Sabato 17 Agosto 2019 | 22:47

NEWS DALLA SEZIONE

All'ospedale San Carlo
Cc morto nel Potentino dopo incidente stradale, donati gli organi

Cc morto nel Potentino dopo incidente stradale, donati gli organi

 
Enti sub regionali
Basilicata, via al valzer delle poltrone: impazza il totonomine

Basilicata, via al valzer delle poltrone: impazza il totonomine

 
Incidente stradale
Altamura, cade a causa della pioggia: morto motociclista di 39 anni

Altamura, cade a causa della pioggia: morto motociclista di 39 anni

 
l'Elephas antiquus
Venosa, rubano un osso di elefante preistorico: è caccia al ladro

Venosa, rubano un osso di elefante preistorico: è caccia al ladro

 
Salute
Potenza, riparte la guerra sulla radioterapia «Via dal S. Carlo per salvare il Crob»

Potenza, riparte la guerra sulla radioterapia «Via dal S. Carlo per salvare il Crob»

 
Il caso
Fiumicello di Maratea, depuratore rotto e acqua marrone, Bardi: «Vigileremo»

Fiumicello di Maratea, depuratore rotto e acqua marrone, Bardi: «Vigileremo»

 
Regione
Autonomia, i conti non tornano: la Basilicata perde 113 milioni

Autonomia, i conti non tornano: la Basilicata perde 113 milioni

 
Sanità
Basilicata, tagli fino a 26 mln ai fondi per cure fuori regione

Basilicata, tagli fino a 26 mln ai fondi per cure fuori regione

 
L'incidente
Vietri di Potenza, auto fuori strada: morto bimbo di 4 anni, gravi i genitori

Vietri di Potenza, auto fuori strada: morto bimbo di 3 anni, gravi i genitori

 
Nel Potentino
Palazzo, fugge a tutto gas disperdendo coca per strada

Palazzo, fugge a tutto gas disperdendo coca per strada

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl gesto per gelosia
Taranto, crede che lui abbia un'altra: 27enne gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

Taranto, crede che lui abbia un'altra: gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

 
LecceNel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
BariLo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

 
BatI numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
FoggiaIl caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 

i più letti

Dall'ispettorato del lavoro

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

lavorano in nero ma figurano disoccupati

agricoltura

Essere formalmente disoccupati, tanto da percepire la relativa indennità prevista dal nostro sistema previdenziale, ma, nello stesso tempo, recarsi tutti i giorni al lavoro. Nei campi del Metapontino, così come in quelli del Bradano e di altre zone della Basilicata. Sono i cosiddetti «furbetti dell’assegno di disoccupazione» in agricoltura, una platea composta da lavoratori in nero che, purtroppo, resta sempre piuttosto consistente, ma della quale si sa poco (altrimenti non parleremmo di lavoro in nero o sommerso). Negli ultimi tempi, accanto alle numerose sortite dell’Ispettorato del Lavoro, spesso affiancato dai Carabinieri dello specifico settore, anche la Guardia di Finanza ha scoperto qualche caso, sul Tirreno come sullo Jonio.

In buona sostanza, raggiunta la fatidica soglia di 102 giornate lavorative utile a far maturare l’assegno di disoccupazione, spesso, in una sorta di convenienza reciproca tra domanda e offerta, il lavoratore diventa disoccupato per percepire l’indennità, ma, nel contempo, non cessa il rapporto lavorativo, che, però, diventa in nero. Sommerso. Con una prevedibile convenienza per il datore di lavoro (che risparmia sui contributi da versare e su tutto il plafond dei diritti da garantire in caso di assunzione regolare), ma anche per lo stesso lavoratore. Che, come detto, percepisce l’indennità e anche uno stipendio, ma ovviamente rinuncia a tutte le garanzie del caso. In Basilicata, purtroppo, il fenomeno non sembra accennare a diminuire: secondo alcuni dati dell’Istat, se in generale il fenomeno del lavoro sommerso diminuisce (ma i dati sono fermi al 2016), l’unico settore in aumento è, appunto, quello dell’agricoltura che ha fatto registrare un chiaro +0,7 in punti percentuali.
Più in generale, invece, secondo l’Alleanza delle Cooperative nella nostra regione sarebbero all’incirca 30mila le unità impiegate in nero, nei vari comparti. Ad iniziare dal lavoro stagionale, che coinvolge anche mano d’opera proveniente da altre regioni e che, per forza di cose, ha a che fare con il settore agricolo. Ma nessun comparto sarebbe esente, anche pure l’Alleanza delle Cooperative sottolinea come quello agricolo sia il più esposto, seguito dall’edilizia e dalla ristorazione. Particolarmente attivo anche da noi, inoltre, il fenomeno del lavoro nero nelle cosiddette false cooperative, che prediligono soprattutto i campi e, in particolar modo, l’area del Metapontino.

Ciò che è più preoccupante, però, è la considerazione che l’estensione del fenomeno, soprattutto al Sud, non consente quel controllo capillare necessario a sradicare una prassi consolidata da anni. Ma come funziona la truffa? Più o meno così: titolari di aziende compiacenti “vendono le giornate”, in pratica ingaggiano il lavoratore per il tempo necessario per il raggiungimento del numero di giornate che dà diritto al contributo, per poi licenziarlo. Il lavoratore, a questo punto, può inoltrare la richiesta all’Inps per ottenere il beneficio previdenziale e nel frattempo può anche continuare a lavorare. Ma potrebbe anche semplicemente accontentarsi dell’indennità e dedicarsi ad altro. A livello nazionale la “fetta” di sommerso ammonta a 100 miliardi all’anno e anche in Basilicata toccherebbe cifre importanti, ma non quantificate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie