Domenica 16 Giugno 2019 | 10:36

NEWS DALLA SEZIONE

Dal 23 al 27/7
Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

 
La scoperta
Taranto, dal sottosuolo emerge una tomba a camera del II sec. a.C.

Taranto, dal sottosuolo emerge una tomba a camera del II sec. a.C.

 
L'idea
Dal Salento a New York: un pasticciotto arcobaleno in onore della comunità Lgbt

Dal Salento a New York: un pasticciotto arcobaleno in onore della comunità Lgbt

 
Tecnologia
La pista ciclabile che «ricarica»: Ciclò, il progetto presentato al DigiLab del Politecnico di Bari

La pista ciclabile che «ricarica»: Ciclò, il progetto presentato al DigiLab Politecnico

 
La scomparsa
Bari, a 76 anni muore il giornalista Federico Pirro

Bari, a 76 anni muore il giornalista Federico Pirro

 
A tavola
Mandorla, da veleno a delizia: la storia del DNA scoperta anche da un barese

Mandorla, da veleno a delizia: la storia del DNA scoperta anche da un barese

 
L'iniziativa
Giustizia e aziende, workshop tra studi legali di Bari e Milano: come lavorare insieme

Giustizia e aziende, workshop tra studi legali di Bari e Milano: come lavorare insieme

 
A Pescaria
In Puglia arriva il primo panino gourmet con il Cobia, il pesce sostenibile

In Puglia arriva il primo panino gourmet con il Cobia, il pesce sostenibile

 
15 e 16 giugno 2019
Bitlibri, a Bitritto due serate dedicate ai libri e al jazz

Bitlibri, a Bitritto due serate dedicate ai libri e al jazz

 
L'iniziativa
La Legge sulla bellezza pugliese vola a Londra alla presenza del Principe Carlo

La Legge sulla bellezza pugliese vola a Londra dal Principe Carlo

 
L'allarme
Invasioni pappagalli verdi in Puglia, Coldiretti: «Colpa della tropicalizzazione»

Invasione pappagalli verdi in Puglia, Coldiretti: «Colpa della tropicalizzazione»

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiTra 11 persone
Brindisi, maxi rissa per uno sguardo di troppo verso una ragazzina

Brindisi, maxi rissa per uno sguardo di troppo verso una ragazzina

 
BariTecnologia
Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

Gravina, parcheggi a pagamento? Incubo finito: si paga con un'app

 
BatTragedia sfiorata
Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

 
TarantoLa tragedia
Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

 
NewsweekDal 23 al 27/7
Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

Richard Gere in Basilicata: superospite alle Giornate di Maratea

 
HomeL'evento a S. Giovanni Rotondo
S. Giovanni Rotondo, al raduno della Protezione civile la più piccola volontaria d'Italia

Raduno nazionale Protezione civile, ecco la più piccola volontaria d'Italia: è pugliese

 
MateraL'iniziativa
Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

 

i più letti

A tavola

Mandorla, da veleno a delizia: la storia del DNA scoperta anche da un barese

Lo studio pubblicato sulla rivista Science da un gruppo di ricercatori guidati dall’università di Copenhagen: DNA mutato in migliaia di anni

Mandorla, da veleno a delizia: la storia del DNA scoperta anche da un barese

Le mandorle che siamo abituati a gustare oggi sono ben diverse da quelle del passato: tutte le varietà selvatiche di questa pianta sono infatti amare e tossiche. È stata una mutazione avvenuta naturalmente, e selezionata dall’uomo migliaia di anni fa, che le ha rese dolci, permettendone la coltivazione. Lo rivela la mappa del Dna della mandorla, pubblicata sulla rivista Science da un gruppo di ricercatori guidati dall’università di Copenhagen, cui ha contribuito anche l’Italia.

«Tutte le mandorle selvatiche sono amare e tossiche per via di un composto, l’amigdalina, che con l’ingestione rilascia cianuro. Bastano quindi mangiarne poche per rischiare la vita», spiega Stefano Pavan, uno dei ricercatori, nonchè docente dell’Università di Bari. La domesticazione del mandorlo, e quindi la sua coltivazione da parte dell’uomo, è stata possibile grazie ad una mutazione avvenuta nel Dna di questo albero, che ha reso i suoi frutti dolci.

«Noi abbiamo identificato questo cambiamento avvenuto in un suo particolare gene e in una proteina, che di fatto ha impedito la produzione di amigdalina. L’uomo ha selezionato questa mutazione favorevole che ha permesso la coltivazione della pianta, altrimenti impossibile», continua Pavan.

Su quando e dove ciò sia avvenuto invece non c'è accordo tra i ricercatori. Alcuni fanno risalire la domesticazione del mandorlo al 3000 a.C., mentre altri al 10.000 a.C., periodo a cui risalgono i resti fossili di alcune mandorle, che però non si sa se fossero dolci o amare. Anche sul luogo da cui sia partita la coltivazione non c'è accordo: per alcuni è l’Asia centrale, per altri è invece la mezzaluna fertile, cioè la zona compresa tra i fiumi Tigri ed Eufrate. «Il dato sicuro - conclude Pavan - è che il mandorlo è una delle specie arboree più antiche ad essere state addomesticate dall’uomo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400