafra, però, tale orologio è fermo all’1.34 di un pomeriggio di luglio. Una conseguenza del maltempo il mancato funzionamento del segnatempo della Torre dell’orologio, che sovrasta piazza Garibaldi. Da sempre un riferimento per i tanti massafresi che ogni giorni attraversano il centro storico.


La torre è considerata il simbolo del borgo antico. Ha un’altezza di 22 metri con campane settecentesche e presenta una decorazione baroccheggiante, in sintonia con la chiesa di San Benedetto. È il simbolo civico del paese, come riferimento popolano. L’orologio batte il tempo, segna le ore e scandisce i battiti delle giornate. Quelle della piazza del paese, poi, ha una magia tutta sua e accompagna i residenti in tutto il corso della giornata: dalla spesa al salumiere, al ritiro degli abiti in lavanderia, dall’ora di entrata a quella di uscita dalla scuola, dall’inizio alla fine della giornata di lavoro. Insomma, l’orologio di ogni piazza che si rispetti è un cittadino a tutti gli effetti, è un compagno di giornate, anche per chi, ormai in pensione, le trascorre al circolo giocando a carte. Cosa ci vuole per far tornare l’orologio a segnare la danza felice di quanti vivono il borgo cittadino? I cittadini sono amareggiati, ma ignoti «problemi tecnici» continuano a cristallizzare il tempo. Diverse le richieste avanzate dai cittadini agli amministratori comunali, per far ripristinare il funzionamento dell’orologio.


In ultimo il gruppetto degli «amici del centro storico», che rappresenta una presenza costante nella zona antica di Massafra; una genuina testimonianza di attaccamento alle radici e al bene del territorio attraverso alcune iniziative, quali il restauro del portone della chiesa di San Benedetto, il recupero di alcune edicole votive, l’impegno rivolto ai più deboli durante il periodo natalizio in collaborazione con la Caritas.
«Vogliamo spronare l’Amministrazione, più di quanto la stessa stia facendo – commentano Fernando Galatone e Giuseppe Miraglia - segnalando l’ormai antica problematica della Torre dell’orologio. Ci chiediamo quali impedimenti ci sono per far si che l’orologio della piazza possa tornare a scandire la vita ed il tempo della nostra comunità. Non comprendiamo come dopo alcuni mesi l’orologio sia ancora fermo. Eppure se pensiamo al caso dell’orologio della vicina Palagiano - colpito da un fulmine e subito ripristinato - non possiamo che essere sorpresi e delusi dal mancato intervento sulla Torre dell’orologio». Preghiere, ovviamente, rimaste sino ad ora inevase, con buona pace degli assidui frequentatori della piazza e degli amanti del centro storico.
E pensare che non servirebbero ingenti risorse economiche per poterlo sistemare. Probabilmente basterebbe la buona volontà di qualcuno nel prendere di petto la questione e risolverla. Pare, infatti, che alla base di tutto ci sarebbero dei problemi tecnici che al momento sarebbero irrisolvibili

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400