Sabato 06 Giugno 2020 | 21:51

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
Potenza, raccolta dei rifiuti nel territorio lucano sull’orlo del baratro

Potenza, raccolta dei rifiuti nel territorio lucano sull’orlo del baratro

 
Acque Minerali
Rionero, fiato sospeso alla Gaudianello di Monticchio tra cassa integrazione e prospettive di tagli

Rionero, fiato sospeso alla Gaudianello di Monticchio tra cassa integrazione e prospettive di tagli

 
Controlli dei CC
Potenza, rispetto prescrizioni anti-Covid: 15 denunciati

Potenza, rispetto prescrizioni anti-Covid: 15 denunciati

 
sanità
Potenza, il «San Carlo» riapre tutto ma sugli orari di visita è caos

Potenza, il «San Carlo» riapre tutto ma sugli orari di visita è caos

 
fase 3
Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tornano in regione

 
Emergenza coronavirus
Basilicata sempre più Covid free: per 9 giorni di fila zero contagi e zero ricoveri

Basilicata sempre più Covid free: per 9 giorni di fila zero contagi e zero ricoveri

 
Migranti
Angela Maria Bitonti di Federcolf

Basilicata, pagano per avere un contratto di lavoro: altro che sanatoria

 
Agricoltura
Basilicata, dalla Regione arrivano le norme per la gestione della brucellosi bovina

Basilicata, dalla Regione arrivano le norme per la gestione della brucellosi bovina

 
La richiesta
Fase 3, la Basilicata chiede ad Arcuri altri 300mila tamponi

Fase 3, la Basilicata chiede ad Arcuri altri 300mila tamponi. Nuova ordinanza di Bardi: obbligo di segnalazione

 
lavoro
Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

Truffa all'Inps nel Potentino: sedici denunciati

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, il club si prepara per il ritorno agli allenamenti collettivi

Bari calcio, il club si prepara per il ritorno agli allenamenti collettivi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Taranto, ex Ilva arriva il vertice al Mise: sindacati convocati il 9 giugno

Ex Ilva Taranto, arriva il vertice al Mise: sindacati convocati il 9 giugno

 
LecceIl caso
Coronavirus Salento, nella Rsa di Soleto gli anziani ospiti sono tutti negativi

Coronavirus Salento, nella Rsa di Soleto tutti negativi i 90 tamponi degli ospiti

 
BrindisiNel Brindisino
Francavilla F.na, prende a bastonate l'ex della fidanzata che finisce in coma: fermato

Francavilla F.na, prende a bastonate l'ex della fidanzata che finisce in coma: fermato

 
Bari6 mln dal Comune
Bari ,arrivano i fondi del bando «Open» aiuto a piccoli negozi e ambulanti

Bari, arrivano i fondi del bando «Open» aiuto a piccoli negozi e ambulanti

 
FoggiaNel foggiano
Carpino, accoltella 19enne per alcuni «sguardi provocatori»: arrestato 21enne per tentato omicidio

Carpino, accoltella 19enne per alcuni «sguardi provocatori»: arrestato 21enne per tentato omicidio

 
PotenzaAmbiente
Potenza, raccolta dei rifiuti nel territorio lucano sull’orlo del baratro

Potenza, raccolta dei rifiuti nel territorio lucano sull’orlo del baratro

 
BatLa testimonianza
New York come l’11 settembre

New York come l’11 settembre: il racconto di un imprenditore di Andria

 
MateraEconomia
Bernalda, spazi pubblici in concessione. Chiesto un ampliamento

Bernalda, spazi pubblici in concessione. Chiesto un ampliamento

 

i più letti

La situazione

Potenza, mancano gli anestesisti: così il Crob rischia di fermarsi

Esclusa, al momento, la possibilità di inviare quelli del S. Carlo

Potenza, mancano gli anestesisti, il Crob rischia di fermarsi

POTENZA - Non è una novità: in Basilicata i medici anestesisti mancano. Mancano da tempo. Mancano nonostante gli avvisi ed i bandi che vengono emananti ma restano senza partecipanti. Ora, però, la situazione potrebbe assumere contorni allarmanti e mettere a rischio l’operatività delle stesse strutture sanitarie lucana. Nei giorni in cui il governo regionale si appresta a discutere la riorganizzazione sanitaria ed a definire il nuovo modello organizzativo a venire alla luce è, infatti, il caso dell’Irccs Crob dove la mancanza di medici anestesisti rischia di stopparne parte dell’attività. La situazione è stata evidenziata dai vertici della struttura ospedaliera al Dipartimento Sanità con una lettera.

Una missiva dai toni allarmistici in cui veniva chiesta una soluzione. Sul tavolo la possibilità di utilizzare i medici rianimatori che operano presso l’ospedale «San Carlo» del capoluogo. Una decisione che - in un primo momento - sembrava mettesse d’accordo tutti, risolvendo il problema. Poi, però, diventata il nuovo terreno di scontro tra le strutture sanitarie e con il Dipartimento. Questo perché dopo il via libera iniziale il «San Carlo» è tornato sui suoi passi. Decidendo che i medici anestesisti della struttura non potessero essere impiegati anche al Crob. Una scelta che, di fatto, complica l’attività dell’ospedale di Rionero che proprio ultimamente aveva riavviato l’attività chirurgica.

Come confermano le parole dell’assessore alla Sanità, Rocco Leone. «Gli anestesisti mancano e mancano in Italia - spiega Leone - ma va premesso che la mancanza di chirurghi in passato ha bloccato l’attività operatoria dell’ospedale di Rionero e fatto si che anche se si facevano i bandi nessun anestesista partecipava per l’assenza dell’attività chirurgica. Ora, invece, riprendiamo. Riprende l’attività della chirurgia toracica, con il ritorno di un chirurgo lucano che era andato a Cosenza, e quella della chirurgia generale, con l’arrivo di un chirurgo dall’ospedale “Pascale” di Napoli, e questo potrebbe sbloccare la situazione. Nel frattempo, però, il problema degli anestesisti dobbiamo risolverlo. E dobbiamo fare i bandi».

Ci vorrà tempo, però. E per il momento servono soluzioni. I vertici del Dipartimento Sanità stanno lavorando su questo. Provando a mediare tra i medici e tra le strutture ospedaliere. Per capire se ci riusciranno bisogna attendere ancora.

Nel frattempo, sempre sul fronte ospedaliero ad essere definitivamente scongiurata è la chiusura del Punto nascite di Melfi. Ieri, infatti, è stata inoltrata al Ministro Speranza la lettera con cui il presidente Bardi ha chiesto ufficialmente la deroga. «La chiusura del Punto nascite - viene evidenziato nella missiva - causerebbe in primo luogo un incremento del flusso di partorienti verso il “San Carlo” . Quest’ultimo nell’emergenza ha rappresentato e rappresenta tuttora il punto di riferimento principale per i ricoveri di pazienti affetti da Covid». Per questo in caso di ritorno dell’epidemia il «San Carlo» potrebbe essere l’ospedale destinato a partorienti con Covid. Ed il Punto nascite di Melfi ad altro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie