Giovedì 13 Maggio 2021 | 01:39

NEWS DALLA SEZIONE

il progetto
San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

 
L'omicidio
Ex carabiniere ucciso a Copertino: disposta l'autopsia, due indagati

Carabiniere ucciso a Copertino: disposta l'autopsia, indagati i genitori della sua ex

 
Serie B
Lecce, dieci giorni per ricucire il sogno della promozione in A

Lecce, dieci giorni per ricucire il sogno della promozione in A

 
Trasporti
Aeroporto Salento riapre dopo lavori per cono atterraggio

Aeroporto Salento riapre dopo lavori per cono atterraggio

 
A Gallipoli
Ancora sangue sulle strade del Salento, 24enne muore dopo incidente su motorino

Ancora sangue sulle strade del Salento, 24enne muore in ospedale dopo incidente con il motorino

 
Il video
Ospite inatteso a San Foca: alla cena tra padre e figlio si autoinvita una volpe

Ospite inatteso a San Foca: alla cena tra padre e figlio si autoinvita una volpe

 
L'idea
Salento, anche la Sirenetta si è innamorata della pizzica

Salento, anche la Sirenetta si è innamorata della pizzica

 
Ciak, si gira
Nardò, il centro storico diventa il set di «Cops 2»

Nardò, il centro storico diventa il set di «Cops 2»: ieri le riprese anche a Neviano

 
la battaglia
Surbo, il Comune dichiara guerra alla Tampon tax

Surbo, il Comune dichiara guerra alla Tampon tax

 
Covid
Parabita, basilica chiusa per un focolaio

Parabita, basilica chiusa per un focolaio Coronavirus

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAmbiente
Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

Ex Ilva, esposto in Procura sugli attuali livelli di inquinamento

 
BatL'appuntamento
«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

«The master class», in onda alle 20 su Amica 9 Tv il format in collaborazione con la Gazzetta del mezzogiorno

 
FoggiaIl caso
Arresti al Comune di Foggia: consigliere indagato ancora ricoverato

Arresti al Comune di Foggia: consigliere indagato ancora ricoverato

 
BariL'iniziativa
Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

Grumo, arriva «Sulle ali della libertà», premio in memoria di Alessandro Fariello

 
BrindisiL'inchiesta
Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

Corruzione, gip concede domiciliari a giudice arrestato

 
Lecceil progetto
San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

San Foca, il mare accessibile ai pazienti fragili

 
PotenzaCovid
Basilicata, continua a calare il numero di positivi

Basilicata, continua a calare il numero di positivi - LE FOTO

 
PotenzaLa condanna
Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

Don Uva, Universo Salute dovrà rispondere anche della vecchia gestione

 

i più letti

Il caso

«Ho sequestrato mio figlio per non morire di botte», dal Salento storia di una 44enne prigioniera di un violento

La donna è stata presa in carico dal centro Renata Fonte dopo una sequela di episodi traumatici

Bari, abusa di una prostituta dopo averla segregata in un garage: arrestato 41enne

«Oggi sono una ragazza che si depila, che ha preso peso, tinge i capelli». Sorride, 44 anni, un fiume in piena senza mai toni cupi nell’eloquio. Per lei venerdì, potrebbe cambiare radicalmente tutto. Per l’ennesima volta.
Sarà processata per sequestro e sottrazione di minore, sono stati chiesti due anni e mezzo ed è pronta a scontare anche quella pena, pur di essere libera. Non è un ossimoro, badate bene. Ma la sintesi di dieci lunghi anni di violenze su di lei e sul figlio. Un peso troppo grande per lei, al punto da fare fagotto, prendere il bambino e scappare. «Non ti dirò mai dove mi sono nascosta quei sette mesi».

Ce ne sarebbe di materiale per una pellicola a fiato corto. Nessuna fantasia però, tutto vero dall’inizio alla fine. Proveremo a fare ordine nella storia di Melania (nome di fantasia, ndr.) e del suo bambino «che oggi ha 14 anni ed è alto un metro e 76». Una storia iniziata in Sicilia, approdata a Roma e finita a Lecce. L’inizio è simile a tanti. «Gli episodi che s’innescano quando una donna decide di stare con un uomo violento - premette - non vengono percepiti come tali perché ha già vissuto prima in contesti di violenze inconsapevoli. Sono una figlia non voluta, mia madre mi tenne solo per far contento nonno. Da quando sono nata ho passato anni a casa dei nonni poi, quando mia madre ha scoperto che chiamavo mamma la nonna, mi ha portato con sé ma abbiamo sempre avuto un rapporto difficile».

Passo numero due, l’incontro di Melania col marito. «Lo conobbi su internet, poi venne a trovarmi al lavoro, in tre mesi ci sposammo. Era il principe azzurro, poi i primi segnali». Quell’uomo le chiese di lasciare il lavoro: «se non fai come ti dico io faccio annullare il matrimonio».
Da lì in poi, la realtà. Appena la ragazza rimase incinta: «Se è femmina devi abortire, se non è sano devi abortire, deve essere maschio e sano. Altrimenti ammazzo te e la bambina».

Poi i pestaggi. «Non riuscivo ad abbassarmi col pancione, appoggiai un piede sulla poltrona per allacciarmi la scarpa e mi tirò uno schiaffo perché avevo mancato di rispetto ai suoi soldi, quelli con cui aveva comprato la poltrona». Un climax: offese-minacce-botte-violenza sessuale. «Mi portava altri uomini e donne in casa, anche quando ero incinta. Bendava tutti, me compresa. Lui faceva sesso in un’altra stanza e io dovevo stare con quegli sconosciuti o avrebbe ucciso me e il bambino».
Si ferma, non riesce a parlare Melania. «Ancora oggi, ovunque mi trovi, sento degli odori e ricordo quelle cose, quei corpi addosso e le botte che prendevo da una parte e dall’altra quando accennavo una ribellione». Sempre più sola e lontana dai genitori. «Sai una cosa? - sottolinea con fermezza - Ci siamo trasferiti in una villetta, all’ottavo mese di gravidanza ero magra e piena di lividi. I vicini era come se non esistessero eppure non credo che non abbiano mai sentito nulla».

In una foto Melania è con il figlio di due settimane: «avevo una mano gonfia e l’occhio pesto. Mi scattò lui quella foto e me la girò sul cellulare perché me ne ricordassi».
Unico periodo di tranquillità quando l’ex chiese soldi ai suoceri, la prima volta 15mila euro fino a 50mila spariti in breve nel nulla. E di nuovo botte. «Mi feci coraggio e chiesi la separazione, chiudevo mio figlio in una stanza con la musica a palla per non fargli sentire le violenze. Il mio ex arrivò a m minacciarmi con una pistola. Mio padre mi mandò da un avvocato che mi invitava a non sporgere querela perché c’era possibilità che mi togliessero il figlio. Ero terrorizzata».
Dolore fisico e ricatti morali. «Il giudice della separazione decise che dovessimo avere affidamento condiviso, intanto mio figlio aveva problemi, faceva disegni col nero e non mangiava. Al neuropsichiatra raccontò che quando era dal padre papà ballava nudo sul letto con un amico e lui veniva picchiato». Da lì l’ennesimo dramma. «Abbiamo conosciuto 22 tra psicologi, neuropsichiatri, servizi sociali, ho sporto denuncia per abuso sessuale sul bambino. Mio figlio è stato sottoposto ad uno strazio, il processo ancora peggio: archiviazione perché il bimbo non poteva essere ascoltato in quelle condizioni».

Melania rischiò di perdere il figlio. «Nel 2016 mi fu tolta la responsabilità genitoriale, avrei visto mio figlio solo col consenso del padre. Eppure dalla perizia io risultavo normale e lui narcisista patologico, ossessivo compulsivo e paranoide. A quel punto ho rapito mio figlio e sono fuggita. Mi sono consegnata solo quando quella sentenza assurda è stata annullata».
Il bimbo finì in casa famiglia, poi lo sciopero della fame e della sete di Melania, l’ha portata a conoscere una rete di protezione forte e solida, Reama di Pangea Onlus. «Mi sono ritrovata a Roma con questa gente straordinaria, e proprio lì una donna sconosciuta mi ha stretto la mano è mi ha detto: insieme ce la faremo. Era Maria Luisa del Renata Fonte di Lecce. Lei, loro, mi hanno salvato».
Oggi Melania ha i capelli lunghi, è una oss, dipinge, studia psicologia e ha trovato l’amore. Solo di un particolare non parla…del figlio che non ha mai dato alla luce a causa delle botte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie