Martedì 03 Agosto 2021 | 06:20

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
editoria
Gazzetta, Salvemini: «Preoccupato per il destino di tanti professionisti»

Gazzetta, Salvemini: «Preoccupato per il destino di tanti professionisti»

 
l'episodio
Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

 
Tragedia sfiorata
Nardò, cade su scogliera di Tore Uluzzo e precipita per tre metri

Nardò, cade su scogliera di Torre Uluzzo e precipita per tre metri

 
Il caso
Lecce, ristoratore invita i no vax a non entrare: insulti sul web e denigrazioni

Lecce, ristoratore invita i no vax a non entrare: insulti sul web e denigrazioni

 
Operazione dei carabinieri
Lecce, la droga conservata nei barattoli di vetro

Lecce, la droga conservata nei barattoli di vetro

 
il caso
Lecce, mura del borgo antico imbrattate con disegno di spermatozoi

Lecce, mura del borgo antico imbrattate con disegno di spermatozoi

 
Serie B
Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

Lecce Calcio, arriva anche il  francese Valentin Gendrey

 
Il caso
Lecce, zuffa all'hub vaccinale: denunciati due ragazzi

Lecce, zuffa all'hub vaccinale: denunciati due ragazzi

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 

i più letti

ambiente

Una speranza verde nel futuro del Salento: piantumati noci, cotogni, fichi, melograni vicino agli ulivi disseccati

«Manu Manu Riforesta» punta a ricreare la biodiversità

Una speranza verde nel futuro del Salento: piantumati noci, cotogni, fichi, melograni vicino agli ulivi  disseccati

«Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà». Ne era convinto san Bernardo di Chiaravalle. Peccato che nel Salento non ci siano boschi. Non più, almeno. Ma c’è stato un tempo in cui il cuore del Salento era ricoperto da una «foresta», uno splendido e lussureggiante bosco del quale oggi non restano che pochissime tracce. Ed è proprio da quelle tracce che gli ideatori di «Manu Manu Riforesta», membri dell’omonima associazione presieduta dall’artista visiva Ingrid Simon, intendono ripartire per dar vita a un ambizioso progetto che non è solo paesaggistico, ambientale e naturalistico, ma anche economico.

Il bosco di Belvedere si estendeva per ben 7mila ettari tra Cutrofiano e Specchia. Fu di proprietà dei principi Gallone, sino a quando, dopo l’unità d’Italia, venne ripartito tra quindici comuni e trasformato in uliveto. Le querce, i frassini, gli olmi, i lecci, la macchia mediterranea e le paludi che conferivano al bosco un aspetto e un fascino unici lasciarono il posto alla coltivazione intensiva di ulivi, finalizzata alla produzione di olio lampante destinato, a sua volta, a illuminare le maggiori capitali europee.

Quel paesaggio si è imposto nell’immaginario collettivo, facendo del Salento la terra degli ulivi. Perlomeno sino a quando la strage di queste straordinarie piante non ha cambiato il volto della penisola salentina, un tempo ricoperta da rigogliose chiome verdeggianti e oggi abitata da scheletri di legno.

Fortunatamente, l’area un tempo occupata dal bosco è rimasta una zona non intaccata dall’urbanizzazione.

«Lo scorso 2 febbraio - spiega Vito Lisi, vicepresidente dell’associazione - abbiamo piantato, in un terreno messo a disposizione dall’azienda agricola Merico, una sessantina di piante, tra cotogni, carrubi, melograni, fichi, noci, essenze che potrebbero presto colmare il vuoto venutosi a creare con l’essiccamento degli ulivi. Siamo tornati a piantare nuovamente domenica scorsa. Gli ulivi secolari, ancorché gravemente ammalati, sono indispensabili. Per questo non vogliamo espiantarli. Purtroppo i patogeni presenti hanno avuto il sopravvento, trovandoli estremamente debilitati a causa di pratiche agricole non lungimiranti e incuranti della natura, ma non è detto che non possano riprendersi».

L’iniziativa di domenica è stata un successo. Nonostante l’evento non sia stato pubblicizzato, vi hanno preso parte appassionati giunti da tutta la Puglia. Molti hanno portato con sé alcune piante da mettere a dimora.
«Quello degli ulivi - aggiunge Ada Martella, di Manu Manu Riforesta - è un problema complesso, ma la nostra non è una risposta al problema degli ulivi, bensì al problema dell’ossigeno. Se sono venuti a mancare 11 milioni di ulivi, vuol dire che non abbiamo più l’ossigeno della chioma di 11 milioni di alberi. Questo testimonia una necessità corale. Abbiamo risvegliato delle potenzialità e rese coscienti delle necessità ancestrali, legate al senso di sopravvivenza, perché questa è una questione di sopravvivenza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie