Martedì 18 Dicembre 2018 | 16:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il report
Qualità della vita, la Basilicata va giù: Matera e Potenza arretrano

Qualità della vita, la Basilicata va giù: Matera e Potenza arretrano

 
Per il tour estivo
Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

 
In manette un 22enne romeno
Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

 
L'inchiesta
Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

 
La storia
Casa Famiglia a Matera: da modello a contenitore abbandonato

Casa Famiglia: da modello a contenitore abbandonato

 
la fabbrica di jesce
Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

 
A Matera
Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

 
Occupazione
Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

 
l’indagine
Giovani lucani più social, più soli

Giovani lucani più social, più soli

 
estate 2019
Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

 
Turismo
Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

 

Il reportage

Matera, il sindaco De Ruggieri al New York Times: «Non vogliamo turisti»

La capitale della Cultura 2019 e la regione che la racchiude sono protagoniste di un reportage del NYT

Lenta, ricca di storia e che «non vuole turisti»: il New York Times racconta Matera e la Basilicata

«Non vogliamo turisti». Un sindaco, di solito, non parla in questi termini. Comincia così il reportage del New York Times con cui la giornalista Danielle Pergament racconta i suoi giorni in Basilicata e a Matera, che si prepara a diventare capitale della Cultura 2019. Un racconto che si può leggere a questo link, in cui narra del caffè insieme al sindaco Raffaello De Ruggieri, che le ha raccontato i momenti chiave degli 8mila anni della città (e le ha svelato, furtivamente, che nei 'sassi' ci sono persone che vivono da 50 anni, che sono rimaste anche nel periodo in cui era vietato). 

Lenta, con strade strette che costringono a 'fermarsi' anche chi ha fretta: ecco come Danielle racconta la Basilicata, che ha girato in lungo e in largo a bordo di un'auto a noleggio (che chiama Legomobile, probabilmente per la fatiscenza), mangiando i piatti tipici (strascinati, peperoni cruschi), notando la dicotomia tra mare e montagna, il paesaggio che cambia continuamente, da Pignola a Maratea, la coesistenza fra case antichissime e resort a 5 stelle.

E poi l'intervista con Salvatore Adduce, presidente della Fondazione di Matera 2019, che le dice, brutale, che non vogliono turisti, di quelli che vedono chiese e mangiano cibo tipico lasciando i rifiuti per terra. Vogliono persone a cui l'esperienza di Matera 2019 possa cambiare la vita, cambiare il mondo. E il senso di tutto è racchiuso nell'ultima frase del reportage, di un amico lucano dell'autrice: «Una parte di me vuole che il resto del mondo conosca la Basilicata. L'altra parte di me sa che è la Basilicata a non volere una connessione con il resto del mondo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GinaS

    06 Dicembre 2018 - 05:05

    La nostra vergogna è proprio l’amministrazione, i turisti sono la nostra fortuna, il nostro tesoro... noi li vogliamo... se si parla di sporcizia... beh onestamente... anche i cestini per la sua raccolta onestamente mancano... se ne trova uno ogni kilometro... da materana mi vergogno della dichiarazione fatta!!! Vergognatevi! Sapete solo aumentare le tasse del 400% per occupazione del suolo pubblico ( e diciamola tutta) per spingerci a chiudere o fallire... vogliamo parlare dei lavori che si stanno effettuando? Hanno creato disagi senza fine, ci sono più autoveicoli che parcheggi... se non abbiamo posto auto non è a causa del turista... se le strade sono sporche non è a causa del turista... loro ci aiutano ad andare avanti e mantenere la nostra candidatura... mettetevi in testa che senza di loro Matera sarebbe solo andata sotto terra!!! Pensate ad arricchirvi con le multe, riuscite a capire che se chiudete le strade, i parcheggi, noi come facciamo a godere di una passeggiata in centro

    Rispondi