Lunedì 21 Gennaio 2019 | 12:14

NEWS DALLA SEZIONE

L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 
Vandali al Vanoni
Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

 
Padre, madre e 2 figli
Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

 
Nel Leccese
Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

 
A Torre San Giovanni
Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 

Furti nelle Marche

Scarpe di marca rubate
e rivendute a Cutrofiano
arrestati cinque salentini

 Scarpe di marca rubate  e rivendute a Cutrofiano arrestati cinque salentini

FERMO - Commissionavano furti in aziende calzaturiere di noti brand nel Fermano e nel Veronese, per poi ricettarle in un famoso negozio del Sud, 'via Montenapoleonè a Cutrofiano (Lecce), sul web e nei mercati rionali, per lo più della Puglia. I carabinieri del Nucleo investigativo del Comando Provinciale di Ascoli Piceno e quelli del Comando provinciale di Lecce hanno recuperato 15 mila paia di scarpe rubate, per un valore di 500 mila euro, e arrestato su ordine dei Gip di Fermo e Lecce cinque persone, indagate per associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione di calzature di pregio. Le scarpe erano state rubate in aziende della provincia di Fermo e della provincia di Verona.

L’operazione 'Easy Shoes', condotta all’alba di oggi da una cinquantina di militari, ha portato anche a numerose perquisizioni in Salento e in alcune località in provincia di Caserta (in collaborazione i Cc di Caserta). Gli accertamenti erano scattati dopo sei furti denunciati nel 2015 da imprese dei distretti calzaturieri fermano e veronese: la Errebi spa e la Brake di Sant'Elpidio a mare, la Gi.ma Fashion Group di Montegranaro, la 'Rodolfo Zengarini srl di Montegranaro, la Elisabet di Monte Urano e la 'Mino Ronzonì srl di Cologna Veneta (Verona).

Secondo l’accusa, gli indagati facevano base a Cutrofiano (Lecce): una volta avute in consegna le calzature rubate, provvedevano a ricettarle attraverso una serie collaudata di canali commerciali 'pulitì, come esercizi commerciali e mercati rionali. Il presunto capo della banda, Fernando Russo, imprenditore calzaturiero di 55 anni, era stato notato nelle 5 aziende fermane prese di mira qualche giorno prima dei furti: ufficialmente era lì' per trattare l’acquisto di partite di scarpe.

Oltre a Russo, sono finiti in manette sua moglie, Antonella Sanzico, 50 anni, che gestiva le vendite nel negozio 'Via Montenapoleonè di Cutrofiano, la sorella di lei Elena Russo, legale rappresentante nei casi di rinvenimento e/o sequestro delle marce, Antonio Fuso, 57 anni, che ricettava le calzature presso i mercatini settimanali in Puglia. Arrestato anche Antonio Martina, 40 anni: l’uomo incassava i pagamenti da parte dei clienti del sodalizio criminale, in denaro contante o su carta prepagata a lui intestata, per poi riversare le somme alla banda. Restano da identificare alcuni complici (due le denunce), mentre le posizioni di chi provvedeva a stoccare la merce sono ancora al vaglio della magistratura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400