Lunedì 30 Marzo 2020 | 19:10

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl gesto
Coronavirus, olivicoltori donano ventilatori polmonari, tute e maschere al Policlinico di Bari

Coronavirus, olivicoltori donano ventilatori polmonari, tute e maschere al Policlinico di Bari

 
BrindisiIl virus
Coronavirus, pronto a Brindisi nuovo laboratorio analisi tamponi

Coronavirus, pronto a Brindisi nuovo laboratorio analisi tamponi

 
PotenzaLieto fine
Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

 
Homeemergenza coronavirus
Soleto, focolaio contagio in casa di riposo: altri 2 anziani morti

Soleto, focolaio in casa di riposo: altri 2 anziani contagiati morti

 
TarantoControlli della polizia
Taranto, a spasso dopo un tentato furto: nei guai un 30enne

Taranto, a spasso dopo un tentato furto: nei guai un 30enne

 
Materaspeculazione
Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

 
Foggiala decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 

i più letti

LA PRIMA PAGINA STORICA

Trento e Trieste liberate
Pagina del 1918

L'iniziativa: le edizioni storiche per i 130 anni de «La Gazzetta del Mezzogiorno»

La prima pagina storica del 4 novembre 1918: «Viva Trieste e Trento italiane!»

In occasione della nostra iniziativa promossa per i 130 anni della Gazzetta, fondata nel 1887, ecco la prima pagina del Corriere delle Puglie (come si chiamava allora il giornale) del 4 novembre 1918, aperta dal titolo «Viva Trieste e Trento italiane!».

Un titolo storico per una giornata davvero storica, che segnò il momento in cui - come si legge nel rigone della prima pagina - il Tricolore cominciò a sventolare a San Giusto e sul Buon Consiglio.

Il giornale racconta ogni particolare di ciò che accadde: Trento e Trieste redente, le truppe italiane sbarcate, la liberazione di Rovereto.

Il 4 novembre 1918 le truppe italiane entrarono finalmente a Trieste, accolte con irrefrenabile entusiasmo. «Pressoché tutta la popolazione italiana era in strada ad attendere i liberatori. Testimoni dell'esercito italiano ricordano con commozione l'avvolgente abbraccio dei triestini, rilevando pure l'aspetto macilento e sottomesso della folla, sottoposta per tutta la durata della guerra alle stesse privazioni della popolazione dell'Austria », si scrive.

Al termine della prima guerra mondiale, Trieste fu unita all'Italia.

L'annessione formale della città e della Venezia Giulia avvenne però solo due anni più tardi, fra il novembre 1920 e il gennaio 1921, allorquando questa divenne effettiva con il trattato di Rapallo.

Il messaggio del presidente del Consiglio, Vittorio Emanuele Orlando, al generale Armando Diaz, capo di stato maggiore dell’Esercito, e all’ammiraglio Emilio Thaon di Ravel, comandante supremo della Marina, alla liberazione di Trento e Trieste fu questo: «Il prodigio si è compiuto. Si è compiuto come neppure le nostre più audaci speranze potevano figurarsi. Un unico giorno ha visto insieme liberati gli estremi lembi della patria invasa e il tricolore sventolare sulle due città per le quali i nostri cuori sanguinarono nella tacita attesa, fiammeggiarono nella lotta leonina. La geniale saggezza dei duci, la costanza indomita e l’ardimento eroico dei soldati e dei marinai, hanno ravvivato di nuova luce immortale la grandezza e la gloria d’Italia: essa non si spegnerà nei secoli. A tutti quanti furono alti e umili artefici di questo prodigioso si rivolge la riconoscenza infinita della Patria. Da lontano invio all’E.V. un saluto che è un grido di fede, di commozione, di esaltazione quale la parola non potrebbe mai».

E ancora: il giornale scrive «Il tricolore sventola a Trento»; «le truppe italiane occupano Trento e Trieste. Alle 15.15 del 3 novembre i cavalleggieri del reggimento “Alessandria”, un reparto di arditi, gli alpini e gli artiglieri entrano a Trento».

Clicca qui per vedere le altre Pagine Storiche Gazzetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie