Domenica 16 Maggio 2021 | 01:26

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Veglie, beccato con oltre 2kg di marijuana in auto : «L'ho trovata in un casolare»

Veglie, beccato con oltre 2kg di marijuana in auto : «L'ho trovata in un casolare»

 
Le esequie
Ex carabiniere ucciso a Copertino: sulla bara fiori e cappello Arma

Ex carabiniere ucciso a Copertino: sulla bara fiori e cappello Arma

 
Il caso
Lecce, oggi tra incertezze parte l’estate 2021

Lecce, oggi tra incertezze parte l’estate 2021

 
L'emergenza
Lecce, il Covid molla la presa

Lecce, il Covid molla la presa

 
L'iniziativa
Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

 
Turismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
Emergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
Ambiente
Melpignano, sequestrata una cava abusiva

Melpignano, sequestrata una cava abusiva

 
Ambiente
Depuratore di Porto Cesareo, per ora nessuno scarico in battigia

Depuratore di Porto Cesareo, per ora nessuno scarico in battigia

 
La convocazione
Pallavolo, convocato nell'under 21 il salentino Davide Russo

Pallavolo, convocato nell'under 21 il salentino Davide Russo

 
L'inchiesta
Tricase, muore dopo l'intervento: due medici a processo

Tricase, muore dopo l'intervento: due medici a processo

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, in dubbio Celiento e Cianci per il derby con il Foggia

Bari calcio, in dubbio Celiento e Cianci per il derby con il Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Veglie, beccato con oltre 2kg di marijuana in auto : «L'ho trovata in un casolare»

Veglie, beccato con oltre 2kg di marijuana in auto : «L'ho trovata in un casolare»

 
BariLotta al virus
È corsa ai vaccini in Puglia: in tilt sistemi online di prenotazione a Bari e Taranto

È corsa ai vaccini in Puglia: in tilt sistemi online di prenotazione a Bari e Taranto. Fimmg denuncia: «Fragili in attesa per disorganizzazione»

 
BatIl percorso
Domani al via la Mezza maratona di Barletta

Domani al via la Mezza maratona di Barletta

 
BrindisiL'operazione
Fasano, nell’aia nascondeva 13 chili di marijuana sottovuoto

Fasano, nell’aia nascondeva 13 chili di marijuana sottovuoto

 
MateraI dati
Covid 19, a Matera ci sono i primi segnali di ripresa per il turismo

Covid 19, a Matera ci sono i primi segnali di ripresa per il turismo

 

i più letti

La richiesta dei genitori

Racale, caso Mauro Romano: «Il presunto rapitore ci paghi 2,5 milioni di euro»

Racale, «Mauro fu rapito e venduto, ora è sceicco negli Emirati»

Una richiesta di risarcimento per due milioni e mezzo di euro nei confronti del presunto sequestratore del piccolo Mauro Romano, scomparso il 21 giugno del 1977 all’età di sei anni. L’atto di diffida e messa in mora sarà notificato a breve a Vittorio Romanelli, 79enne di Racale che alcuni mesi fa è stato destinatario di un avviso di conclusione delle indagini preliminari. Secondo l’accusa, in cambio di una somma di denaro avrebbe ceduto Mauro, che lo chiamava confidenzialmente zio, a terze persone. A chiedere il risarcimento sono i genitori del bambino, Bianca Colaianni e Natale Romano, insieme con i tre figli Antonio, Luca e Simona. «In Italia esiste il principio del doppio binario - spiegano gli avvocati Letizia Giacobelli e Gennaro Gadaleta, staff legale dell’associazione «Gens Nova» - in forza del quale l’azione civile può scaturire da un giudicato penale, ma può essere intrapresa anche autonomamente rispetto all’azione penale». La richiesta economica si basa sulla determinazione del danno morale ed esistenziale conseguente alla scomparsa di Mauro.

Ad ogni modo, la Procura non è ancora arrivata ad ulteriori determinazioni, dopo il deposito della memoria difensiva in cui la difesa dell’indagato (rappresentata dagli avvocati Antonio Corvaglia e Giuseppe Gatti) respinge con forza ogni coinvolgimento nella vicenda. Mamma Bianca, intanto continua sperare che il figlio sia vivo. Sempre più convinta che oggi sia un facoltoso sceicco residente negli Emirati Arabi. «Non ho mai detto che con certezza si tratta di mio figlio - dichiara la donna - ho detto che mi hanno colpito molto alcuni particolari fisici che mi hanno fatto pensare a Mauro. Mi dispiace che il diretto interessato non voglia sottoporsi al test del Dna. Mi accontenterei anche di un collegamento Skype, solo per conoscerlo anche a distanza. Se non è lui sono pronta a chiedere scusa per il disturbo arrecato, ma mi farebbe piacere incontrarlo». La famiglia dello sceicco ha incaricato un legale di occuparsi della questione, ribadendo di non voler procedere con alcun tipo di esame genetico. Sono state prodotte anche alcune fotografie, tese a dimostrare come il soggetto in questione sia il loro figlio naturale senza alcun dubbio. «Rispetto quanto affermato dalla famiglia dell’emiro - dichiara l’avvocato Antonio La Scala, legale dei Romano - senza una prova certa come quella del Dna non possiamo affermare che si tratta di Mauro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie