Mercoledì 16 Ottobre 2019 | 04:30

NEWS DALLA SEZIONE

nel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
la decisione
Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

 
cambio al vertice
Mittal, fonti sindacali: «Ad Jehl lascia, arriva Lucia Morselli»

ArcelorMittal, amministratore delegato Jehl lascia, arriva Lucia Morselli

 
Siderurgico
Emissioni ex Ilva: i cittadini ricorrono alla Corte Europea

Emissioni ex Ilva: i cittadini ricorrono alla Corte Europea

 
Con i 176 soccorsi
Migranti, il Viminale decide: la Ocean Viking approderà a Taranto

Migranti, la Ocean Viking approda domani alle 8 in porto Taranto Sit-in di benvenuto

 
al rione paolo VI
Taranto, passanti segnalano 2 ordigni bellici sotto un cespuglio

Taranto, passanti segnalano 2 ordigni bellici sotto un cespuglio

 
Nel Tarantino
Manduria, operai senza contratto dormivano nelle masserie: denunce e sanzioni ai titolari

Manduria, operai senza contratto dormivano nelle masserie: denunce e sanzioni ai titolari

 
l'indagine
Martina Franca, spaccio di droga, chiamata «Babà», era diventato un lavoro: 3 in carcere

Martina Franca, spaccio di droga, chiamata «Babà», era diventato un lavoro: 3 in carcere

 
le polemiche
Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

 
università
Taranto, da lunedì via alle lezioni a Medicina: graduatoria a scorrimento

Taranto, da lunedì via alle lezioni a Medicina: graduatoria a scorrimento

 
Il siderurgico
Arcelor Mittal, nuovo ricorso alla Corte Europea contro l'Italia

Arcelor Mittal, nuovo ricorso alla Corte Europea contro l'Italia

 

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantonel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
Barisanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

L'indagine

Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

Rintracciato a Bari, il ladro è stato incastrato da una foto scattata da una delle sue vittime

polizia

TARANTO - Preso a Bari uno dei componenti della “banda degli appartamenti”. Altri due sono attivamente ricercati dalla polizia in tutta la Puglia. Si tratta di una banda di cittadini di nazionalità georgiana accusati di aver messo a segno diversi furti in appartamento in tutto il territorio pugliese. Da tempo i tre erano monitorati e pedinati dalla polizia ma due di loro sono riusciti a sottrarsi alla cattura.
Il terzo, Nika Abesadze, di 40 anni, è stato sorpreso giovedì mattina a Bari nella centralissima piazza Aldo Moro, in zona universitaria, mentre chiacchierava con altri connazionali. Aiutati dai colleghi della questura di Bari, gli agenti della squadra mobile di Taranto hanno rintracciato il georgiano destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di almeno quattro furti in appartamento messi a segno in altrettanti comuni pugliesi. Gli investigatori ora sono sulle tracce degli altri componenti della banda. Le indagini sono partite a febbraio scorso, dopo un loro tentativo di furto fallito in quanto i proprietari dell’appartamento preso di mira erano in casa. Nonostante il forte spavento, il proprietario di casa ebbe la prontezza di fotografare col telefono cellulare uno dei tre ladri sorpresi mentre si introducevano in casa.

L’uomo inseguì i ladri per le scale e riuscì anche a prendere il numero di targa dell’auto utilizzata per la fuga, prontamente segnalata alla polizia. Gli investigatori hanno subito raccolto i primi importanti elementi: grazie alla fotografia scattata dal coraggioso cittadino, sono risaliti non senza difficoltà all’identità dei tre georgiani, presenti nelle banche dati delle forze di polizia con diversi nominativi. I tre, da quanto emerso dalle prima indagini, vivevano a Bari e si muovevano in auto in giro per la Puglia a caccia di appartamenti da svaligiare. Avevano grandi conoscenze e abilità tecniche e riuscivano con attrezzi da scasso sofisticati, ad aprire con facilità anche le porte blindate. Sono scattati così mesi di pedinamenti. Gli investigatori hanno ricostruito con precisione movimenti della banda in giro per la Puglia e le tecniche utilizzate per entrare in azione. La banda, ad esempio, eseguiva una serie di sopralluoghi negli stabili e vicino agli appartamenti che voleva svaligiare e poi usava collocare delle fascette di plastica sotto la porta d’ingresso dell’appartamento per controllare i movimenti dei padroni di casa. Quando questi uscivano aprendo la porta, le fascette di plastica venivano involontariamente spostate dando così la certezza ai componenti della banda di poter agire indisturbati perché la casa era libera. Nel corso delle indagini sono stati anche recuperati in numerosi attrezzi da scasso, una cassaforte rubata in un appartamento e molta refurtiva. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie