Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 23:26

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le elezioni
Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

 
Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 24 marzo: firmato il decreto

 
Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 

A potenza

Post sessista su Facebook, dirigente sospeso

L'incipit del post: «Sono brutte, nessuno se le fila, neanche un migrante che non vede una donna da anni...»

Costa molto caro un «like» messo su post di Facebook

E la Fora, una delle due aziende che compongono l’associazione temporanea di imprese che si occupa della radioterapia, e che da sola segue anche il servizio degli screening oncologici, da lunedì ha sospeso il dirigente del «post sessista» Salvatore Conte. Sospeso dall’incarico svolto presso il San Carlo di Potenza, ma, a quanto si è saputo, resta in organico nell’azienda in attesa di una collocazione.
Conte era finito al centro della bufera dopo un post pubblicato su Facebook dall’incipit «Sono brutte, nessuno se le fila, neanche un migrante che non vede una donna da anni...» in cui esprimeva apprezzamenti volgari e sessisti contro donne e che lo stesso aveva poi spiegato di aver indirizzato verso alcune non citate o meglio identificate donne che sospettava avessero scritto lettere anonime contro di lui.


Fatto sta che un linguaggio decisamente pesante e inopportuno (specie per una persona che doveva seguire gli screening oncologici rivolti proprio all’universo femminile, quali quelli per il tumore al seno e al collo dell’utero) aveva suscitato una serie di reazioni, sia nel mondo politico (a sollevare per primo il caso era stato il Consigliere regionale Giannino Romaniello dei Leu) che nel mondo sindacale, con Angelo Summa e tutta la Cgil che avevano preso decisamente posizione per la rimozione del dirigente. Una situazione che si era aggravata dopo che i lavoratori e le lavoratrici e degli screening oncologici della Regione avevano denunciato di subire «continue angherie» e di essere «costretti ad operare in un clima vessatorio» in una lettera. Lettera dalla quale sarebbero state ritirate alcune firme, con la Cgil nuovamente all’attacco che, per mezzo del segretario Summa, ha denunciato come «Conte, responsabile amministrativo dello screening di Basilicata, si è rimesso in movimento minacciando le lavoratrici e paventando loro il licenziamento se non avessero ritirato il comunicato».


Dopo questa serie di polemiche la vicepresidente della Regione, Flavia Franconi, aveva convocato l’azienda per lo scorso venerdì (incontro è poi slittato a ieri) e col massimo esponente della giunta in carica il presidente della Fora, Carlo Degano, «ha assunto - si legge in un comunicato della Regione - l’impegno ad attivarsi sollecitamente e personalmente per verificare che non si concretizzino ulteriormente condizioni che possano pregiudicare la Sanità lucana». In realtà la sospensione era stata già decisa il giorno prima, ma, anche da tentativi di verifica diretta, non è emerso che i vertici societari abbiano ritenuto di parlarne alla vicepresidente Franconi. A tutto ieri pomeriggio, insomma, per la Regione la «revoca» (in realtà una sospensione dall’incarico come detto) restava solamente una «voce».
Il caso, comunque, non è chiuso. E oggi la Filcams Cgil tornerà a parlare nella propria assemblea delle presunte minacce ai lavoratori per ritirare la firma dalla lettera di denuncia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400