Martedì 11 Agosto 2020 | 17:27

NEWS DALLA SEZIONE

POLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
LA TRAGEDIA nel potentino
Donna muore a Rionero investita dal suo furgone

Donna muore a Rionero in Vulture investita dal suo furgone

 
Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 
L'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 
bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

 
fase 3
Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

 
Il caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
SERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 
la denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariEmergenza al Policlinico
Coronavirus Bari, partoriente positiva i neo genitori: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

Coronavirus Bari, partoriente positiva i neo genitori: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

 
MateraIl caso
Matera, donna lancia una pietra contro un'auto: denunciata

Matera, donna lancia una pietra contro un'auto: denunciata

 
Leccel'emergenza
Coronavirus, sale a 7 il numero di salentini positivi dopo vacanza in Grecia

Coronavirus, sale a 7 il numero di salentini positivi dopo vacanza in Grecia

 
Batnella Bat
Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 

i più letti

Parità di genere

Paesi lucani in cerca di assessori donna: parte il bando

Donne e quote rosa in politica, i casi di Vaglio e Venosa

Paesi lucani in cerca di assessori donna: parte il bando

Parità tra sessi o semplice moda del momento storico? La parità di genere è un’effettiva conquista delle donne, oppure si tratta di un mero capriccio, di una parte politica in particolare, perché le donne non hanno bisogno di «quote rosa» e sanno farsi valere da sole? Nel dubbio, anche in Basilicata impazza la questione della parità di genere.

La recente maxi tornata amministrativa ha imposto agli onori delle cronache la necessità di rispettare quanto prevede la legge in merito (56-14, cosiddetta legge Delrio), facendo emergere però casi limite come quello di Vaglio (dove non si è votato, ma il sindaco ha difficoltà a reperire un assessore di sesso femminile) e di Venosa. Nella città di Orazio si è andati alle urne e la nuova maggioranza pentastellata, con il sindaco eletto Marianna Iovanni in testa, ha optato per un esecutivo quasi tutto al femminile: quattro donne e un solo uomo. È giusto o no? Di sicuro non è stata rispettata la normativa. La Consigliera per le Pari Opportunità della Basilicata, Ivana Pipponzi, non a caso ha stigmatizzato entrambe le situazioni: per Vaglio, infatti, c’è stato addirittura un ricorso al Tar, mentre nel caso di Venosa, Pipponzi ha richiamato il nuovo sindaco al rispetto della normativa. Casi limite, certo. Il tema, però, non cambia: è giusto normare un ambito come quello della parità di genere, oppure la composizione delle giunte è bene che venga decisa da sindaci ed esponenti politici locali sulla base sia delle competenze che delle necessità partitiche? Temi ormai ampiamente dibattuti e, forse, vetusti. Oggi, infatti, si «tira dritto» verso un dato acquisito: le donne in Italia, tanto nel mondo del lavoro quanto in quello politico-amministrativo, rimangono penalizzate.

Lo dicono i numeri. Pertanto, normare questo ambito prevedendo il rispetto delle cosiddette «quote rosa» si è reso necessario. D’altra parte, sappiamo bene che il nostro è un Paese nel quale se non si interviene con le «maniere forti», le cose non cambiano mai. Prendiamo il caso della tutela dell’ambiente: spesso è dovuta intervenire la magistratura per interrompere situazioni incresciose, perché, altrimenti, la politica avrebbe continuato a lavarsene le mani. Stessa e identica situazione in questo ambito: c’è voluta una legge (e anche una sentenza del Consiglio di Stato, la numero 46 del 2015) che facesse rispettare un’equa composizione degli organi esecutivi comunali e regionali. Al netto di questo, però, in Basilicata ci sono casi limite (in entrambi i sensi, cioè con presunte penalizzazioni per tutti e due i sessi) come quelli di Vaglio e di Venosa. Ma anche tanti casi di segno opposto. Ad iniziare da Pisticci, uno dei centri più popolosi in regione, dove sindaco e vice sindaco sono entrambe donne (rispettivamente, Viviana Verri e Maria Grazia Ricchiuti). In generale, e anche in attesa di conoscere il nuovo esecutivo di Potenza a guida leghista, la parità di genere può dirsi rispettata in Basilicata. Anche nei centri minori. Dove, pur con le difficoltà dovute a spopolamento ed emigrazione, i primi cittadini mostrano spesso sensibilità verso il tema, oltre alla necessità di rispettare la legge. Morale della favola? Non sarà ancora la «Repubblica delle donne», ma la Basilicata su questo tema mostra di essere cambiata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie