Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 11:17

NEWS DALLA SEZIONE

L'ANALISI
Grande gioco, sale la tensione in Medio OrienteIsraele-Iran si affrontano a viso aperto in Siria

Grande gioco, sale la tensione in Medio Oriente
Israele-Iran si affrontano a viso aperto in Siria

 
AERONAUTICA MILITARE
Martina Franca , cambio comandante al 16° Stormoai Fucilieri dell'aria arriva il colonnello Pellegrino

Martina Franca , cambio comandante al 16° Stormo
ai Fucilieri dell'aria arriva il colonnello Pellegrino

 
LA STORIA
Picci, la bambina afghana in pericolo di vitae il grande cuore dei militari italiani

Picci, la bambina afghana in pericolo di vita
e il grande cuore dei militari italiani

 
CARABINIERI
La storia delle teste di cuoio italianeraccontata dal comandante Alfa dei Gis

La storia delle teste di cuoio italiane
raccontata dal comandante Alfa dei Gis

 
DIFESA
In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosiArtificieri e palombari al servizio del Paese

In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosi
Artificieri e palombari al servizio del Paese

 
L'ACCORDO
Marina militare e Università di Bari insiemeSi rafforza la collaborazione con l'Ateneo

Marina militare e Università di Bari insieme
Si rafforza la collaborazione con l'Ateneo

 
IL REPORTAGE
La Brigata Pinerolo e la missione in Iraqun consuntivo dell'impegno fuori area

La Brigata Pinerolo e la missione in Iraq
un consuntivo dell'impegno fuori area

 
LA STORIA
Tscherkowo, l'inferno bianco degli italianila tragica ritirata descritta da chi c'era

Tscherkowo, l'inferno bianco degli italiani
la tragica ritirata descritta da chi c'era

 
ESERCITO
L'82° Reggimento fanteria "Torino"ricorda i caduti sul fronte russo

L'82° Reggimento fanteria "Torino"
ricorda i caduti sul fronte russo

 
L'ANALISI
"Sicurezza europea, coinvolgere la RussiaE nei Balcani Italia più protagonista"

"Sicurezza europea, coinvolgere la Russia
E nei Balcani Italia più protagonista"

 
ESERCITO
Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 

il ministro trenta

"La missione della diga di Mosul
sarà chiusa nei primi mesi del 2019"

Si rivedono i tempi di ritiro dei militari pugliesi dell'82° Reggimento fanteria "Torino" di stanza a Barletta

"La missione della diga di Mosulsarà chiusa nei primi mesi del 2019"

Riduzione di 100 militari in Afghanistan al completamento del processo elettorale afgano, dunque "entro il 31 ottobre", e una prima riduzione di 50 uomini nella missione italiana Praesidum, alla diga di Mosul, in Iraq, per poi lavorare a "una chiusura completa della missione nel primo trimestre del 2019". Il ministro della Difesa Elisabetta Trenta lo ha spiegato nei giorni scorsi. Aggiungendo che: "Tutto va analizzato secondo i nuovi interessi strategici del Paese". Non a caso, allo stesso tempo, il ministro recentemente è riuscito a sbloccare la missione in Niger," una missione per noi fondamentale al fine di controllare i flussi migratori verso l'Italia".

Come inciderà la decisione sui tempi di permanenza della task force dell'82° Reggimento fanteria "Torino", composto quasi esclusivamente da militari pugliesi della Brigata "Pinerolo" incaricati di garantire la cornice di sicurezza necessaria a questa opera strategica per l'Iraq? In questi giorni gli esperti dello Stato maggiore dell'Esercito stanno affrontando i tempi legati alla chiusura della missione. Un inter impegnativo e delicato, anche e soprattutto sotto il profilo logistico, che potrebbe portare ad un allungamento dei tempi di permanenza. Fino a quando, cioè, non si scriverà la parola fine. Secondo la calendarizzazione iniziale il contingente tricolore avrebbe lasciato Mosul entro gennaio 2019. Ora la tabella di marcia potrebbe subire qualche cambiamento. Non avrebbe senso, infatti, pensare ad un avvicendamento tra i reparti, vista la volontà politica di chiudere la missione. Intanto,  la commissione elettorale regionale irachena, ha annunciato che il Partito democratico del Kurdistan (KDP) ha ottenuto il maggior numero di voti nelle elezioni del 30 settembre, assicurandosi 45 degli 111 seggi nel parlamento locale. L’Unione patriottica del Kurdistan (PUK) è arrivata seconda, vincendo 21 seggi. Hemin Anwar, membro del Movimento Gorran, arrivato terzo alle elezioni, con 12 seggi, ha però dichiarato che il suo partito non accetta i risultati finali. Sulla stessa linea, anche il resto dei partiti di opposizione della regione curda irachena hanno respinto l’esito delle elezioni parlamentari. “Le elezioni sono state manipolate. Ci sono più di 1.000 denunce, alcune delle quali non sono state finalizzate, ma potrebbero cambiare il risultato delle elezioni, quindi porteremo avanti un appello” ha dichiarato Anwar del Movimento Gorran. In linea generale, dopo le elezioni, tutti partiti di opposizione hanno accusato il KDP e il PUK di varie violazioni elettorali, tra cui la falsificazione di documenti e l’aggiunta illegale di schede elettorali alle urne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400