Mercoledì 24 Aprile 2019 | 19:56

NEWS DALLA SEZIONE

Il nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
Le indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
Petrolio lucano
Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

 
Il caso
Basilicata, petrolio contaminato in Val D'Agri: un arresto

Val D'Agri, petrolio contaminato: arrestato dirigente Eni 
«Massima collaborazione»

 
La nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
Elezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto.La squadra fa ricorso ma viene respinto

 
A potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Parco del Pollino
Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Dall'ispettorato del lavoro

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

lavorano in nero ma figurano disoccupati

agricoltura

Essere formalmente disoccupati, tanto da percepire la relativa indennità prevista dal nostro sistema previdenziale, ma, nello stesso tempo, recarsi tutti i giorni al lavoro. Nei campi del Metapontino, così come in quelli del Bradano e di altre zone della Basilicata. Sono i cosiddetti «furbetti dell’assegno di disoccupazione» in agricoltura, una platea composta da lavoratori in nero che, purtroppo, resta sempre piuttosto consistente, ma della quale si sa poco (altrimenti non parleremmo di lavoro in nero o sommerso). Negli ultimi tempi, accanto alle numerose sortite dell’Ispettorato del Lavoro, spesso affiancato dai Carabinieri dello specifico settore, anche la Guardia di Finanza ha scoperto qualche caso, sul Tirreno come sullo Jonio.

In buona sostanza, raggiunta la fatidica soglia di 102 giornate lavorative utile a far maturare l’assegno di disoccupazione, spesso, in una sorta di convenienza reciproca tra domanda e offerta, il lavoratore diventa disoccupato per percepire l’indennità, ma, nel contempo, non cessa il rapporto lavorativo, che, però, diventa in nero. Sommerso. Con una prevedibile convenienza per il datore di lavoro (che risparmia sui contributi da versare e su tutto il plafond dei diritti da garantire in caso di assunzione regolare), ma anche per lo stesso lavoratore. Che, come detto, percepisce l’indennità e anche uno stipendio, ma ovviamente rinuncia a tutte le garanzie del caso. In Basilicata, purtroppo, il fenomeno non sembra accennare a diminuire: secondo alcuni dati dell’Istat, se in generale il fenomeno del lavoro sommerso diminuisce (ma i dati sono fermi al 2016), l’unico settore in aumento è, appunto, quello dell’agricoltura che ha fatto registrare un chiaro +0,7 in punti percentuali.
Più in generale, invece, secondo l’Alleanza delle Cooperative nella nostra regione sarebbero all’incirca 30mila le unità impiegate in nero, nei vari comparti. Ad iniziare dal lavoro stagionale, che coinvolge anche mano d’opera proveniente da altre regioni e che, per forza di cose, ha a che fare con il settore agricolo. Ma nessun comparto sarebbe esente, anche pure l’Alleanza delle Cooperative sottolinea come quello agricolo sia il più esposto, seguito dall’edilizia e dalla ristorazione. Particolarmente attivo anche da noi, inoltre, il fenomeno del lavoro nero nelle cosiddette false cooperative, che prediligono soprattutto i campi e, in particolar modo, l’area del Metapontino.

Ciò che è più preoccupante, però, è la considerazione che l’estensione del fenomeno, soprattutto al Sud, non consente quel controllo capillare necessario a sradicare una prassi consolidata da anni. Ma come funziona la truffa? Più o meno così: titolari di aziende compiacenti “vendono le giornate”, in pratica ingaggiano il lavoratore per il tempo necessario per il raggiungimento del numero di giornate che dà diritto al contributo, per poi licenziarlo. Il lavoratore, a questo punto, può inoltrare la richiesta all’Inps per ottenere il beneficio previdenziale e nel frattempo può anche continuare a lavorare. Ma potrebbe anche semplicemente accontentarsi dell’indennità e dedicarsi ad altro. A livello nazionale la “fetta” di sommerso ammonta a 100 miliardi all’anno e anche in Basilicata toccherebbe cifre importanti, ma non quantificate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400