Sabato 23 Febbraio 2019 | 02:15

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
In vista del 24 marzo
Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

 
Economia
Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

 
L'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

Consorzio di bonifica

Senise, la tassa sulla bonifica
arriva dopo oltre 40 anni

Senise, la tassa sulla bonificaarriva dopo oltre 40 anni

MARIAPAOLA VERGALLITO

SENISE - Una notifica Equitalia inviata agli agricoltori da parte del Consorzio di Bonifica per pagare gli interventi (di bonifica, appunto) sui loro terreni. E’ quello che si stanno vedendo recapitare, in questi giorni, molti agricoltori di Senise.
Non è l’unico caso in Basilicata e non è la prima volta che ce ne occupiamo ma parlarne in riferimento a questo preciso territorio regionale ha un significato diverso, perché queste sono le terre a ridosso dell’invaso di Montecotugno, più precisamente quelle di contrada «Codicino». In generale, da queste parti, la tassa di bonifica non è stata mai richiesta. L’impianto è stato realizzato alla fine degli anni Settanta dall’Ente Irrigazione, contestualmente ai lavori dell’invaso senisese. Negli anni la competenza è passata dall’Eipli al Consorzio di Bonifica. Gli agricoltori parlano di una sorta di «tacito consenso» in forma non regolamentata ufficialmente, per cui una delle contropartite per l’invasamento dei terreni agricoli migliori di Senise era la possibilità di bonificare le terre a monte.

Attenzione: la memoria storica racconta che i lavori di bonifica realizzati nei terreni ormai coperti dall’acqua erano spalmati su tutta la popolazione rurale senisese, anche quando l’acqua per irrigare i campi non arrivava a tutti. Quindi il pagamento è come se ci fosse già stato. Il paradosso, però è anche un altro. Il caso «Codicino» è emblematico perché, come spiega Marco Falcone, uno degli agricoltori interessati, «sempre in quegli anni, parte dei terreni in questione fu espropriato per costruire la strada, realizzata dall’Eipli con fondi europei. All’esproprio, però, non solo non seguì nessun pagamento ma, a distanza di anni, non sono state aggiornate le mappe catastali e, quindi, la strada nelle carte non esiste». In pratica: dove adesso c’è la lingua d’asfalto, risultano esserci ancora i terreni agricoli la cui superficie viene calcolata nella tassa di bonifica.

Sulla questione è intervenuto, con una nota, il Movimento 5 Stelle di Senise. «Stiamo approfondendo, tramite un legale, se le richieste di pagamento sono formalmente corrette ed esigibili, ma comunque derivano da un iter legislativo che ha portato all’approvazione tra il 2004 e il 2006, anche con una delibera della Giunta Regionale, del “piano di classifica per il riparto della contribuenza” che ha poi portato alla definizione del contributo dovuto e relativa richiesta di pagamento. Tale piano non è stato mai contestato dalle amministrazioni passate né dai politici, i quali hanno mostrato ancora una volta di dimenticarsi e disinteressarsi completamente delle problematiche del territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400