Martedì 18 Febbraio 2020 | 01:03

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lecce, detenuto da fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

Lecce, detenuto dà fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

 
Stalking
Lecce, perseguita 2 ragazze e le minaccia con i coltelli, arrestato 34enne

Lecce, perseguita 2 ragazze e le minaccia con i coltelli, arrestato 34enne

 
La «staffetta»
Taranto, mercoledì arrivano le Sardine. Poi sarà la volta di Squinzano

Taranto, mercoledì arrivano le Sardine. Poi sarà la volta di Squinzano

 
Nel Salento
Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

 
Il riconoscimento
Il «cavalluccio punk» e altre meraviglie: con le sue foto Virginia Salzedo porta alla ribalta il Salento

Il «cavalluccio punk» e altre meraviglie: con le sue foto Virginia Salzedo porta alla ribalta il Salento

 
economia
Coronavirus: a rischio 167 milioni di import dalla Cina al Salento

Coronavirus: a rischio 167 milioni di import dalla Cina al Salento

 
nel Leccese
Squinzano: il 19 febbraio festa delle Sardine, lo stesso giorno della visita di Salvini

Squinzano: il 19 febbraio festa delle Sardine, lo stesso giorno arriva Salvini

 
nel Leccese
San Valentino, a Martano il fioraio spedisce anche poesie a domicilio

Martano, «C'è posta per te»: una poesia per ogni circostanza

 
nel salento
Nardò, genitori non reggono alla scomparsa del figlio: muoiono pochi giorni dopo

Nardò, genitori non reggono alla scomparsa del figlio: muoiono pochi giorni dopo

 
il caso
Lecce, stalking all'ex marito: insegnante condannata a 18 mesi

Lecce, stalking all'ex marito: insegnante condannata a 18 mesi

 
Il caso
Lecce, 70enne accusato di 17 abusi su minori resta in silenzio davanti al giudice

Lecce, 70enne accusato di 17 abusi su minori resta in silenzio davanti al giudice

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa tragedia
Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

 
TarantoStalking
Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

 
FoggiaL'aggressione
San Severo, giovane di 32 anni accoltella anziano all'addome

San Severo, un trentaduenne accoltella anziano all'addome

 
LecceIl caso
Lecce, detenuto da fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

Lecce, detenuto dà fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

 
NewsweekLa storia
Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

 
BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 

i più letti

L'operazione

Nardò, arrestato esperto informatico in affari con l'ex boss della Magliana

L'uomo, il 32enne Giorgio Dell’Anna, è rimasto coinvolto nell’operazione romana «jackpot». Secondo l'accusa avrebbe creato alcune tipologie di giochi d’azzardo vietati dalla legge

gioco d'azzardo

NARDO' - Un esperto informatico neritino di 32 anni, Giorgio Dell’Anna, invischiato in una storia che affonda le radici nella storica e implacabile mala romana, “imparentata” persino con la banda della Magliana. Ieri il gip del tribunale di Roma, Vilma Passamonti, ha emanato 41 provvedimenti di custodia cautelare. Il “numero uno” della lista, in tutti i sensi, è il “Re di Roma”, arrestato all’alba. Si tratta di Salvatore Nicitra, originario di Palma di Montechiaro, Agrigento, radicato a Roma, uno dei capi della Magliana e legato a Cosa Nostra. Nel 1993 il figlioletto Domenico, 11 anni e lo zio, furono uccisi da sanguinosi rivali e i corpi non furono mai ritrovati. Il padrino era amico in affari di Enrico De Pedis, capo indiscusso della Magliana. Si era conquistato, a suon di affari con la droga e gioco d’azzardo, il suo “regno”: Casalotti, Primavalle, Montespaccato, Cassia, Monte Mario, Aurelio.

Il neritino compare nel lungo elenco degli arrestati ed occupa un posto di primo piano nella creazione di alcune tipologie di giochi d’azzardo vietati dalla legge. Gli investigatori, infatti, ritengono che sia stato proprio Dell’Anna ad “importare” nel territorio romano una nuova attività rivelatasi illecita e molto apprezzata dal capo della banda: quella della gestione di giochi attraverso un dominio internet .com, registrato a livello internazionale così da sfuggire ai controlli dei Monopoli di Stato. Nicitra, il capo dell’organizzazione e soprannominato “l’ingegnere”, si rapporta spesso con il neritino il cui nome compare molte volte nelle intercettazioni e con il quale risolve problemi tecnici riguardanti i conflitti del software e la gestione delle carte di credito.

Discussioni che rendono l’idea dei notevoli profitti guadagnati “in nero” dall’organizzazione. In una occasione Nicitra e Dell’Anna discutono sull’arrivo di prodotti illeciti da installare e anche del costo degli stessi con il “boss” irritato dai 1500 euro cadauno richiesti dal neritino che è assistito dagli avvocati Giuseppe Bonsegna e Ladislao Massari. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie