Lunedì 27 Maggio 2019 | 00:03

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
L'inchiesta
Lecce, assenteismo a Comune e Lupiae: 17 sotto accusa

Lecce, assenteismo a Comune e Lupiae: 17 sotto accusa

 
Dopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
L'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 
L'episodio domenica scorsa
Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

 
Melendugno
Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

 
Orrore nel Leccese
Salento, a 5 anni violentato e bruciato con sigarette. Indagati padre e zio

Salento, a 5 anni violentato e bruciato con sigarette. Indagati padre e zio

 
Senza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
È in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
L'omicidio nel 2017
Omicidio Noemi, troppe udienze: slitta Appello per ex fidanzato

Omicidio Noemi, troppe udienze: slitta Appello per ex fidanzato

 
Ingenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

La grande sorpresa

Migrante viaggia dalla Croazia a Galatina nascosto nel vano motore di un bus in gita

Un clandestino a bordo nel mezzo che ha accompagnato a Dubrovnik i liceali del Vallone. È saltato fuori dopo 15 ore, all’arrivo a destinazione

Migrante viaggia dalla Croazia a Galatina nascosto nel vano motore di un bus in gita

LECCE - Un lungo viaggio da Dubrovnik a Galatina alla ricerca di una vita migliore.
È la storia di un giovane algerino, fuggito dalla sua terra per trovare una nuova vita ed un futuro diverso. La disperazione e la speranza, lo hanno spinto a rannicchiarsi nel vano motore del pullman che trasportava i ragazzi del Liceo Scientifico “Antonio Vallone” di Galatina, di ritorno da Sarajevo per un viaggio d’istruzione. In quel nascondiglio è rimasto per oltre quindici ore, ed è uscito solo dopo all’arrivo, intorno alle 12.30 di ieri quando il pullman si è fermato in viale Don Tonino Bello.
Ad accorgersi della presenza di quel ragazzo sono stati alcuni studenti che si erano attardati dopo l’arrivo per salutare gli amici che erano rimasti a Galatina. C’è voluto poco per capire che quel ragazzo non era spuntato lì dal nulla ma che era stato un passeggero clandestino che aveva saputo ben celarsi per tante ore e soprattutto, era riuscito a sopportare lunghe ore di sofferenza fisica fra i fumi e gli scarichi del pesante mezzo di trasporto.

Una sistemazione molto precaria che lo ha costretto a rimanere in posizione rannicchiata senza potersi muovere per molte ore. Una condizione quasi insopportabile ma che evidentemente è stata dettata dalla disperazione di un ragazzo in fuga.
Bloccato dall’autista del pullman, il giovane è stato accolto dagli studenti e dai professori che hanno ben compreso il dramma umano di un ragazzo disperato. Visibilmente spaventato ha accettato volentieri del cibo per sfamarsi un po’ ed è stato accompagnato in un vicino bar per riprendersi un po’ dalla stanchezza.
Nel frattempo qualcuno ha chiamato gli agenti del locale Commissariato di Polizia che sono giunti dopo pochi minuti per cercare di ricostruire l’accaduto.
Una ricostruzione difficile in primo luogo per lo stato di agitazione del giovane ed anche per la difficoltà di comprendere le parole pronunciate in arabo. Dagli accertamenti raccolti, grazie alla presenza di un genitore di uno studente che comprendendo l’arabo ha potuto tradurre alcune frasi, è stato possibile mettere insieme alcuni tasselli per ricostruire l’accaduto. A quanto sembra, il viaggio del ragazzo, dichiaratosi algerino e di 24 anni, sarebbe iniziato dalla sua terra d’origine e sarebbe proseguito lungo un percorso molto lungo e difficile; giunto in Grecia sarebbe stato picchiato dalle forze dell’ordine del luogo (in occasione di quel pestaggio avrebbe perso due incisivi).

Stando anche da alcune voci, ma questo è da verificare, il ragazzo non sarebbe stato solo nel tentativo di fuga; due suoi coetanei sarebbero stati però bloccati in partenza dal porto di Dubrovnick a seguito dei controlli effettuati proprio al momento dello sbarco.
Dopo un primo colloquio che ha contribuito a tranquillizzare il fuggiasco, la pattuglia della Polizia di Stato si è trasferita presso il Commissariato dove sono state avviate tutte le procedure per individuare le generalità, la provenienza del ragazzo ed ovviamente il suo status che consentirà o meno l’accoglienza. Una lunga procedura di identificazione che è andata avanti per molte ore; nel corso dell’interrogatorio l’algerino, che non aveva documenti di riconoscimento, è stato necessario l’intervento di un traduttore di lingua araba.
Ultimati gli accertamenti, nell’Ufficio stranieri della Questura di Lecce, il giovane sarà accompagnato nel centro di prima accoglienza di Otranto in attesa, poi, di essere poi trasferito in un’altra sistemazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400