Giovedì 04 Marzo 2021 | 10:44

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Vagoni storici abbandonati sui binari a Potenza: via alla rimozione

Vagoni storici abbandonati sui binari a Potenza: via alla rimozione della motrice Fal

 
Il caso
Potenza, amarezza sui binari, vagoni storici abbandonati

Potenza, amarezza sui binari, vagoni storici abbandonati

 
Il bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

 
Il caso
Potenza, botte e sevizie ai figli, genitori arrestati: a denunciarli la nonna

Potenza, botte e sevizie ai figli, genitori arrestati: a denunciarli la nonna

 
Il caso
«Bonus cantieri», il Covid in Basilicata fa... business

«Bonus cantieri», il Covid in Basilicata fa... business

 
l'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
La decisione
Commissario Covid: fuori Arcuri, Draghi nomina il generale potentino Figliuolo

Commissario Covid: fuori Arcuri, Draghi nomina il generale potentino Figliuolo

 
L'emergenza
Potenza, presidente Provincia sollecita ristori per categorie interessate da provvedimenti

Potenza, presidente Provincia sollecita ristori per categorie interessate da provvedimenti Covid

 
Il gesto
Potenza, mamma Laura morta a 100 anni, i figli donano tablet a ospedale San Carlo

Potenza, mamma Laura morta a 100 anni, i figli donano tablet a ospedale San Carlo

 
la sentenza
Rionero in Vulture, omicidio Cassotta assolto anche il 43enne Prota: delitto senza colpevole

Potenza, omicidio Cassotta: assolto il 43enne Prota. Delitto senza colpevole

 

Il Biancorosso

La trasferta
Bari batte Juve Stabia 2-0. Carrera: ora più in alto

Bari batte Juve Stabia 2-0. Carrera: ora più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel Barese
Altamura, ottengono illecitamente contributi agricoltura per 218mila euro: 3 denunce

Altamura, ottengono illecitamente contributi agricoltura per 218mila euro: 3 denunce

 
MateraLotta al virus
Matera, dall'8 marzo via alla campagna vaccinale nel carcere

Matera, dall'8 marzo via alla campagna vaccinale nel carcere

 
LecceOnline il 5 marzo
Altrisguardi e Altrimondi, la rassegna di musica, cinema e arti visive unisce gli studenti da Lecce alla Calabria

Altrisguardi e Altrimondi, la rassegna di musica, cinema e arti visive unisce gli studenti da Lecce alla Calabria

 
BrindisiLa scoperta
Brindisi, sequestrate al porto quasi 2mila paia di Doc.Martens contraffatte: una denuncia

Brindisi, sequestrate al porto quasi 2mila paia di Doc.Martens contraffatte: una denuncia

 
BatII fatti un mese fa
Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

 
PotenzaIl caso
Vagoni storici abbandonati sui binari a Potenza: via alla rimozione

Vagoni storici abbandonati sui binari a Potenza: via alla rimozione della motrice Fal

 
Foggianel foggiano
Manfredonia, minacciano tabaccaia con taglierino e fuggono con l'incasso: presi minorenni

Manfredonia, minacciano tabaccaia con taglierino e fuggono con l'incasso: presi minorenni

 
TarantoLotta al virus
Taranto, vaccini al Palaricciardi: in un giorno 920 dosi

Taranto, vaccini al Palaricciardi: in un giorno 920 dosi

 

i più letti

Giustizia e ambiente

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

La Pm Triassi chiede lo stralcio dei filoni Eni e Total

tempa rossa

POTENZA - Pericolo prescrizione per il processo «Petrolgate» e il pubblico ministero lancia la richiesta per ridurre i tempi processuali: trattare separatamente il filone Eni e il filone Tempa Rossa. Una novità importante e fondamentale sia per l’accusa sia per la difesa, sulla quale il collegio giudicante scioglierà la riserva durante la prossima udienza fissata per il 30 gennaio. Colpo di scena, dunque, ieri nel procedimento sulle estrazioni di petrolio in Basilicata. Il pm Laura Triassi ha chiesto lo stralcio dei due filoni fino ad ora trattati unitariamente in un unico dibattimento. Secondo la magistrata, i due tronconi trattano reati di diversa natura e la separazione è indispensabile per scongiurare il rischio della prescrizione. Un rischio sempre più concreto a causa del grande numero di testimoni previsti, e che, come ha detto la Triassi durante l’udienza, si tradurrebbe in una grande sconfitta per l’amministrazione della giustizia. La proposta ha trovato il favore degli avvocati di parte civile, mentre i legali della difesa si sono opposti. Il presidente del collegio, Rosario Baglioni, si è riservato di valutare la richiesta e comunicare la sua decisione nella prossima udienza fissata per il 30 gennaio. Il filone Eni riguarda il presunto traffico illecito di rifiuti al Centro olio di Viggiano, il filone Tempa Rossa, invece, è incentrato sull’ipotesi di assunzioni pilotate nell’impianto di Corleto Perticara. Dopo la discussione sulla proposta del pm l’udienza è proseguita con la testimonianza di Nazareno Santilli, consulente tecnico della Procura. L’ingegnere ha illustrato la sua perizia sul sistema di emissioni di gas al Centro olio di Viggiano.

Il processo si è aperto il 6 novembre del 2017 dopo che il gup di Potenza aveva rinviato a giudizio 47 persone e 10 società. L’inchiesta portata avanti già da alcuni anni dagli inquirenti potentini deflagra il 31 marzo del 2016 con cinque arresti domiciliari e la sospensione delle attività al Centro olio di Viggiano. L’inchiesta riguarda lo smaltimento degli scarti di produzione del Centro olio di Viggiano e i lavori per la realizzazione del Centro olio della Total, a Corleto Perticara, in particolare per presunti scambi tra assunzioni e autorizzazioni da parte dell’amministrazione comunale precedente a quella attualmente in carica. Nel fascicolo è confluito pure il memoriale dell’ingegnere Gianluca Griffa, l’ex responsabile del Cova di Viggiano, morto suicida in circostanze misteriose nel 2013. Nel manoscritto il 38enne ingegnere parlava di perdite dai serbatoi già nel 2012, vale a dire cinque anni prima dello sversamento di 400 tonnellate di greggio verificatosi nel mese di febbraio del 2017. Nell’udienza che si è tenuta il 5 dicembre scorso uno dei consulenti della Procura, il prof Mauro Sanna, ha spiegato come i rifiuti pericolosi sarebbero stati «mutati» in non pericolosi e finivano nel sottosuolo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie