Venerdì 22 Gennaio 2021 | 20:33

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
Il caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
Il caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
Nel Potentino
Usb fa analizzare le mascherine di Fca, «Non sono idonee»: scatta la denuncia

Usb fa analizzare le mascherine di Fca, «Non sono idonee»: scatta la denuncia

 
Nel Potentino
Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

 
Guardia di Finanza
Gioco d'azzardo illecito: sequestrati beni per mezzo milione di euro a 54enne potentino

Gioco d'azzardo illecito: sequestrati beni per mezzo milione di euro a 54enne potentino

 
Per almeno 15 giorni
Potenza, responsabile piscina Montereale positivo al Covid: chiude struttura

Potenza, responsabile piscina Montereale positivo al Covid: chiude struttura

 
economia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Giustizia
Potenza, infiltrazioni d'acqua e impianto elettrico non funzionante: «Tribunale prossimo all'inagibilità»

Potenza, infiltrazioni d'acqua e impianto elettrico non funzionante: «Tribunale prossimo all'inagibilità»

 
la richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
Covid news h 24Al San Giacomo
Covid, la denuncia della Lega: «A Monopoli niente test rapidi: bisogna andare a Bari»

Covid, la denuncia della Lega: «A Monopoli niente test rapidi: bisogna andare a Bari»

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Dall'ispettorato del lavoro

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

lavorano in nero ma figurano disoccupati

agricoltura

Essere formalmente disoccupati, tanto da percepire la relativa indennità prevista dal nostro sistema previdenziale, ma, nello stesso tempo, recarsi tutti i giorni al lavoro. Nei campi del Metapontino, così come in quelli del Bradano e di altre zone della Basilicata. Sono i cosiddetti «furbetti dell’assegno di disoccupazione» in agricoltura, una platea composta da lavoratori in nero che, purtroppo, resta sempre piuttosto consistente, ma della quale si sa poco (altrimenti non parleremmo di lavoro in nero o sommerso). Negli ultimi tempi, accanto alle numerose sortite dell’Ispettorato del Lavoro, spesso affiancato dai Carabinieri dello specifico settore, anche la Guardia di Finanza ha scoperto qualche caso, sul Tirreno come sullo Jonio.

In buona sostanza, raggiunta la fatidica soglia di 102 giornate lavorative utile a far maturare l’assegno di disoccupazione, spesso, in una sorta di convenienza reciproca tra domanda e offerta, il lavoratore diventa disoccupato per percepire l’indennità, ma, nel contempo, non cessa il rapporto lavorativo, che, però, diventa in nero. Sommerso. Con una prevedibile convenienza per il datore di lavoro (che risparmia sui contributi da versare e su tutto il plafond dei diritti da garantire in caso di assunzione regolare), ma anche per lo stesso lavoratore. Che, come detto, percepisce l’indennità e anche uno stipendio, ma ovviamente rinuncia a tutte le garanzie del caso. In Basilicata, purtroppo, il fenomeno non sembra accennare a diminuire: secondo alcuni dati dell’Istat, se in generale il fenomeno del lavoro sommerso diminuisce (ma i dati sono fermi al 2016), l’unico settore in aumento è, appunto, quello dell’agricoltura che ha fatto registrare un chiaro +0,7 in punti percentuali.
Più in generale, invece, secondo l’Alleanza delle Cooperative nella nostra regione sarebbero all’incirca 30mila le unità impiegate in nero, nei vari comparti. Ad iniziare dal lavoro stagionale, che coinvolge anche mano d’opera proveniente da altre regioni e che, per forza di cose, ha a che fare con il settore agricolo. Ma nessun comparto sarebbe esente, anche pure l’Alleanza delle Cooperative sottolinea come quello agricolo sia il più esposto, seguito dall’edilizia e dalla ristorazione. Particolarmente attivo anche da noi, inoltre, il fenomeno del lavoro nero nelle cosiddette false cooperative, che prediligono soprattutto i campi e, in particolar modo, l’area del Metapontino.

Ciò che è più preoccupante, però, è la considerazione che l’estensione del fenomeno, soprattutto al Sud, non consente quel controllo capillare necessario a sradicare una prassi consolidata da anni. Ma come funziona la truffa? Più o meno così: titolari di aziende compiacenti “vendono le giornate”, in pratica ingaggiano il lavoratore per il tempo necessario per il raggiungimento del numero di giornate che dà diritto al contributo, per poi licenziarlo. Il lavoratore, a questo punto, può inoltrare la richiesta all’Inps per ottenere il beneficio previdenziale e nel frattempo può anche continuare a lavorare. Ma potrebbe anche semplicemente accontentarsi dell’indennità e dedicarsi ad altro. A livello nazionale la “fetta” di sommerso ammonta a 100 miliardi all’anno e anche in Basilicata toccherebbe cifre importanti, ma non quantificate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie