Sabato 28 Marzo 2020 | 16:33

NEWS DALLA SEZIONE

l'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
nel Leccese
Montesano S.no, cc gli chiedono autocertificazione, lui li minaccia di morte e investe anziano passante: arrestato

Montesano S.no, cc gli chiedono autocertificazione, lui li minaccia di morte e investe anziano passante: arrestato

 
nel Leccese
Ricercato in tutta Europa: arrestato latitante 40enne a Galatone

Ricercato in tutta Europa: arrestato latitante 40enne a Galatone

 
tra vernole e castrì
Si schianta con l'auto contro muretto: perde la vita una 26enne salentina

Si schianta con l'auto contro muretto: perde la vita una 26enne salentina

 
emergenza coronavirus
Soleto, pericolo focolaio in casa di risposo: anziani rimasti soli per 48 ore

Soleto, pericolo focolaio in casa di riposo: anziani rimasti soli per 48 ore

 
La denuncia
Coronavirus, Sappe Puglia: «Da 7 giorni poliziotte penitenziarie leccesi aspettano esito tampone»

Coronavirus, Sappe Puglia: «Da 7 giorni poliziotte penitenziarie leccesi aspettano esito tampone»

 
Solidarietà
Coronavirus Lecce, il Comune dona al «Fazzi» mascherine, guanti e tute

Coronavirus Lecce, il Comune dona al «Fazzi» mascherine, guanti e tute

 
emergenza
Coronavirus, Nardò 7mila mascherine donate da 3 imprenditori

Nardò solidarietà per le mascherine: 3 aziende ne donano 7mila alla comunità

 
nel Leccese
Fuori casa senza motivo: oltre 150 denunciati in due giorni in tutto il Salento

Fuori casa senza motivo: 70 denunce nel Salento in 24 ore, oltre 220 in tre giorni

 
in messico
Coronavirus, l'odissea di un salentino bloccato a Cancùn: l'aeroporto è chiuso

Coronavirus, l'odissea di un salentino bloccato a Cancùn: l'aeroporto è chiuso

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoemergenza coronavirus
Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

 
Foggial'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
Homeemergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
Leccel'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
Potenzail bollettino
Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 
Batemergenza coronavirus
Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

 
Brindisia cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 

Isolato a Codogno

La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

Il salentino Edmondo Vetrugno lavora all’ospedale di Piacenza

La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

Edmondo Vetrugno, originario di Novoli (Lecce) e medico ospedaliero della Medicina Interna a Piacenza, è tra i sanitari risultati positivi al tampone del Coronavirus. Ecco stralci della sua testimonianza.

La città in cui lavoro e risiedo dista meno di 15 km dal paese focolaio d’Infezione: Codogno. L’inizio della situazione apocalittica risale a mercoledì 19 febbraio data in cui un giovane paziente veniva ricoverato presso l’ospedale di Codogno in Medicina per polmonite e febbre alta e poi per l’aggravarsi della insufficienza respiratoria , trasferito in Terapia Intensiva. Tale paziente è risultato positivo al test per Coronavirus. Nei giorni successivi personale medico e sanitario ospedaliero ha accusato sintomi influenzali (faringite, rinite, tosse secca, febbre, lieve nausea), risultati alcuni di questi positivi sono subito scattate misure di contenimento ed isolamento. Essendo l’ospedale di Codogno al confine sud della provincia di Lodi, ed essendo stato interdetto l’accesso al pronto soccorso, molti pazienti (tra cui tanti potenziali infetti) si sono riversati sui più vicini ospedali, tra cui Piacenza.

E da qui parte la mia personale esperienza: in data 21 febbraio veniva ricoverata nel mio reparto una paziente anziana residente a Codogno con febbre alta, polmonite grave, il medico di guardia (mia moglie) visita la malata con tutti i presidi di sicurezza, isola la paziente e successivamente la fa trasferire in reparto più idoneo, il tampone darà poi esito positivo! Conseguentemente sabato 22 tutto il personale venuto a contatto con l’ammalata veniva sottoposto a tampone, e anche io convivendo con una potenziale contagiata. L’esito del tampone dava negatività per tutti, tranne che per me!
D’accordo coi colleghi delle Malattie Infettive si decide per un mio ricovero in ambiente isolato in Malattie Infettive. Nel frattempo altri sanitari del mio ospedale risultavano positivi, così come altri pazienti venivano scoperti positivi in Lombardia e regioni limitrofe. Questa in breve l’evoluzione della diffusione che sta portando la cittadinanza di questa tranquilla città in cui risiedo dal 2006 a scene da guerra, con paralisi completa di attività produttive, commerciali, sociali, assalto ai supermercati e farmacie: coprifuoco completo.

Ma ora vorrei raccontare la mia vera storia clinica nella speranza che contribuisca a evitare la cosiddetta «psicosi da virus letale». Partiamo dai miei potenziali contatti: in data 15 febbraio mi ero recato con famiglia ed amici a Codogno per il carnevale, qui entravo in un affollato bar e dopo qualche ora rientravo a Piacenza. In data 20 e 21 febbraio ho avuto sintomi da raffreddore con rinite ma non febbre e nemmeno tosse, sono andato regolarmente a lavoro visitando , parlando ed incontrando gente e ovviamente ho condotto la mia normale vita sociale: stimo di aver incontrato decine di persone.
Bene, tutti i colleghi e gli amici (compresa moglie e figlio) venuti a contatto con me non hanno a distanza di 5 giorni sviluppato sintomi, molti hanno già avuto esito del tampone negativo, altri in attesa ma molto probabilmente negativi (clinicamente stabili). L’amico di Codogno è febbrile in isolamento a casa in attesa di tampone. Io sto benissimo, non ho nemmeno più raffreddore o altri sintomi e probabilmente sarò dimesso e continuerò la cosiddetta quarantena (14 giorni) a casa da solo, mentre mia moglie starà col bambino dai suoi.

Le conclusioni: 1) la malattia si comporta esattamente come la banale influenza e nella stragrande maggioranza dei casi è paucisintomatica, si risolve in 3-4 giorni senza esiti. 2) il contagio non è così semplice per fortuna e si verifica più che altro nei confronti di pazienti anziani o pluripatologici, e la gravità dei sintomi è correlata a questa tipologia di soggetti. 3) non tutti coloro che hanno sintomatologia influenzale banale devono fare il tampone, poiché è inutile sapere di essere positivi, se non si verifica dispnea, certamente però è utile indossare una mascherina di quelle semplici se si è a contatto con persone anziane o fragili. 4) l’imperativo categorico dev’essere tutelare gli anziani e seguire il vademecum diffuso dal Ministero della Salute. 5) probabilmente il mio contagio è avvenuto in quel bar di Codogno super affollato, tra l’altro io stavo prendendo terapia antibiotica per problemino al dente del giudizio, quindi forse le mie difese immunitarie erano un po’ ridotte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie