Domenica 16 Dicembre 2018 | 02:34

NEWS DALLA SEZIONE

L’evento
Taranto, il cardinale Parolin entrerà nel Siderurgico

Taranto, il cardinale Parolin entrerà nel Siderurgico

 
Stop per 32 ore
Ex Ilva, operai annunciano sciopero: contestati criteri assunzioni

Ex Ilva, operai annunciano sciopero: contestati criteri assunzioni

 
Il caso
Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

 
Ex Ilva
Acciaio senza carbone: ora si può. Emiliano a Mittal: «Decidiamo road map»

Acciaio senza carbone: ora si può. Emiliano a Mittal: «Decidiamo road map»

 
Le spese
Taranto: il concerto di capodanno costerà 82mila e 500 euro

Taranto: il concerto di capodanno costerà 82mila e 500 euro

 
Violenza in famiglia
Taranto, ha maltrattato la moglie per anni: arrestato un 62enne

Taranto, ha maltrattato la moglie per anni: arrestato un 62enne

 
Il furto
Palagiano, Sorpresi mentre rubano 400 kg di arance: denunciati 4 tarantini

Palagiano, sorpresi mentre rubano 400 kg di arance: denunciati in 4

 
Il museo dei tarantini illustri
Taranto, il Mudit presto al posto della masseria «Solito»

Taranto, il Mudit presto al posto della masseria «Solito»

 
INDUSTRIA
ArcelorMittal, lungo addio al carbone: «Taranto sarà punto di riferimento»

ArcelorMittal, lungo addio al carbone: «Taranto sarà punto di riferimento»

 
In appello
Taranto, morte on. Fransoso travolto da cancello: ridotte condanne

Taranto, morte on. Franzoso travolto da cancello: ridotte condanne

 
Nel tarantino
Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

 

A taranto

Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

Il sit-in questa mattina a Bari per chiedere l'attivazione dei servizi di riabilitazione

autismo

I genitori dei ragazzi autistici di Taranto chiedono l’attivazione dei servizi di riabilitazione previsti dal regolamento regionale.
Manifesteranno sotto la sede del consiglio regionale di Bari, questa mattina alle 10,30 le circa quaranta famiglie del territorio ionico che temono per il futuro dei loro figli. Il centro socio-educativo Logos, al quale finora si sono rivolti genitori e ragazzi ottenendo servizi specifici nel trattamento delle patologie connesse allo spettro autistico, ed ispirate al metodo ABA, rischia infatti di chiudere i battenti per mancanza di fondi. Finora, l’attesa e promessa trasformazione da centro ex articolo 60 a centro 60 quater, non è avvenuta.


La notizia di questa protesta ha già fatto il giro dei social, attraverso la condivisione del post di Barbara Mennella, madre di un ragazzo autistico: «A ben due anni dall’entrata in vigore del regolamento regionale sull’autismo, aspettiamo e rivendichiamo l’attivazione dei servizi previsti. Nonostante i buoni propositi e le promesse ricevute in questi anni dalle istituzioni, ad oggi sul nostro territorio non abbiamo nessun tipo di servizio riabilitativo attivo». Il perdurare di questa situazione comincia purtroppo a produrre i suoi effetti devastanti: «A breve 40 tra bambini e ragazzi autistici rimarranno senza trattamenti riabilitativi specifici e ritorneranno nel limbo dell’improvvisazione e dei compromessi terapeutici. La Logos in questi anni non ha solo colmato un vuoto terapeutico ma ha rappresentato anche per noi famiglie un posto dove condividere esperienze e progettare un futuro per i nostri figli».


«Sono passati due anni - aggiunge Damiano Cecere, genitore di un ragazzo autistico di 15 anni - da quando è stata prevista l’attivazione dei moduli. Ma attualmente nessun servizio riabilitativo è iniziato a Taranto. E l’unica struttura dalla quale abbiamo finora ricevuto assistenza potrebbe chiudere perché dalla Asl hanno fatto sapere che non rimborseranno le prestazioni erogate ai ragazzi autistici. Noi però abbiamo il diritto, ed anche il dovere nei confronti dei nostri figli, di chiedere l’attivazione dei servizi previsti dalla legge e che davvero possono migliorare le condizioni dei nostri ragazzi. Poter beneficiare soltanto di terapie generiche come psicomotricità e logopedia, non sarà sufficiente. Certamente positivo, ma limitativo per chi è autistico».


Il centro di via Genova 27 finora è riuscito a rispondere in maniera adeguata alle esigenze di questi ragazzi speciali anche perché per lo più formato dai genitori e dalle famiglie degli stessi utenti. Se chiuderà, non ci saranno altri punti di riferimento.
E’ questo che le famiglie cercheranno di spiegare oggi a Bari, sperando di poter contare sulla sensibilità e sulla competenza dei presenti al consiglio regionale.
«Tra i primi punti all’ordine del giorno della seduta - conclude Damiano Cecere - ci sarà proprio la discussione sui centri socio-sanitari. Riteniamo quindi di poter incontrare politici e tecnici che sono realmente a conoscenza della situazione e che possono fornirci delle risposte concrete».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400