Sabato 16 Febbraio 2019 | 04:58

NEWS DALLA SEZIONE

Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 
Verso il voto
Basilicata, c'è un astronomo in corsa per la Regione

Basilicata, c'è un astronomo in corsa per la Regione

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

triste anniversario

Collina Timpone
la ferita di Senise
31 anni dopo

Il 26 luglio 1986 il forte boato e il disastro: in quel momento la terrà ingoiò se stessa, uno «tsunami» per la Basilicata

disastro a Senise

di MARIAPAOLA VERGALLITO

SENISE - Trentuno oggi. Trentuno anni da quel 26 luglio 1986, quando Senise si svegliò all’alba di una mattina estiva, impolverata dalle macerie di un intero quartiere: quello di collina Timpone, a monte dell’abitato. Alle ore 4,15 circa la collina implose. Un forte boato, la corrente elettrica va via, la luce dei lampioni si spegne. La terra cominciò ad ingoiare se stessa. Il ventre completamente vuoto di madre terra si aprì e inghiottì tutto. Il primo a scomparire fu il casale in cima alla collina. L’auto dei proprietari, una vecchia Fiat Uno, parcheggiata la sera prima davanti l’uscio di casa, rimase in bilico lungo il taglio preciso di un cortile che divenne fossato. Lo smottamento camminò velocemente a destra e a sinistra, diventando uno tsunami di terra; la sua forza travolse le altre case più a valle. Almeno 12 palazzine coinvolte e per fortuna molte di esse erano ancora in costruzione. Ma non tutte. In cima alla collina, nella casa illuminata a giorno, abitavano Rocco Gallo e sua moglie Rita. Con loro i due figli piccoli, Giovanni e Francesco. I bambini, protetti dal corpo dei genitori, riuscirono a salvarsi. Non distante dalla famiglia Gallo abitava la famiglia Formica: Giuseppe e Linuccia. Con loro la figlioletta Lucia e la sorellina, Francesca, nata appena un mese prima. Si salvò solo Lucia, scaraventata lontano da papà Giuseppe. Pochi minuti prima dell’apocalisse la signora Lucia Durante era uscita per raggiungere l’autobus e recarsi nel Metapontino per la raccolta delle fragole. Suo marito Vincenzo, guardiano notturno, non era ancora tornato. In casa, ancora protetti nei loro sogni, i tre figli: Maria, Pinuccio e Maddalena, la più piccola. La lingua di terra travolse anche la loro casa. Quando Vincenzo torna, come di consueto, percorre una strada che dalla parte alta del quartiere lo porta a casa sua. Non immagina ancora nulla. Si rende conto che qualcosa è accaduto perché sente rumore di sirene. Corre con il cuore in gola verso la sua casa. Ma non la trova più. Sua moglie era già arrivata sul posto di lavoro quando, l’autista dell’autobus, in maniera concitata, si avvicina a lei e le dice che bisogna tornare a Senise. L’attesa continua fino a tarda sera, quando uno dei figli sarà l’ultimo corpo estratto dalle macerie. Intorno ci sono solo ringhiere divelte e giocattoli sporchi di sabbia. Otto morti in pochi minuti. È prima di tutto questo la frana di collina «Timpone» a Senise. Oggi sono trentuno anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400