Mercoledì 19 Febbraio 2020 | 08:20

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
L'orologio funziona, ma il cuore no: leccese «salvato» da smartwatch

L'orologio funziona, ma il cuore no: leccese «salvato» da smartwatch

 
L'incidente
Salento, viene investita dalle fiamme della stufa a gas: morta 89enne

Salento, viene investita dalle fiamme della stufa a gas: morta 89enne

 
Il gasdotto
La Tap e i risarcimenti ambientali: lite tra i sindaci di Lecce e Melendugno

La Tap e i risarcimenti ambientali: lite tra i sindaci di Lecce e Melendugno

 
Il caso
Lecce, detenuto da fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

Lecce, detenuto dà fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

 
Stalking
Lecce, perseguita 2 ragazze e le minaccia con i coltelli, arrestato 34enne

Lecce, perseguita 2 ragazze e le minaccia con i coltelli, arrestato 34enne

 
La «staffetta»
Taranto, mercoledì arrivano le Sardine. Poi sarà la volta di Squinzano

Taranto, mercoledì arrivano le Sardine. Poi sarà la volta di Squinzano

 
Nel Salento
Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

Casarano, truffa dei radiofarmaci da 3,6mln: nessuna condanna

 
Il riconoscimento
Il «cavalluccio punk» e altre meraviglie: con le sue foto Virginia Salzedo porta alla ribalta il Salento

Il «cavalluccio punk» e altre meraviglie: con le sue foto Virginia Salzedo porta alla ribalta il Salento

 
economia
Coronavirus: a rischio 167 milioni di import dalla Cina al Salento

Coronavirus: a rischio 167 milioni di import dalla Cina al Salento

 
nel Leccese
Squinzano: il 19 febbraio festa delle Sardine, lo stesso giorno della visita di Salvini

Squinzano: il 19 febbraio festa delle Sardine, lo stesso giorno arriva Salvini

 
nel Leccese
San Valentino, a Martano il fioraio spedisce anche poesie a domicilio

Martano, «C'è posta per te»: una poesia per ogni circostanza

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl salvataggio
Molfetta, «Caretta-Caretta» agonizzante in uliveto: lontana 4 Km dal mare

Barletta, trovata «caretta-caretta» agonizzante in campagna: affidata al Wwf

 
FoggiaL'aggressione
Apricena, commerciante rapinato e ferito mentre va in banca

Apricena, commerciante rapinato e ferito mentre va in banca

 
BariL'inaugurazione
Spazio, la barese Sitael apre sede in Australia: costruirà satelliti

Spazio, la barese Sitael apre sede in Australia: costruirà satelliti

 
TarantoLa sentenza d'appello
Taranto e bilanci fasulli, ex sindaco non dovrà risarcire Comune

Taranto e bilanci fasulli, ex sindaco Di Bello non dovrà risarcire Comune

 
LecceIl caso
L'orologio funziona, ma il cuore no: leccese «salvato» da smartwatch

L'orologio funziona, ma il cuore no: leccese «salvato» da smartwatch

 
PotenzaIl caso
Petrolio lucano, incidente a Tempa Rossa: si tratta di malfunzionamento

Petrolio lucano, incidente a Tempa Rossa: si tratta di malfunzionamento

 
MateraL'inchiesta
Sanitopoli lucana, ex governatore Marcello Pittella rinviato a giudizio

Sanitopoli lucana, a giudizio ex governatore Pittella: con lui anche ex dg Asl Bari

 
BrindisiIl caso
Francavilla Fontana, col trattore rubato non si ferma all’alt

Francavilla Fontana, col trattore rubato non si ferma all’alt

 

i più letti

startup

Dipendenza da social? Ci pensa un’app leccese: trasforma in gara il tempo passato off line

È stato sviluppato nel “Contamination lab” dell’Università del Salento il progetto vincitore di Start Cup Puglia

Dipendenza da social? Ci pensa un’app leccese: trasforma in gara il tempo passato off line

LECCE - Un’app contro la dipendenza da smartphone, ideata da giovani leccesi. È stato sviluppato nel “Contamination lab” dell’Università del Salento il progetto vincitore di Start Cup Puglia. Tra le 12 startup finaliste, è stata infatti “9 seconds” ad aggiudicarsi il premio regionale per l’innovazione organizzato da Arti Puglia, che ha incassato 7mila euro, l’accesso al Premio Nazionale per l’Innovazione in programma a Catania il 28 e 29 novembre e due ulteriori premi speciali.

«La soglia di attenzione di un pesce rosso è di 9 secondi. Secondo uno studio condotto da Microsoft in Canada, l’uso eccessivo dello smartphone ha abbassato la nostra ad appena 8 secondi». È così che è nata l’idea di “9 Seconds”, hanno spiegato i ragazzi del team vincitore, ideatori dell’app che punta proprio a combattere la dipendenza da smartphone “premiando” gli utenti per il tempo passato offline. Due o più giocatori potranno competere nella sfida di riuscire a non usare lo smartphone il più a lungo possibile, mettendo in pausa il dispositivo nei momenti in cui è richiesta più concentrazione, come lo studio, il lavoro, quando si è al volante o nei contesti in cui è preferibile socializzare: quando si esce o quando si mangia in compagnia.

Tra i sostenitori del progetto anche diverse imprese nel settore della ristorazione, che metteranno a disposizione premi e sconti per gli utenti “vincitori” delle sfide tramite app.

Il gruppo è composto da ragazzi salentini: si tratta di Luca Podo (laureato in Ingegneria dell’Informazione a UniSalento, studente di Informatica all’Università “La Sapienza” di Roma), Alessandro Colonna (laureato in Scienze della comunicazione a UniSalento, studente di Marketing all’Università “La Sapienza” di Roma), Benito Taccardi (laureato in Ingegneria dell’Informazione e studente del corso magistrale in Computer Engineering a UniSalento), Davide Margarito (studente di Graphic Design al Politecnico di Torino), Gabriele Centonze (studente del Liceo scientifico “Banzi Bazoli” di Lecce), Cosimo Quarta (studente di Ingegneria dell’Informazione a UniSalento) e Andrea De Giovanni (studente di Giurisprudenza a UniSalento).

L’idea è nata nell’estate 2018 ed è poi maturata all’interno del Contamination Lab dell’Università del Salento, il laboratorio per creare e innovare coordinato dalla professoressa Giusy Secundo e dal delegato del rettore alla Ricerca Giuseppe Maruccio.

Per l’elaborazione dell’intero progetto, dall’idea imprenditoriale alla campagna di crowdfunding chiusa con successo sulla piattaforma Eppela, il gruppo è stato seguito dai mentor Valentina Ndou, professoressa aggregata del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione UniSalento, e Pasquale Stefanizzi, PhD in Banking and Finance e consulente finanziario d’impresa (www.ascuoladimpresa.net).

«Una vittoria inaspettata e per noi molto significativa, frutto di un lavoro di gruppo straordinario», commenta Luca Podo, ceo di “9 seconds”. «Crediamo che la nostra forza risieda proprio nel team, formato da ragazzi estremamente determinati. Stiamo lavorando sodo da tempo, questo successo ci ripaga di tanti sacrifici. Vogliamo ringraziare l’organizzazione del premio, tutte le persone che ci seguono e i nostri mentor Valentina e Pasquale, la nostra guida, determinanti nel percorso di crescita del gruppo. La Puglia ci sta dando veramente tanto: amiamo il nostro territorio, è pieno di persone fantastiche e offre tante opportunità. Abbiamo deciso di lanciare la nostra app in Puglia, e a Lecce in particolare, forti del supporto che non ci è mai mancato sia da parte delle istituzioni che delle imprese. Ancora una volta dobbiamo ringraziare anche tutte le attività affiliate che ci hanno dato fiducia durante la campagna di crowdfunding, e in particolare il nostro main sponsor, l’azienda “Road 66”.

Adesso siamo in piena fase di sviluppo, a breve il test pubblico e poi “9 seconds” sarà finalmente pronta». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie