Sabato 24 Luglio 2021 | 03:59

Il Biancorosso

serie c
Calcio: Bari, ritiro con allenamenti individuali

Calcio: Bari, ritiro con allenamenti individuali

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraCasa Cava
Danzasia, l'evento tra essenza e memoria nei Sassi di Matera

Danzasia, l'evento tra essenza e memoria nei Sassi di Matera

 
BariIl restauro
Bari vecchia, l'edicola votiva della Madonna con anime purganti torna al suo antico splendore

Bari vecchia, l'edicola votiva della Madonna con anime purganti torna al suo antico splendore

 
TarantoL'impatto
Taranto, finisce contro un muro in moto: morto 35enne di Brindisi

Taranto, finisce contro un muro in moto: morto 35enne di Brindisi

 
PotenzaIl caso
Potenza, truffe on line: nove denunciati, hanno preso 12 mila euro

Potenza, truffe on line: nove denunciati, hanno preso 12 mila euro

 
Foggiala polemica
Foggia, non ancora attivati presidi medici nelle località turistiche

Foggia, non ancora attivati presidi medici nelle località turistiche

 
Cinema e Spettacolimusica
Nando Popu nell'ultimo lavoro del cantautore  Martix

Nando Popu nell'ultimo lavoro del cantautore Martix

 
HomeBrutale aggressione
Latiano, intera famiglia aggredita in piazza: tre arresti

Latiano, intera famiglia aggredita in piazza: tre arresti

 

i più letti

L'eleganza oggi

Il classico progressivo di Emporio Armani

Dominano rosso e nero, «netti e puliti senza influenze esterne» secondo Giorgio Armani

Lo stilista Giorgio Armani

Lo stilista Giorgio Armani

MILANO - In tutto questo parlare di ritorno al sartoriale, arriva Giorgio Armani a mettere ordine e a dare la definizione di come va interpretata l’eleganza oggi: «classic pro» è il nome che accompagna alcuni capi della linea Emporio in passerella oggi e che si staglia sulle pareti del teatro di via Bergognone. È dunque un «classico progressivo», come spiega Armani dopo lo show, quello giusto per i giovani uomini di oggi. Una formula che si tiene ben lontana dal passatismo da una parte e dal grottesco dall’altra.

Ma come rendere glamour tessuti e capi che fanno parte del passato, che i ragazzi hanno visto in vecchie foto? La soluzione di Armani passa attraverso la lente di ingrandimento che esaspera la trama dei capisaldi maschili come Chevron, resche, diagonali, Galles, gessati, pied de poule. E poi la scelta dei colori, solo due: rosso e nero, «che non sono un omaggio ad Arnault - scherza lo stilista - ma due colori netti e puliti senza influenze esterne».

E la contaminazione continua con il mondo sportivo, dai gilet sartoriali ma con i tasconi al giustacuore imbottito da mettere sopra o sotto al cappotto, ai sottocolli in velluto o fustagno. «Ci vuole coraggio per uscire fuori dalla tradizione» dice Giorgio Armani, che per la sera rende brillante il nero con filamenti d’argento e decora anche le giacche più classiche con mini baguette luccicanti.

Alla fine della sfilata, una sorpresa: si spengono le luci e appare la scritta «I am saying yes to recycling», la stessa che appare su alcuni dei 18 capi in bianco e nero e in tessuti recuperati che chiudono lo show, di cui è ospite anche Biagio Antonacci.

Ispirata al workwear e caratterizzata da volumi sportivi e over, la capsule R-EA è realizzata in lana e denim rigenerati, cotone organico, nylon e ovatte riciclate. «È una capsule promozionale per la terra» dice Giorgio Armani, che la vede come "l'inizio di un discorso da portare avanti con una certa coerenza».

Per un nuovo capitolo che si apre, ce n'è uno che ritorna, la boutique storica di via Sant'Andrea, aperta nel 1983 e completamente rivista oggi, dopo anni. Marmi iraniani, tavolini di madreperla, salottini esclusivi e un piccolo teatro su tre piani che ad Armani suscitano sensazioni diverse: «Tornando lì ho provato un pò di nostalgia per un passato in cui ero molto più giovane, non agguerrito, perché lo sono più adesso di allora ma - confida - al tempo ero più disponibile, adesso non transigo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie