Domenica 11 Aprile 2021 | 00:47

NEWS DALLA SEZIONE

Incidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
Il caso
Lecce, 85enne muore dopo vaccino Moderna: accertamenti dell'Asl

Lecce, 85enne muore dopo vaccino Moderna: accertamenti dell'Asl

 
Dalla polizia
Lecce, oltre un chilo di droga in vecchia falegnameria: arrestati in due

Lecce, oltre un chilo di droga in vecchia falegnameria: arrestati in due

 
Guardia Costiera
Da Bari al Salento per pescare ricci in zona protetta: denunciato sub

Da Bari al Salento per pescare ricci in zona protetta: denunciato sub

 
L'allarme
Lecce, interdittiva antimafia per la Fersalento

Lecce, scatta interdittiva antimafia per la Fersalento

 
Il virus
Covid, 6 anziani positivi in una Rsa del Salento: 4 erano già vaccinati

Covid, 6 anziani positivi in una Rsa del Salento: 4 erano già vaccinati

 
Lotta al virus
Covid a Lecce, le vaccinazioni si fanno al Museo Castromediano: tra musica e arte

Covid a Lecce, le vaccinazioni si fanno al Museo Castromediano: tra musica e arte

 
La decisione
Lizzanello, uccise 21enne per vendetta: confermata la condanna a 30 anni

Lizzanello, uccise 21enne per vendetta: confermata la condanna a 30 anni

 
Lo sportello nel Salento
Nasce  la più grande rete antiusura e antiracket del Sud

Nasce  la più grande rete antiusura
e antiracket del Sud

 
Il caso
Nardò, ombre sulle amministrative 2016: ascoltati in Procura i denuncianti

Nardò, ombre sulle amministrative 2016: ascoltati in Procura i denuncianti

 

Il Biancorosso

Serie C
Avellino - Bari: segui con noi il match in diretta

Avellino-Bari: 1-0 per i campani. I galletti restano a bocca asciutta: rivedi con noi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
Covid news h 24Lotta al virus
Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero: «State a casa»

Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero ai concittadini: «State a casa»

 
BrindisiLo scatto
In Salento c'è un ulivo secolare che scappa: sembra Barbalbero

In Salento c'è un ulivo secolare che «scappa»: sembra Barbalbero

 
TarantoIl caso
Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
PotenzaIl virus
Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

Lotta al virus

Emergenza reparti anche a Lecce: «Scorrano doveva essere Covid»

Emiliano: colpa dei ritardi della Asl. I dati del Ministero: indice Rt sceso a 1.09

Emergenza reparti anche a Lecce: «Scorrano doveva essere Covid»

L’emergenza ospedali riguarda ormai l’intera Puglia, ma si è spostata - a sorpresa - al Salento. Oggi il ministero della Salute annuncerà i nuovi dati della cabina di regia, che portano (almeno) una novità positiva con l’indice Rt in calo da 1,24 a 1,09. È un segnale prospettico di raffreddamento dell’epidemia, che però non ha ancora avuto effetto sui ricoveri, tornati a salire ieri (2.115, +15) dopo la battuta di arresto di mercoledì.
Il presidente Michele Emiliano ha fatto il punto mercoledì sera con l’intera rete ospedaliera e con i direttori generali delle Asl. C’è un problema di disponibilità di posti a Lecce, dove i vertici della Regione hanno fortemente criticato quelli della Asl. Il problema riguarda il ritardo nell’attivazione dei posti covid previsti ormai da novembre: ne mancano all’appello circa 60 a Galatina (dove ne sono stati attivati solo 32 su 95), e non risulta mai conferito alla rete covid il presidio di Scorrano. Per questo ieri il Dipartimento salute ha scritto al direttore generale, Rodolfo Rollo, con l’ordine di provvedere a quanto già previsto così da evitare le situazioni di grave emergenza registrate al «Fazzi» per tutta la settimana: l’ospedale del capoluogo si è infatti ritrovato a dover reggere un carico eccessivo di accessi (è costretto a tenere anche 30-40 pazienti in Osservazione breve, a volte in corridoio, in attesa di poter disporre il ricovero) situazione segnalata ieri anche dai sindacati.

Per fare fronte a questa contingenza e lasciare i letti disponibili per l’emergenza pandemica, la Regione ha disposto che tutti i casi urgenti non covid debbano essere trasferiti - quando possibile - nelle cliniche private. Chi si presenta in Pronto soccorso verrà stabilizzato e, se possibile, ricoverato in una struttura convenzionata. A Bari (dove si concentra un terzo dei ricoveri totali della Puglia) gli ospedali sono ugualmente in sofferenza, ma per il momento reggono la quota di attività ordinaria (da tre settimane la Regione ha sospeso i ricoveri in elezione) anche se il boom del covid viene sostenuto in buona parte grazie ai privati: Villa Lucia di Conversano (salita a 60 letti), Mater Dei di Bari (verso quota 50) e Miulli di Acquaviva (120 letti che dovrebbero aumentare ulteriormente). Anche a Lecce potrebbero entrare nella rete altre due strutture private con una sessantina di nuovi letti.
Gli ospedali dovranno reggere il boom di ricoveri per almeno due-tre settimane. La corsa dei contagi - secondo la Regione - andrà avanti almeno fino alla seconda-terza settimana di aprile, quindi il raffreddamento dei casi gravi potrà arrivare soltanto dopo. L’altra sera nella riunione in videoconferenza Emiliano ha chiesto alle Asl di utilizzare di più - e meglio - anche le Usca, le Unità speciali per la continuità assistenziali che dovrebbero monitorare l’andamento del covid per i casi meno gravi: «I medici delle Usca - ha detto Emiliano - devono andare a fare i controlli a casa delle persone e non devono stare in ufficio, altrimenti chi ha bisogno continuerà ad andare in ospedale e gli ospedali non ce la faranno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie