Venerdì 27 Novembre 2020 | 16:09

NEWS DALLA SEZIONE

Il provvedimento
Coronavirus, a Potenza assembramenti nel centro storico: multe

Coronavirus, a Potenza assembramenti nel centro storico: multe

 
regione
Potenza, la manovra di bilancio lunedì prossimo approda in Consiglio regionale

Potenza, la manovra di bilancio lunedì prossimo approda in Consiglio regionale

 
il documento
Piano strategico Basilicata, Bardi illustra le linee fondamentali

Piano strategico Basilicata, Bardi illustra le linee fondamentali

 
dati regionali
Covid, in Basilicata cala curva contagi (+242) e numero tamponi (meno di 2mila): altri 2 decessi

Covid, in Basilicata cala curva contagi (+242) e numero tamponi (meno di 2mila): altri 2 decessi

 
Sicurezza
Potenza, incrementare organici Polizia di Stato: richiesta al ministro Lamorgese

Potenza, incrementare organici Polizia di Stato: richiesta al ministro Lamorgese

 
l'appello
Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

 
La decisione
Basilicata, 6mln per ripresa attività didattiche in sicurezza

Basilicata, 6mln per ripresa attività didattiche in sicurezza

 
dati regionali
Covid in Basilicata, nuovo record positivi (+380) e di tamponi effettuati (circa 3mila): altri tre decessi

Covid in Basilicata, nuovo record positivi (+380) e di tamponi effettuati (circa 3mila): altri tre decessi

 
25 novembre
Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

 
acquedotto lucano
Potenza, acqua torbida nella diga Camastra e rubinetti a secco

Potenza, acqua torbida nella diga Camastra e rubinetti a secco

 
25 novembre
Potenza, poetessa uccisa dal marito: un Premio di laurea per ricordare Angela Ferrara

Potenza, poetessa uccisa dal marito: un Premio di laurea per ricordare Angela Ferrara

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl video
Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

 
BariIl servizio
Stress da Covid: in azienda barese uno sportello psicologico per aiutare i dipendenti

Stress da Covid: in azienda barese uno sportello psicologico per aiutare i dipendenti

 
FoggiaIl provvedimento
Foggia, Natale senza festa e con poche luminarie. Sindaco: «Risparmi a famiglie bisognose»

Foggia, Natale senza festa e con poche luminarie. Sindaco: «Risparmi a famiglie bisognose»

 
PotenzaIl provvedimento
Coronavirus, a Potenza assembramenti nel centro storico: multe

Coronavirus, a Potenza assembramenti nel centro storico: multe

 
Brindisile indagini
Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

 
Materala lettera
Matera, sindaco scrive a Conte: «L'ospedale sia tutelato»

Matera, sindaco scrive a Conte: «L'ospedale sia tutelato»

 
Batnella Bat
Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

 

i più letti

Il fatto

Potenza, dipendente delle Poste truffava i pensionati

L’uomo si sarebbe appropriato di decine di migliaia di euro approfittando di problemi di demenza, età, e della buona fede dei clienti

soldi

Potenza - Un vaglia di 45mila euro di «regalo da nonno Mario». Un bel gesto se non fosse che a disporre il trasferimento di fondi con quella causale a una donna non era stato il signor Mario, che nemmeno gli era nonno, ma il marito della stessa destinataria che, lavorando all’ufficio postale dove il malcapitato aveva i suoi soldi aveva messo in atto un raggiro. È solo uno degli episodi contestati al 31enne potentino Sandor Grosso (difeso dall’avv. Giuseppe Bardi) nell’ambito del processo partito al Tribunale di Potenza. Una vicenda, per come emerge dalle indagini che hanno portato Grosso ai domiciliari dallo scorso giugno che vede vittime deboli, per età, patologie o poca conoscenza delle tecnologie che si sono viste sottrarre i propri risparmi. Decine di migliaia di euro ognuno, somme che diventano a 6 cifre nel totale.

E partiamo da questo dato. Le speranze di riavere i soldi potrebbero andare oltre quanto Grosso potrebbe dare. Gli avvocati Raffaele Roccanova e Alessio Carlucci, per le parti civili, hanno chiesto la citazione come responsabile civile di Poste Italiane, società in nome della quale Grosso agiva e il collegio presieduto da Rosario Baglioni si è riservato di decidere.

Ma al di là dei pur importanti aspetti economici, il processo valuterà accuse di condotte particolarmente che vanno dalla circonvenzione di incapace alla truffa, all’indebito utilizzo di carte di credito e di pagamento e alla ricettazione, descritte nelle indagini condotte dalla Procura ed eseguite dalla Guardia di Finanza con modalità particolarmente odiose.

Basti considerare un caso. Una donna, a cui l’uomo ha sottratto la bellezza di oltre 97mila euro (e aveva provato a effettuar un vaglia di altri 80mila alla collaboratrice domestica, poi bloccato) era affetta da demenza degenerativa e lui si era porto come un aiuto per la gestione economica. Così, spacciandosi per nipote, l’aveva anche accompagnata presso la Carime di Potenza, dove aveva altri soldi oltre quelli depositati alle Poste, per spostare tutto sul deposito all’Agenzia Postale di Trivigno dove lavorava. Il gruzzolo, così, era più facile operare. Perché l’anziana, già in difficoltà nella vita di tutti i giorni, era del tutto incapace di usare le credenziali di banking online e anche di effettuare i prelievi allo sportello automatico e così aveva consegnato tutto al suo impiegato «di fiducia». Ma questo nel tempo, con operazioni che sono andate dai mille ai 56 mila euro, con vaglia sul suo conto o prelievi in contante, si è appropriato della somma detta prima. E non basta. Perché ha utilizzato anche la carta bancomat come se fosse sua: prelievi a Potenza, Napoli e Scalea, appropriandosi del contante.

Nella maggior parte un «firmi qui» risolveva tutto. I malcapitati firmavano carte che non comprendevano e il gioco era fatto. I soldi venivano trasferiti, il frutto degli investimenti veniva decurtato, i prelievi venivano giustificati.

Già, le firme senza capire. Come quella volta che si presentò un cliente che, dopo aver perso i genitori, doveva mettere a posto le questioni economiche: il solerte impiegato lo convinse a disinvestire tutte le polizze in essere, e versare tutto sul conto personale del cliente stesso. Peccato che tra le carte da firmare Gruosso abbia inserito anche un vaglia in bianco, che sarebbe stato poi compilato con i dati del «regalo di nonno Mario» detto prima. Sul conto, dei 49mila e 800 euro iniziali, erano rimasti così 4.800 euro. Ma gli appetiti dell’impiegato, per l’accusa, non era finiti. E un prelievo in contanti avrebbe azzerato la somma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie