Mercoledì 24 Luglio 2019 | 06:16

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
Il caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
Il convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
"Bari, campionato complicatoI tifosi faranno la differenza"

«Bari, campionato complicato. I tifosi faranno la differenza»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Torre dell'Orso
Dieci persone intossicate in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

Dieci intossicati in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

 
GdM.TVL'evento in piazza
«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

 
FoggiaIl caso
Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

 
TarantoNel Tarantino
Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

 
BrindisiNel Brindisino
Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

 
PotenzaIn frazione Ciccolecchia
Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

 
MateraLa decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
BatL'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 

i più letti

Assoluzione piena

Scanzano, Marianna Scarci
«riabilitata»: estranea al clan

Conclusa il processo bis per la giovane donna nota al grande pubblico della tv per la su partecipazione ad Amici

Scanzano, Marianna Scarci«riabilitata»: estranea al clan

FILIPPO MELE

SCANZANO JONICO - Niente associazione mafiosa a carico della famiglia Scarci, di Taranto. È la parte più importante della sentenza, con ricadute anche nel centro del Metapontino, emessa al termine del processo bis nella Corte di appello di Lecce a carico del presunto clan tarantino. Ed è stata assoluzione per Marianna Scarci, nota al grande pubblico per la partecipazione alcuni anni fa ad “Amici”, il programma di Maria De Filippi, accusata di intestazione fittizia dello stabilimento balneare Squalo beach, al Lido Torre di Scanzano, sequestrato dalla magistratura ed affidato in gestione provvisoria all’associazione Libera come risultanza dell’Operazione Octopus.

Operazione oggetto del secondo dibattimento in Corte di appello celebrato dopo che la Cassazione aveva annullato le condanne del primo appello in accoglimento del ricorso presentato dalla difesa. Octopus scattò il 30 settembre 2011 con 12 ordinanze di custodia cautelare in carcere. Tra i reati contestati porto e detenzione illegale di armi ed esplosivi, usura, estorsione, intestazione fittizia di beni, atti di concorrenza con violenza e minaccia, pesca di frodo con esplosivi. Reati che secondo gli inquirenti erano stati commessi avvalendosi del potere di intimidazione. Le ordinanze di custodia cautelare furono emesse dal gip di Lecce su richiesta della Direzione distrettuale antimafia.

Lo Squalo Beach fu sequestrato perchè secondo gli inquirenti, pur se amministrato da Marianna Scarci, era di fatto gestito dai fratelli Francesco, ritenuto “il boss” dell’organizzazione, Giuseppe e Andrea Scarci. Il nuovo processo di secondo grado, però, dopo la caduta dell’accusa di associazione mafiosa, ha portato alla riduzione delle pene per alcuni degli imputati mandandone assolti sette. Queste le condanne al termine del processo bis (fra parentesi quelle di primo grado): Franco Scarci, 6 anni di reclusione (12 anni); Giuseppe Scarci, 4 anni e 8 mesi (9 anni); Andrea Scarci, 3 anni e 8 mesi (8 anni e 8 mesi); Michele Attolino, 2 anni e 10 mesi (7 anni); Salvatore Viviano, 2 anni e 2 mesi (assoluzione); Pietro Motolese, 8 mesi (assoluzione); Luciano Scarci, 16 mesi (assoluzione); Giovanni Pernisco, 18 mesi (2 anni, pena sospesa). Assolti, invece, Maurizio Petracca (7 anni); Marianna Scarci, Vittoria Caforio, Cosima Scarci, Michele Scarci, Filomena Scarci e Aurora Scarci (22 mesi).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie