Lunedì 10 Dicembre 2018 | 00:46

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Ex llva, parchi minerali, completato primo arco copertura da 300 mln di euro

Ex llva, parchi minerali, completato primo arco copertura da 300 mln di euro

 
Stalking
Taranto, perseguitava l'ex compagna: arrestato 28enne

Taranto, perseguitava l'ex compagna: arrestato 28enne

 
L'inaugurazione il 30 dicembre
Riapre il teatro Fusco a Taranto: interventi da 4,2 milioni

Riapre il teatro Fusco a Taranto: interventi da 4,2 milioni

 
Rapina a mano armata
Taranto, rapinano con un coltello il bar della stazione: 2 arresti

Taranto, rapinano con un coltello il bar della stazione: 2 arresti

 
La stangata
Taranto, ecco come si impiegheranno i soldi delle multe dei Vigili

Taranto, ecco come si impiegheranno i soldi delle multe dei Vigili

 
Taranto
Call center, negata maternità a 31enne: azienda non versa contributi

Call center, l'Inps nega la maternità a 31enne: azienda non versa contributi

 
Taranto
Ex Ilva, azienda firma appalto e aumenta ore di lavoro

Ex Ilva, azienda firma appalto e aumenta ore di lavoro

 
Arrestato un giovane
carabinieri

Pulsano, dopo lite picchia due fratelli e a uno gli frattura il cranio

 
L'arresto
Massafra, in cella un 49enne: aggrediva e violentava la moglie

Massafra, in cella un 49enne: aggrediva e violentava la moglie

 
Maltrattamenti in famiglia
Taranto, pichciavano le moglie e segregavano figli: due uomini al confino

Taranto, picchiavano le mogli e segregavano i figli: due uomini al confino

 

A 12 anni dal fallimento

Taranto, il rendiconto del grande crack all’esame dei Revisori

Prima di Natale dovrebbe esserci il via libera per chiudere l’ultimo atto del crac

Quei dubbi sui 40 milioniil sindaco replica al Mef

TARANTO - Il rendiconto del dissesto finanziario del Comune di Taranto è all’esame dei Revisori dei conti. Da quel che risulta alla Gazzetta, nei giorni scorsi, l’Organismo straordinario di liquidazione ha inviato ai... controllori contabili del Municipio la rendicontazione del «fallimento» che venne dichiarato dall’ex commissario straordinario, Tommaso Blonda, il 17 ottobre 2006. Si sta per scrivere, dunque, l’ultimo atto del crac municipale. Che è stato, ed è tuttora, gestito dai liquidatori firmatari complessivamente di 24mila transazioni con i creditori.

In particolare, con la trasmissione dei fascicoli dei debiti residui ancora da onorare, l’organismo presieduto da Mario Pazzaglia starebbe trasferendo all’Amministrazione comunale anche le relative risorse finanziarie. Nelle casse municipali, infatti, sarebbero in via di trasferimento 39 milioni di euro accantonati nell’ambito dell’offerta formulata (e poi respinta) a Banca Biis per la vicenda legata al maxi prestito Boc ed anche 23 - 24 milioni di euro riferiti al 50 per cento delle proposte transattive avanzate ma bocciate. E, inoltre, ci sarebbero altri 5-6 milioni di euro di altra provenienza. Che si riferiscono a delle somme liberatesi, dopo il pagamento di debiti da parte del Comune di Taranto in seguito ad alcune sentenze del Giudice dell’esecuzione del Tribunale di Taranto. Tirando una riga, quindi, il Comune di Taranto dovrebbe incassare una cifra vicina ai 70 milioni di euro.

Appena i Revisori dei conti, valutata la congruità delle procedure, accenderanno il «semaforo verde», la task force allestita dal Comune avvierà una fase istruttoria delle partite creditorie ancora aperte. E, terminato questo lavoro, riconoscerà la somma versando il 100 per cento dell’importo vantato.

Scatta il conto alla rovescia, dunque. E l’Organismo straordinario di liquidazione presenterà il rendiconto al Comune di Taranto e al ministero dell’Interno. I Revisori dei conti del Municipio, invece, pur non potendo entrare nel merito controlleranno il rispetto da parte dell’Osl delle prescrizioni del Viminale contenute nel Piano di estinzione, approvato lo scorso 28 marzo. Naturalmente, il rendiconto avrà dei riflessi anche sulla formazione del bilancio comunale (quello di previsione 2019) e, quindi, per questo non può lasciare indifferenti i controllori contabili di Palazzo di Città.
La definizione del rendiconto avviene contestualmente alla consegna (sempre da parte dei liquidatori) delle 550 pratiche giacenti e delle relative risorse finanziarie accantonate.
Riepilogando, i soldi ci sono anche se le somme andranno poi inserite nel bilancio di previsione 2019. Ma come funziona il meccanismo? Il Comune di Taranto non pagherà subito i creditori che attendono di ricevere l’intero importo che reclamano da oltre un decennio. Prima, infatti, gli uffici comunali, dovranno riprendere la pratica e definire la fase istruttoria. E solo dopo, in caso di esito positivo, avverrà il pagamento del credito.
L’unico rischio di questa procedura, peraltro stabilita dalla legge, è che i creditori potrebbero rivolgersi alla magistratura per chiedere oltre al 100 per cento del dovuto, anche gli interessi maturati e le spese legali. Ma, del resto, il Comune di Taranto non ha alcun termine perentorio entro cui effettuare i pagamenti. Se ne riparlerà, dunque, ma a partire da gennaio. Non prima, sicuramente.
Ora, non resta che attendere la pubblicazione del rendiconto. Che scriverà la parla fine sul dissesto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400