Giovedì 01 Ottobre 2020 | 00:07

NEWS DALLA SEZIONE

La vicenda
Duplice omicidio Lecce, il 21enne reo confesso in carcere in isolamento

Duplice omicidio Lecce, reo confesso in carcere in isolamento. Trovato altro biglietto con tempi del delitto Legale: «Ragazzo provato»

 
Il video
Lecce, ecco l’assassino mentre rientrava casa dopo aver ammazzato i fidanzati

Lecce, ecco l’assassino mentre rientrava a casa dopo aver ammazzato i fidanzati. Tutti gli errori del killer

 
Cambiamenti in città
Lecce, del Cinema Santalucia non resterà memoria, se non nei ricordi

Lecce, del Cinema Santalucia non resterà memoria, se non nei ricordi

 
L'operazione
S.M. Leuca: bloccato veliero con 63 migranti a bordo, arrestati 2 skipper

S.M. Leuca: bloccato veliero con 63 migranti a bordo, arrestati 2 skipper

 
I retroscena
Duplice omicidio Lecce, i testimoni: «Dieci chiamate al 112, violenza inaudita»

Duplice omicidio Lecce, i testimoni: «Dieci chiamate al 112, violenza inaudita»

 
Nel Salento
Gallipoli, si stacca pezzo da un balcone: sfiorato un giovane

Gallipoli, si stacca pezzo da un balcone: sfiorato un giovane

 
nel Leccese
Nardò, guida turistica abusiva: scoperta e multata

Nardò, guida turistica abusiva: scoperta e multata

 
Le indagini
Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

 
Il caso
Lecce, sequestrati beni per 400mila euro a 2 presunti appartenenti alla Scu

Lecce, sequestrati beni per 400mila euro a 2 presunti appartenenti alla Scu

 
L'intervista
Delli Noci è «mister preferenze» nel Salento: «Le mie sfide? Nuova industria logistica e agroalimentare»

Delli Noci è «mister preferenze» nel Salento: «Le mie sfide? Nuova industria logistica e agroalimentare»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Il Bari nella tana della Spal: Antenucci ferma l'orologio

Il Bari nella tana della Spal: Antenucci ferma l'orologio

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIn viale Europa
Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

 
BatAumento dei casi
Coronavirus, 15 positivi al Comune di Andria, anche il commissario prefettizio

Coronavirus, 15 positivi al Comune di Andria, anche il commissario prefettizio

 
BariTrasporti
Bari, Fiera del Levante: ecco il piano mobilità, trasporto pubblico e parcheggi per la Campionaria

Bari, Fiera del Levante: ecco il piano mobilità, trasporto pubblico e parcheggi per la Campionaria

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
LecceLa vicenda
Duplice omicidio Lecce, il 21enne reo confesso in carcere in isolamento

Duplice omicidio Lecce, reo confesso in carcere in isolamento. Trovato altro biglietto con tempi del delitto Legale: «Ragazzo provato»

 
TarantoIl caso
Taranto, morte gruista Mittal: riparte l'inchiesta

Taranto, morte gruista Mittal: riparte l'inchiesta

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

L'onoreficienza

Sagnet, il bracciante che si ribellò ai caporali, è cittadino onorario di Lecce

Si oppose con uno sciopero al caporalato ed è stato nominato anche Cavaliere della Repubblica

Sagnet, il bracciante che si ribellò ai caporali, è cittadino onorario di Lecce

LECCE - «Nominato Cavaliere della Repubblica dal Presidente Mattarella, Jean-Pierre Yvan Sagnet rappresenta il protagonista e il simbolo della battaglia civile, sindacale, politica per i diritti dei lavoratori migranti in agricoltura. Con coraggio, nell’agosto del 2011, scelse di ribellarsi a condizioni di lavoro intollerabili, guidando la protesta dei braccianti immigrati per le strade della nostra città, che oggi ne riconosce appieno l’alto valore civile». E’ quanto si legge nelle motivazioni che hanno spinto il Consiglio comunale di Lecce a riconoscere la cittadinanza onoraria a Yvan Sagnet.
Il sindaco di Lecce Carlo Salvemini ha ricordato nel suo intervento che «il percorso di Yvan rappresenta una fortissima testimonianza di quanto abbiamo bisogno di regole chiare e condivise per una corretta gestione delle politiche migratorie. A chiederle sono i migranti stessi, consapevoli che ogni percorso di riconoscimento dei diritti passa dalla fuoriuscita da una condizione di invisibilità e marginalità che è il terreno di coltura dei fenomeni di sfruttamento e prevaricazione dei quali i braccianti di Nardò sono stati vittime».

In una nota, il Comune ricorda che Yvan Sagnet è nato il 4 aprile del 1985 a Douala (Camerun), ed è giunto in Italia per motivi di studi nell’agosto 2008. Nel 2013 ha conseguito la Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni presso il Politecnico di Torino. Nel 2011 è stato portavoce dei braccianti durante lo sciopero alla masseria Boncuri (Nardò) durato un mese contro i caporali e gli imprenditori agricoli. Lo sciopero portò all’introduzione del reato di caporalato e al primo processo in Europa sulla riduzione in schiavitù. Sagnet ha lavorato come sindacalista per la Flai-Cgil ed è tra i fondatori dell’associazione internazionale anti caporalato No-Cap. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie