Venerdì 23 Aprile 2021 | 10:58

NEWS DALLA SEZIONE

trasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
Covid
Appello dal Salento: «No al coprifuoco dalle 22»

Appello dal Salento: «No al coprifuoco dalle 22»

 
Tv
San Cesario di Lecce, primo ciak con Sergio Rubini per una nuova fiction

San Cesario di Lecce, primo ciak con Sergio Rubini per una nuova fiction

 
indagini dei cc
Lecce, ladro seriale in attività commerciali arrestato a Putignano

Lecce, ladro seriale di attività commerciali arrestato a Putignano

 
Il caso
Maglie, ragazzo vittima dei bullichiuse le indagini

Maglie, ragazzo vittima
dei bulli: chiuse le indagini

 
il provvedimento
Maglie, branco perseguita e aggredisce 15enne: indagati 7 studenti

Maglie, branco perseguita e aggredisce 15enne: indagati 7 studenti

 
Mobilità
Alta velocità fino a Lecce, lettera ai parlamentari salentini

Alta velocità fino a Lecce, lettera ai parlamentari salentini

 
Il felino
Nuovi avvistamenti della pantera nelle campagne tra Galatone e Seclì in Salento

Nuovi avvistamenti della pantera nelle campagne tra Galatone e Seclì in Salento

 
Alessano
Don Tonino Bello presto venerabile: le sue spoglie donate alla Chiesa

Don Tonino Bello presto venerabile: le sue spoglie donate alla Chiesa

 
La tragedia
Montesano Salentino, Donato e Antonio, due fratelli uccisi dal Covid

Montesano Salentino, Donato e Antonio, due fratelli uccisi dal Covid

 
Nel Salento
Avvistata di nuovo la pantera nera? Segnalazione a Galatone

Avvistata di nuovo la pantera nera? Segnalazione a Galatone

 

Il Biancorosso

Serie C
Turris e Bari a confronto

Turris e Bari a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzail provvedimento
Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

Potenza, condannati dopo indagini della Dda su omicidio Cassotta: tre arresti

 
BrindisiIl caso
S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

S.Pancrazio Salentino, 70enne entra sana al «Fazzi» di Lecce ma muore dopo 15 giorni

 
Leccetrasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
MateraLavori pubblici
Matera, cambia volto il teatro Quaroni

Matera, cambia volto il teatro Quaroni

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

 
GdM MultimediaCultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
FoggiaTragedia sfiorata
Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

 

i più letti

La commemorazione

Renata Fonte, fiori sulla sua tomba di Nardò

Uccisa dalla mafia 37 anni fa. Il ricordo di Emiliano

Renata Fonte, fiori sulla sua tomba di Nardò

Nardò - Un fascio di fiori sulla tomba che accoglie le sue ceneri da quando, il 31 marzo 1984, venne uccisa per mano della mafia: così l’amministrazione comunale di Nardò ha commemorato questa mattina il 37esimo anniversario della morte di Renata Fonte, l'assessora all’ambiente neretina del Pri assassinata 37 anni fa per essersi opposta alla lottizzazione abusiva della costa di Porto Selvaggio, ora Parco naturale grazie al suo impegno civile e politico. Renata Fonte aveva 33 anni quando fu uccisa a Nardò da due sicari con tre colpi di pistola mentre ritornava a casa dopo una seduta del consiglio comunale.
Alla cerimonia erano presenti anche il sindaco di Galatone, Flavio Filoni, e numerose autorità. Una ricorrenza che segue quella del 10 marzo scorso, giorno in cui Renata Fonte avrebbe compiuto 70 anni. «Il patrimonio di valori che Renata ci ha lasciato in eredità - ha detto il sindaco di Nardo Pippi Mellone - è vivo in ognuno di noi e nel nostro agire quotidiano. Nardò dovrà essere sempre grata a Renata».

IL RICORDO DI EMILIANO - «Avere memoria della storia di Renata Fonte vuol dire ricordare l’impegno coraggioso di una donna, di una madre, un’insegnante, una rappresentante delle istituzioni, che con passione e dedizione ha affrontato, spesso in solitudine, importanti battaglie civili e sociali in favore della sua terra, contro le lottizzazioni cementizie e la speculazione edilizia di un angolo meraviglioso del Salento. Fu una donna impegnata in politica assai determinata che intuì la diffusione crescente e pervasiva della criminalità nella vita sociale, economica e politica della propria comunità. Guardare alla sua vita ed ispirarsi all’esempio di Renata Fonte è un esercizio doveroso e utile. A questo servono gli anniversari. A ricordarci che cosa significa essere cittadini consapevoli e servitori dello Stato. Oggi ricordiamo anche il sacrificio di un funzionario di vertice dell’Amministrazione finanziaria dello Stato, Francesco Marcone, assassinato a Foggia mentre rientrava a casa. Un uomo che, proprio come Renata Fonte, ha esercitato il ruolo che gli derivava dalla sua funzione lavorativa con grande senso di responsabilità e spirito di servizio. Renata e Francesco, due pugliesi che vissero la legalità come scelta di vita quotidiana». Lo dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano nell’anniversario della morte di Renata Fonte e Francesco Marcone, vittime innocenti della mafia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie