Martedì 26 Gennaio 2021 | 04:33

NEWS DALLA SEZIONE

maltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
L'emergenza
Potenza, ripresa scuola: «Rielaborare trasporto pubblico»

Potenza, ripresa scuola: «Rielaborare trasporto pubblico»

 
Nel lagonegrese
In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

 
«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
Il bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
Il caso
Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

 
Il caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
Il caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
Il caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
Il caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

triste anniversario

Collina Timpone
la ferita di Senise
31 anni dopo

Il 26 luglio 1986 il forte boato e il disastro: in quel momento la terrà ingoiò se stessa, uno «tsunami» per la Basilicata

disastro a Senise

di MARIAPAOLA VERGALLITO

SENISE - Trentuno oggi. Trentuno anni da quel 26 luglio 1986, quando Senise si svegliò all’alba di una mattina estiva, impolverata dalle macerie di un intero quartiere: quello di collina Timpone, a monte dell’abitato. Alle ore 4,15 circa la collina implose. Un forte boato, la corrente elettrica va via, la luce dei lampioni si spegne. La terra cominciò ad ingoiare se stessa. Il ventre completamente vuoto di madre terra si aprì e inghiottì tutto. Il primo a scomparire fu il casale in cima alla collina. L’auto dei proprietari, una vecchia Fiat Uno, parcheggiata la sera prima davanti l’uscio di casa, rimase in bilico lungo il taglio preciso di un cortile che divenne fossato. Lo smottamento camminò velocemente a destra e a sinistra, diventando uno tsunami di terra; la sua forza travolse le altre case più a valle. Almeno 12 palazzine coinvolte e per fortuna molte di esse erano ancora in costruzione. Ma non tutte. In cima alla collina, nella casa illuminata a giorno, abitavano Rocco Gallo e sua moglie Rita. Con loro i due figli piccoli, Giovanni e Francesco. I bambini, protetti dal corpo dei genitori, riuscirono a salvarsi. Non distante dalla famiglia Gallo abitava la famiglia Formica: Giuseppe e Linuccia. Con loro la figlioletta Lucia e la sorellina, Francesca, nata appena un mese prima. Si salvò solo Lucia, scaraventata lontano da papà Giuseppe. Pochi minuti prima dell’apocalisse la signora Lucia Durante era uscita per raggiungere l’autobus e recarsi nel Metapontino per la raccolta delle fragole. Suo marito Vincenzo, guardiano notturno, non era ancora tornato. In casa, ancora protetti nei loro sogni, i tre figli: Maria, Pinuccio e Maddalena, la più piccola. La lingua di terra travolse anche la loro casa. Quando Vincenzo torna, come di consueto, percorre una strada che dalla parte alta del quartiere lo porta a casa sua. Non immagina ancora nulla. Si rende conto che qualcosa è accaduto perché sente rumore di sirene. Corre con il cuore in gola verso la sua casa. Ma non la trova più. Sua moglie era già arrivata sul posto di lavoro quando, l’autista dell’autobus, in maniera concitata, si avvicina a lei e le dice che bisogna tornare a Senise. L’attesa continua fino a tarda sera, quando uno dei figli sarà l’ultimo corpo estratto dalle macerie. Intorno ci sono solo ringhiere divelte e giocattoli sporchi di sabbia. Otto morti in pochi minuti. È prima di tutto questo la frana di collina «Timpone» a Senise. Oggi sono trentuno anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie