Domenica 21 Aprile 2019 | 07:01

NEWS DALLA SEZIONE

MARINA MILITARE
Sommergibili, 24 nuovi "delfini"consegnati a Taranto i brevetti

Sommergibili, 24 nuovi "delfini"
consegnati a Taranto i brevetti

 
ESERCITO
Lecce, commemorata la battaglia di Koplikuil 31° reggimento carri ricorda il passato

Lecce, commemorata la battaglia di Kopliku
il 31° reggimento carri ricorda il passato

 
COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
Brindisi, emergenza alluvioni in Iranpartito dalla base Onu aereo con aiuti

Brindisi, emergenza alluvioni in Iran
partito dalla base Onu aereo con aiuti

 
AERONAUTICA MILITARE
Sei F-35 del 32° Stormo di Amendolaalla esercitazione Iniohos in Grecia

Sei F-35 del 32° Stormo di Amendola
alla esercitazione Iniohos in Grecia

 
MARINA MILITARE
Taranto, consegna del brevettoa 24 nuovi sommergibilisti

Taranto, consegna del brevetto
a 24 nuovi sommergibilisti

 
LA VISITA
Gioia, il comando della "Pinerolo"a lezione di logistica operativa

Gioia, il comando della "Pinerolo"
a lezione di logistica operativa

 
AERONAUTICA MILITARE
Da Gioia del Colle a Bergamovolo sanitario salva vita

Da Gioia del Colle a Bergamo
volo sanitario salva vita

 
AERONAUTICA MILITARE
Le Frecce Tricolori e San Nicolala tradizione si rinnova ancora

Le Frecce Tricolori e San Nicola
la tradizione si rinnova ancora

 
GUARDIA COSTIERA
Bari, la Giornata del narein porto la nave Diciotti

Bari, la Giornata del mare
in porto la nave Diciotti

 
AERONAUTICA MILITARE
Velivolo tedesco perde contatto radioi jet del 36° lo intercettano sul Montenegro

Velivolo tedesco perde contatto radio
i jet del 36° lo intercettano sul Montenegro

 
COMUNICATO DELLA DIFESA
"Il contingente italiano in Libiacontinua ad operare regolarmente"

"Il contingente italiano in Libia
continua ad operare regolarmente"

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

 
BrindisiL'incidente
Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

 
LecceNel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
HomeLe festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
GdM.TVOperazione Ultimo Avamposto
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 

ESERCITO

Iraq, i militari di Barletta
a guardia della diga di Mosul

La task force "Praesidium" dell'82° Reggimento fanteria Torino si occupa della sicurezza della strategica infrastruttura

Iraq, i militari di Barlettaa guardia della diga di Mosul

Militari italiani controllano la diga di Mosul

Fa caldo lungo la diga di Mosul, il più grande bacino idrico dell’Iraq, lungo tre chilometri, con 11 miliardi di metri cubi, che cattura le acque del fiume Tigri, in una zona abitata dai curdi.
 E se fa caldo, non è solo colpa dei 50 gradi registrati quotidianamente. A questo, i 500 militari pugliesi della task force Praesidium, appartenenti all’82° Reggimento fanteria Torino di stanza a Barletta, incaricati del sistema di sicurezza integrato della struttura, si sono abituati velocemente.


  Ad aumentare la temperatura sono le notizie che arrivano spinte dal vento del deserto. Una manciata di giorni fa, le forze irachene, a Sud di Mosul hanno sgominato una cellula dormiente dell’Isis, arrestando 16 persone e recuperando un quantitativo importante di armi. Poi, la rivolta di Bassora, con la gente scesa per strada perché l’acqua da queste parti costa più della benzina; il deserto che avanza divorando le terre coltivabili e di conseguenza aumentano le tensioni fra le comunità - come ricorda l’Onu - soprattutto nelle aree rurali dove vive il 30 per cento della popolazione; la Turchia impegnata a creare un nuovo bacino ricavato da una diga sul Tigri.
Senza dimenticare le vicende del Kurdistan autonomo, chiamato ad eleggere il nuovo Parlamento regionale, diviso tra Kdp (Partito democratico) e Puk (Unione patriottica), le maggiori forze politiche, ancora in cerca di un accordo. Insomma, c’è il rischio di nuove tensioni alimentate dai veti incrociati e dalle pressioni delle potenze straniere. Chiamato. Per i peshmerga, fondamentali nella guerra contro l’Isis, la diga, è il simbolo dell’indipendenza di questo Stato che non esiste sulle carte geografiche. Il fragile accordo raggiunto con Baghdad prevede il ritiro dei curdi sulle posizioni del 2003. Aggiungiamo anche l’influenza dell’Iran in questa contesa che ha sempre interesse a mantenere precari gli equilibri regionali tra milizie scite e sunnite. Per capirci, gli sciti filo iraniani sono quelli della battaglia dei ponti di Nassiriya proprio contro i militari italiani.
Spiega il tenente colonnello Luca Carbonetti, comandante della task force di militari pugliesi: “La storia dei giorni nostri ci ricorda che la vicina città di Mosul dal 2014 al 2017 fu messa sotto assedio dalle forze dell’Isis. La sorveglianza dell’area circostante alla diga, situata a nord della città, si rese necessaria a causa di un conflitto che nelle sue fasi più intense si è svolto a distanza di pochi chilometri dalla diga stessa. Le minacce alla diga erano concrete e consistenti, in quanto poggiando su una formazione geologica che comprende calcari, dolomiti e gessi, ovvero rocce suscettibili all’erosione, presentava alti rischi di cedimento e quindi un grande pericolo per tutto il territorio nord-iracheno.

La diga di Mosul, precedentemente conosciuta come “diga di Saddam”, rappresenta oggi un’opera ingegneristica di vasta portata il cui sbarramento è lungo 3,2 km e alto 131 metri; basti pensare, infatti,  che è la diga più grande nel paese e la quarta in tutto il Medio Oriente. La diga è estremamente importante per l’economia e l’assetto politico dell’area. La distruzione della stessa, infatti, procurerebbe danni incalcolabili non solo in termini di vite umane, ma metterebbe in ginocchio l’intera economia del paese. Da ciò si può facilmente intuire come sia elemento fondamentale per lo sviluppo del territorio nonché strategico nel processo di normalizzazione dell’Iraq”.
Ecco perché chi controlla l’acqua, da queste parti, controlla il Paese. La diga di Mosul, inoltre, fornisce quasi il 50 per cento dell’energia elettrica a Mosul e in tutta la provincia di Ninive. E può trasformarsi in un’arma di distruzione di massa: se l’acqua defluisse a valle, in seguito ad un crollo, cancellerebbe 700mila persone e - secondo gli esperti - sommergerebbe anche Baghdad.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400