Domenica 29 Novembre 2020 | 15:01

NEWS DALLA SEZIONE

il giallo
Racale, bimbo scomparso 43 anni fa: «Un uomo coi baffi portò via Mauro»

Racale, bimbo scomparso 43 anni fa: «Un uomo coi baffi portò via Mauro»

 
L'intervista
Loredana Capone: «Io, prima donna presidente partendo da umili origini»

Loredana Capone: «Io, prima donna presidente partendo da umili origini»

 
La decisione
Tar Lecce, concessioni demaniali ai lidi fino al 2033

Tar Lecce, concessioni demaniali ai lidi fino al 2033

 
Nel Salento
Presicce, 38enne investito per strada da un conoscente: tra i due c'erano dissapori

Presicce, 38enne investito per strada da un conoscente: tra i due c'erano dissapori

 
a Lecce
Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

 
Il caso
Lecce, smaltimento rifiuti e violazioni ambientali, tre interventi e quattro denunce

Lecce, smaltimento rifiuti e violazioni ambientali, tre interventi e quattro denunce

 
Su Facebook
Salento, rapita l'asina Grisonda. L'appello: «Riportatela a casa. Vi daremo una ricompensa»

Salento, rapita l'asina Grisonda. L'appello: «Riportatela a casa. Vi daremo una ricompensa»

 
Il caso
«Mauro è ancora vivo», i genitori: ecco le prove

«Mauro è ancora vivo», i genitori: ecco le prove

 
Nel Salento
Squinzano, prende fuoco la coperta termica: 92enne muore carbonizzato

Squinzano, prende fuoco la coperta termica: 92enne muore carbonizzato

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri sfida un passato importante: «Catanzaro forte, ma Bari non ha paura»

Auteri sfida un passato importante: «Catanzaro forte, ma Bari non ha paura»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'appello di una 30enne
Covid, Giulia dall'ospedale di Taranto: «Aiutatemi, ho bisogno del plasma»

Covid, Giulia dall'ospedale di Taranto: «Aiutatemi, ho bisogno del plasma»

 
Bariemergenza Covid
Mola di Bari, pronta postazione «drive in» per eseguire tamponi rapidi postazione

Mola di Bari, pronta postazione «drive in» per eseguire tamponi rapidi

 
Lecceil giallo
Racale, bimbo scomparso 43 anni fa: «Un uomo coi baffi portò via Mauro»

Racale, bimbo scomparso 43 anni fa: «Un uomo coi baffi portò via Mauro»

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Bovino, agricoltore 71enne muore schiacciato dal muletto

Bovino, agricoltore 71enne muore schiacciato dal muletto

 
Brindisinel Brindisino
S.Pancrazio, parroco antidroga accerchiato e insultato: «Denuncio chi bestemmia»

S.Pancrazio, parroco antidroga accerchiato e insultato: «Denuncio chi bestemmia»

 
BatEffetto-pandemia
Trani, le nozze civili sono in streaming per gli invitati virtuali

Trani, le nozze civili sono in streaming per gli invitati virtuali

 
MateraNel Materano
Bernalda, la protesta di un disabile: «In casa avevo operai in attesa dell'esito del tampone»

Bernalda, la protesta di un disabile: «In casa avevo operai in attesa dell'esito del tampone»

 

i più letti

Economia

Salento, aziende numeri sempre in crescita: bene costruzioni e agricoltura

Nell’ultimo anno nel leccese si è registrato un +514. La provincia è al 14esimo posto nella classifica della natimortalità

Salento, aziende numeri sempre in crescita: bene costruzioni e agricoltura

LECCE - Aumentano le aziende nelle province di Lecce, Brindisi e Taranto. Un incremento registrato sia su base congiunturale, ovvero rispetto al mese precedente, sia su base tendenziale, ovvero rispetto allo stesso periodo dell’anno prima.

Gli ingranaggi dell’economia italiana procedono, oramai, a velocità molto diverse. Mentre l’emergenza sanitaria innescata dal Covid-19 ha determinato, in alcune aree del Paese, una progressiva contrazione del numero delle imprese, in altre - come nelle tre province salentine - le aperture di nuove aziende continuano a superare le chiusure. Si registrano, infatti, più iscrizioni, che cancellazioni al Registro Imprese e il saldo della nati-mortalità delle attività economiche resta positivo.
Lo studio condotto da Davide Stasi, responsabile dell’Osservatorio Economico Aforisma (school of management, associata Asfor), prende in esame tutte le imprese attive, cioè quelle iscritte in Camera di Commercio, che esercitano l’attività e non risultano avere procedure concorsuali in atto. Si tratta, dunque, di un sottoinsieme dello stock delle imprese registrate.

Nella speciale classifica sull’andamento della natimortalità delle attività economiche, al 13esimo posto, si piazza la provincia di Taranto (con una crescita dello 0,92 per cento), al 14esimo quella di Lecce (+0,80), al 19esimo quella di Brindisi (+0,61), al 20esimo quella di Bari (+0,56), al 40esimo, ma in territorio negativo, quella di Foggia (-0,04).
In particolare, nell’ultimo anno, Taranto registra un saldo positivo di 386 aziende (da 41.953 a 42.339); Lecce +518 (da 64.418 a 64.936); Brindisi +194 (da 31.747 a 31.941).

I settori favoriti da questo nuovo corso dell’economia salentina sono: costruzioni; agricoltura; attività professionali, scientifiche e tecniche, mentre risulta fortemente penalizzato il commercio sia all’ingrosso che al dettaglio, nonché le attività manifatturiere.

«Dobbiamo tenere conto – spiega Stasi – dell’effetto sortito dai vari bonus, assieme ai contributi, ai ristori, ai finanziamenti a fondo perduto che hanno tamponato la temuta emorragia di imprese. Chiudere definitivamente una partita Iva – sottolinea – avrebbe significato perdere il diritto alle diverse forme di sussidio, rivolte in favore di ditte individuali, lavoratori autonomi, liberi professionisti, società di persone e di capitali, cooperative e consorzi. Se il coronavirus non ha ridotto il numero delle imprese, non si può dire lo stesso per i ricavi complessivi, ad eccezione di alcuni settori, come la sanità, l’e-commerce e le costruzioni».

L’andamento in Italia è in parte simile. Crescono i comparti delle costruzioni (6.621 imprese in più); delle attività professionali, scientifiche e tecniche (+5.563); del noleggio e dei servizi di supporto alle imprese (+4.729); delle attività immobiliari (+3.879). In flessione, invece, il commercio (13.268 imprese in meno); l’agricoltura (-6.624); le attività manifatturiere (-5.575).

In base alla classifica, al primo posto figura Napoli (+2,03 per cento), seguita da Catania (+1,97) e da Caserta (+1,40). Le ultime tre province sono Sondrio (-1,53), Rovigo (-1,54), Mantova (-2,03).
Questo il trend delle regioni: Campania (+1,30 per cento), Sicilia (+1,21), Lazio (+0,94), Puglia (+0,54), Sardegna (+0,46), Calabria (+0,40), Trentino-Alto Adige (+0,21), Abruzzo (+0,05), Basilicata (+0,03), mentre è negativa in Umbria (-0,05), Toscana (-0,32), Piemonte (-0,46), Liguria (-0,49), Lombardia (-0,56), Veneto (-0,58), Emilia Romagna (-0,64), Friuli Venezia Giulia (-0,81), Marche (-0,94), Valle D’Aosta (-1,08), Molise (-1,10).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie