Lunedì 21 Gennaio 2019 | 05:17

LETTERE AL DIRETTORE

Linea durissima per punire corrotti e corruttori

Basta. Siamo nauseati con la corruzione e l’illegalità. Ora il sistema è più complesso e più pericoloso.
Petruzzelli, Sanità, Acquedotto pugliese, Ryanair, etc., si parla di oltre 2 miliardi di euro di tasse regionali aggiuntive pagati dai pugliesi dal 2006 ad oggi. Insomma, siamo governati da un PDC “partito della corruzione”). Cioè, siamo allo “stipendio fisso”. Ebbene, non sanno più cos’è la “vergogna”. Questa gentaglia deve essere interdetti a vita. Ovvero, chi bara e ruba, è degno del massimo disonore. Senza più possibilità di riciclarsi. Allora, la domanda è: come mai nessun politico di tutti gli schieramenti da oltre 30 anni, non si è mai scagliato contro la corruzione e abbia preso forti e seri provvedimenti per debellarla? E poi: perché le leggi non sono inasprite? Bisogna serrare i controlli. Vigilare sull’operato di chi ha il potere di far girare i soldi. E chi sgarra, fuori dalle palle.

Nico Pesce (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400