Martedì 19 Marzo 2019 | 18:04

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

a rionero

Crob, «Ricerca al collasso
molti di noi già senza lavoro»

Si chiede un «urgente e serio» piano di stabilizzazione

ricercatori Crob

di ALESSANDRO BOCCIA

RIONERO - Chiedono di continuare a fare il loro lavoro, con dignità e con il giusto riconoscimento economico, attraverso un «urgente e serio» piano di stabilizzazione. Sono i precari in servizio negli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico d’Italia, come il Crob di Rionero in Vulture.

Qui gli interessati sono una quarantina. Si tratta per lo più di biologi, biotecnologi, farmacisti, chimici e tecnologi del farmaco, psicologi, statistici, medici, tecnici, amministrativi e altro personale di elevata professionalità. Anche loro ieri hanno manifestato con un’ora di astensione dal lavoro contro l’approvazione del «testo unico» sul pubblico impiego. «La riforma “Madia” esclude dal piano di stabilizzazione della pubblica amministrazione gran parte di queste figure – hanno spiegato i manifestanti - come i ricercatori, altamente specializzate ed alle quali non possono più essere applicati i contratti atipici come i co.co.co».

Nel corso della manifestazione, i ricercatori hanno distribuito volantini alla cittadinanza per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mancanza di soluzioni contrattuali che permettano loro di continuare a lavorare e garantire continuità alla ricerca sanitaria in Italia. «Lavoriamo nella ricerca sanitaria pubblica, facciamo cioè ricerca applicata, indipendente da interessi commerciali e con ricadute dirette sui pazienti. Per esempio, identifichiamo e valutiamo nuove cure, modalità diagnostiche, attività di prevenzione e servizi per i pazienti - hanno spiegato ieri durante il sit in – ma siamo precari da 5, 10, ma anche da 15 anni e oltre, pagati con borse di studio e contratti ‘atipici’ che non garantiscono i diritti di un contratto “tipico”, neanche quello a tempo determinato».

La mobilitazione di ieri mattina a Rionero in Vulture si è tenuta in tutti gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici italiani con iniziative locali. Si tratta di oltre 3500 professionisti in tutta il Belpaese che dal 1 gennaio 2018 rischiano di rimanere senza lavoro con ricadute sulla sostenibilità e il futuro della ricerca sanitaria pubblica. I ricercatori precari si sono riuniti in un coordinamento nazionale e chiedono che il problema venga risolto attraverso un piano programmatico nazionale che preveda la loro stabilizzazione nei ruoli sanitari, e lo stanziamento di fondi adeguati per renderlo sostenibile. «La ricerca sanitaria italiana sarà presto al collasso – hanno concluso i precari del Crob - molti di noi in tutta Italia sono già rimasti senza lavoro o saranno presto costretti ad abbandonare la nave. Questo avrà gravi conseguenze per la salute di tutti i cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400