Giovedì 04 Marzo 2021 | 10:45

NEWS DALLA SEZIONE

Online il 5 marzo
Altrisguardi e Altrimondi, la rassegna di musica, cinema e arti visive unisce gli studenti da Lecce alla Calabria

Altrisguardi e Altrimondi, la rassegna di musica, cinema e arti visive unisce gli studenti da Lecce alla Calabria

 
L'emergenza
Lecce, focolaio Covid in Oncologia al «Fazzu»: 12 contagiati, si teme variante inglese

Lecce, focolaio Covid in Oncologia al «Fazzi»: 12 contagiati, si teme variante inglese

 
Un 28enne
Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

 
Il caso
Tricase, i Nas all'ospedale: bar chiuso dopo i controlli

Tricase, i Nas all'ospedale: bar chiuso dopo i controlli

 
La curiosità
Nardò, dopo mezzo secolo, ecco l'abbraccio delle sorelle date in adozione

Nardò, dopo mezzo secolo, ecco l'abbraccio delle sorelle date in adozione

 
Il caso
Lecce, Tribunale approva il concordato: si riaccende il futuro della Lupiae

Lecce, Tribunale approva il concordato: si riaccende il futuro della Lupiae

 
La decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
L'incidente
Anziana travolta e uccisa da uno scooter a Lecce

Anziana travolta e uccisa da uno scooter a Lecce

 
Nel Salento
Barca confiscata a mafia venduta a presidente Lega Navale Frigole: scatta inchiesta

Barca confiscata a mafia venduta a presidente Lega Navale Frigole: scatta inchiesta

 
L'emergenza
Lecce, paziente positivo al Covid: chiude Neurologia al Vito Fazzi

Lecce, paziente positivo al Covid: chiude Neurologia al Vito Fazzi

 

Il Biancorosso

La trasferta
Bari batte Juve Stabia 2-0. Carrera: ora più in alto

Bari batte Juve Stabia 2-0. Carrera: ora più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel Barese
Altamura, ottengono illecitamente contributi agricoltura per 218mila euro: 3 denunce

Altamura, ottengono illecitamente contributi agricoltura per 218mila euro: 3 denunce

 
MateraLotta al virus
Matera, dall'8 marzo via alla campagna vaccinale nel carcere

Matera, dall'8 marzo via alla campagna vaccinale nel carcere

 
LecceOnline il 5 marzo
Altrisguardi e Altrimondi, la rassegna di musica, cinema e arti visive unisce gli studenti da Lecce alla Calabria

Altrisguardi e Altrimondi, la rassegna di musica, cinema e arti visive unisce gli studenti da Lecce alla Calabria

 
BrindisiLa scoperta
Brindisi, sequestrate al porto quasi 2mila paia di Doc.Martens contraffatte: una denuncia

Brindisi, sequestrate al porto quasi 2mila paia di Doc.Martens contraffatte: una denuncia

 
BatII fatti un mese fa
Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

 
PotenzaIl caso
Vagoni storici abbandonati sui binari a Potenza: via alla rimozione

Vagoni storici abbandonati sui binari a Potenza: via alla rimozione della motrice Fal

 
Foggianel foggiano
Manfredonia, minacciano tabaccaia con taglierino e fuggono con l'incasso: presi minorenni

Manfredonia, minacciano tabaccaia con taglierino e fuggono con l'incasso: presi minorenni

 
TarantoLotta al virus
Taranto, vaccini al Palaricciardi: in un giorno 920 dosi

Taranto, vaccini al Palaricciardi: in un giorno 920 dosi

 

i più letti

ambiente

Una speranza verde nel futuro del Salento: piantumati noci, cotogni, fichi, melograni vicino agli ulivi disseccati

«Manu Manu Riforesta» punta a ricreare la biodiversità

Una speranza verde nel futuro del Salento: piantumati noci, cotogni, fichi, melograni vicino agli ulivi  disseccati

«Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà». Ne era convinto san Bernardo di Chiaravalle. Peccato che nel Salento non ci siano boschi. Non più, almeno. Ma c’è stato un tempo in cui il cuore del Salento era ricoperto da una «foresta», uno splendido e lussureggiante bosco del quale oggi non restano che pochissime tracce. Ed è proprio da quelle tracce che gli ideatori di «Manu Manu Riforesta», membri dell’omonima associazione presieduta dall’artista visiva Ingrid Simon, intendono ripartire per dar vita a un ambizioso progetto che non è solo paesaggistico, ambientale e naturalistico, ma anche economico.

Il bosco di Belvedere si estendeva per ben 7mila ettari tra Cutrofiano e Specchia. Fu di proprietà dei principi Gallone, sino a quando, dopo l’unità d’Italia, venne ripartito tra quindici comuni e trasformato in uliveto. Le querce, i frassini, gli olmi, i lecci, la macchia mediterranea e le paludi che conferivano al bosco un aspetto e un fascino unici lasciarono il posto alla coltivazione intensiva di ulivi, finalizzata alla produzione di olio lampante destinato, a sua volta, a illuminare le maggiori capitali europee.

Quel paesaggio si è imposto nell’immaginario collettivo, facendo del Salento la terra degli ulivi. Perlomeno sino a quando la strage di queste straordinarie piante non ha cambiato il volto della penisola salentina, un tempo ricoperta da rigogliose chiome verdeggianti e oggi abitata da scheletri di legno.

Fortunatamente, l’area un tempo occupata dal bosco è rimasta una zona non intaccata dall’urbanizzazione.

«Lo scorso 2 febbraio - spiega Vito Lisi, vicepresidente dell’associazione - abbiamo piantato, in un terreno messo a disposizione dall’azienda agricola Merico, una sessantina di piante, tra cotogni, carrubi, melograni, fichi, noci, essenze che potrebbero presto colmare il vuoto venutosi a creare con l’essiccamento degli ulivi. Siamo tornati a piantare nuovamente domenica scorsa. Gli ulivi secolari, ancorché gravemente ammalati, sono indispensabili. Per questo non vogliamo espiantarli. Purtroppo i patogeni presenti hanno avuto il sopravvento, trovandoli estremamente debilitati a causa di pratiche agricole non lungimiranti e incuranti della natura, ma non è detto che non possano riprendersi».

L’iniziativa di domenica è stata un successo. Nonostante l’evento non sia stato pubblicizzato, vi hanno preso parte appassionati giunti da tutta la Puglia. Molti hanno portato con sé alcune piante da mettere a dimora.
«Quello degli ulivi - aggiunge Ada Martella, di Manu Manu Riforesta - è un problema complesso, ma la nostra non è una risposta al problema degli ulivi, bensì al problema dell’ossigeno. Se sono venuti a mancare 11 milioni di ulivi, vuol dire che non abbiamo più l’ossigeno della chioma di 11 milioni di alberi. Questo testimonia una necessità corale. Abbiamo risvegliato delle potenzialità e rese coscienti delle necessità ancestrali, legate al senso di sopravvivenza, perché questa è una questione di sopravvivenza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie