Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 16:22

NEWS DALLA SEZIONE

In meno di 24 ore
Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

Ex Ilva, arrivano le prime 600 firme per l'esposto contro emissioni

 
Atto vandalico
Taranto, danneggiano il monumento ai caduti: è caccia ai vandali

Taranto, danneggiano il Monumento ai Caduti: è caccia ai vandali

 
Il caso
Taranto, organizzavano rapine in posta e gioiellerie: arrestata banda

Taranto, rapinavano uffici postali e gioiellerie: fermati in due

 
Contestato il piano della Regione
Taranto, inceneritore dell'Amiu: il Comune fa ricorso

Taranto, inceneritore dell'Amiu: il Comune fa ricorso

 
Suicidio sospetto
Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

 
L'episodio
Si lasciano e le porta via il cane: carcere e multa

Si lasciano e le porta via il cane: carcere e multa

 
Dopo appostamento dei cc
Hashish e marijuana nella camera da letto, 3 arresti a Taranto

Hashish e marijuana nella camera da letto, 3 arresti a Taranto

 
La denuncia
Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

 
A Manduria
Taranto, nascondeva in casa pistole e munizioni: arrestato

Taranto, nascondeva in casa pistole e munizioni: arrestato

 
Arresti a Taranto
Gestivano prostitute dal carcere in Francia: vicino alla banda anche sacerdote

Gestivano prostitute da carcere in Francia: vicino a banda anche un prete

 
Nel Tarantino
Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

 

sostanza residua da tubazione

Taranto, fuga di gas all'Ilva:
scatta così l’evacuazione

Allontanato il personale tra Acciaieria 1 e area Altiforni, ma nessuna conseguenza

Taranto, fuga di gas all'Ilva e scatta l’evacuazione

TARANTO - Fuga di gas ieri mattina durante la bonifica di una tubazione dell'impianto OG1 (Gasometro) nel tratto tra l'Acciaieria 1 e l'area Altiforni dello stabilimento Ilva di Taranto. Come da procedura, si è proceduto all'evacuazione di alcune decine di lavoratori diretti e dell'appalto, temporaneamente allontanati e raggruppati nel punto di raccolta di emergenza. Secondo prassi, viene immesso azoto dal lato gasometro che spinge il gas OG presente nella tubazione fino a farlo uscire da alcune «caminelle» appena fuori dall'Acciaieria 1. Fonti aziendali precisano che «il gas residuo, a causa delle condizioni climatiche, è stato rilevato nelle zone adiacenti tramite appositi rilevatori in dotazione al personale. A scopo precauzionale sono state immediatamente avviate le procedure di sicurezza».
Dopo la bonifica e i controlli da parte di vigili del fuoco e tecnici dello stabilimento, «i lavoratori sono tornati nelle rispettive aree». I sindacati hanno chiesto all'azienda informazioni sull'accaduto e sulle contromisure previste in situazioni del genere. Un evento simile si verificò esattamente due anni fa, nell'ottobre del 2016. A seguito di una fuga di gas nell’Acciaieria 1 fu disposta l’evacuazione del personale, ma qualcosa non funzionò per il meglio. Il personale si sarebbe allontanato da solo dal reparto e due operai rimasero bloccati nell’ascensore. Un tecnico capoturno del trs1 (trattamento siviere) accusò un malore finendo in infermeria. In relazione alla fermata programmata di Acciaieria, l'Ilva aveva provveduto a bonificare la tubazione nel tratto che intercorre tra il gasometro OG1 e l’Acciaieria 1. Probabilmente per questioni legate a condizioni di vento e pressione atmosferica, parte di questo gas tornò all’interno del capannone dell’acciaieria in concentrazioni superiori a quanto normalmente atteso. L’attività di bonifica della tubazione fu sospesa e il personale allontanato fino al completamento delle operazioni di bonifica. Il problema ieri si è riproposto e la questione-sicurezza torna in primo piano. Tra i primi a dare la notizia tramite il suo profilo Facebook è stato l'operaio Massimo Battista, consigliere comunale. I lavoratori «sono stati costretti ad evacuare - ha commentato - e scendere dagli impianti» per raggiungere «a piedi zone sicure all'interno dello stabilimento. Ma i lavoratori e cittadini del quartiere Tamburi sono al sicuro?».
E l’onorevole Vincenza Labriola (Forza Italia) si chiede: «qualcuno sa dirci quali sono le sostanze fuoriuscite? Quale impatto hanno avuto sui cittadini? La puzza di gas aleggia da giorni in città. Per quanto tempo ancora i ministri Di Maio e Costa scapperanno dal confronto parlamentare? Vogliamo conoscere il piano ambientale subito, non si può fuggire all’infinito dalle proprie responsabilità. I cittadini - conclude la deputata - hanno capito che il Movimento 5 Stelle li ha presi in giro, ora vogliamo la verità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400