Mercoledì 17 Luglio 2019 | 06:19

NEWS DALLA SEZIONE

Organizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
Il vertice
Lecce, via libera ai concerti in Piazza Libertini

Lecce, via libera ai concerti in Piazza Libertini

 
Nel Salento
Lido Conchiglie: auto sfonda guardarail e si ribalta fuoristrada, muore una 33enne

Lido Conchiglie: auto sfonda guardarail e si ribalta fuori strada, muore una 33enne

 
In via Brancaccio
Lecce, crolla facciata di un palazzo del centro: paura tra i residenti

Lecce, crolla facciata di un palazzo del centro: paura tra i residenti

 
Per una manciata di voti
Università del Salento, eletto il nuovo rettore: è Fabio Pollice

Università del Salento, eletto il nuovo rettore: è Fabio Pollice

 
Il caso
Casarano, Mastrogiovanni non diffamò la Giunta comunale: gip archivia querela

Casarano, Mastrogiovanni non diffamò la Giunta comunale: gip archivia querela

 
L'evento a Otranto
Giornalisti del Mediterraneo, assegnati i premi Caravella: tra loro la iena Pelazza

Giornalisti del Mediterraneo, assegnati i premi Caravella: tra loro la iena Pelazza

 
Nel basso salento
Torre S.Giovanni: tartaruga ributtata in mare per errore

Torre S.Giovanni: tartaruga ributtata in mare per errore

 
Nel Salento
Copertino, frontale sulla strada di ritorno dal mare: una 38enne in Rianimazione

Copertino, frontale sulla strada di ritorno dal mare: una 38enne in Rianimazione

 
Nel Salento
Nardò: esplode vecchia bombola da sub custodita in un'auto, nessun ferito

Nardò: esplode vecchia bombola da sub custodita in un'auto, nessun ferito

 
A Baia Verde
Gallipoli, onde allagano nido di tartaruga: niente da fare per 91 uova

Gallipoli, onde allagano nido di tartaruga: niente da fare per 91 uova

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
TarantoMorti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
BatRifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
BrindisiUn mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
MateraL'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
BariIl caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
LecceOrganizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

Il caso

Parabita, dopo le minacce arriva lo scudo dello Stato

Commissari e candidato sotto protezione. Applausi al prefetto Cucinotta: «Serve un forte impegno della società civile»

Parabita, lettera di minacce in Comune nel mirino i tre commissari

PARABITA - Attivare misure di protezione per i tre commissari straordinari e per il candidato sindaco Marco Cataldo. È la decisione assunta dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che ieri mattina si è riunito nel municipio di Parabita.
La riunione - fortemente voluta proprio a Parabita, e non a Lecce come di consueto, per manifestare in modo tangibile la presenza dello Stato alla comunità cittadina - è stata presieduta dal prefetto Maria Teresa Cucinotta. Attorno al tavolo, nella sala consiliare, erano seduti: il viceprefetto Guido Aprea, il comandante provinciale dei carabinieri Giampaolo Zanchi, il vicario del questore Nicola Miriello, il comandante provinciale della guardia di finanza Luigi Carbone, il dirigente della Direzione investigativa antimafia Carla Durante, il dirigente della Digos Gabriele De Filippi, i comandanti della compagnia dei carabinieri di Casarano e della stazione di Parabita Clemente Errico e Italo Memoli, i commissari straordinari Andrea Cantadori e Gerardo Quaranta. Alla prima parte della riunione ha partecipato anche Marco Cataldo.
Al suo arrivo, il prefetto è stato accolto dall’applauso dei dipendenti comunali. E proprio a loro, Cucinotta ha rivolto le sue prime parole: «La nostra presenza qui, oggi, è un segnale forte, ma ognuno deve dare il proprio contributo per la democrazia e la serenità». La riunione si è svolta a porte chiuse e le decisioni assunte non sono ancora pubbliche. Di certo c’è che saranno attivate misure di protezione per i tre commissari, destinatari nei giorni scorsi di una lettera minatoria, e per il candidato sindaco Marco Cataldo, al quale sono state recapitate tre cartucce da fucile e il disegno di un manifesto funebre con il suo nome. Ci saranno misure particolari, poi, per il viceprefetto Andrea Cantadori, coordinatore della commissione. Inoltre, Prefettura e forze dell’ordine monitoreranno costantemente non solo tutte le fasi della campagna elettorale e delle elezioni, ma anche il periodo successivo alla consultazione elettorale del 26 maggio e l’attività della nuova amministrazione comunale. Il Comitato ha anche esaminato i provvedimenti attuati dai commissari nei due anni di gestione straordinaria, con particolare attenzione per le situazioni più delicate passate al vaglio della commissione.
«Quando si conclude un periodo di commissariamento - ha detto il prefetto prima di iniziare i lavori del Comitato - la vita della comunità deve riprendere in maniera serena. La società civile è per me una componente fondamentale: non si può fare un lavoro di affermazione della legalità se non c’è la partecipazione attiva anche della società. Non si può pensare di risolvere le situazioni di illegalità solo attraverso la repressione da parte delle forze dell’ordine e della magistratura, ma ci vuole una presa di coscienza civile forte. Sono venuta qui proprio per dare questo segnale». Terminata la riunione, ha aggiunto: «Abbiamo fatto il punto della situazione e abbiamo avuto modo di approfondire la situazione del Comune, l’attività svolta dai commissari, il clima di questo momento. Saremo sul territorio per garantire che le attività elettorali si svolgano il più tranquillamente possibile. Colgo l’occasione per invitare la cittadinanza a una forte presa di coscienza: è importante non solo l’impegno dello Stato, ma anche quello della società civile. Questa cittadina deve attuare un momento di grande consapevolezza e cogliere l’occasione per rinnovarsi».

«Ora siamo più sereni e andremo avanti»

Alla prima parte della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza ha partecipato anche l’ex consigliere comunale Marco Cataldo, destinatario, nei giorni scorsi, di alcune intimidazioni così come un suo sostenitore.

Si sente più sicuro dopo l’incontro con i rappresentanti dello Stato?
«Assolutamente sì, la presenza del prefetto e di tutte le forze dell’ordine a Parabita, che ringrazio, all’interno della casa dei cittadini, è stato un bel segnale. La comunità lo ha vissuto bene: è rassicurante vedere che lo Stato si sposta, esce dai suoi palazzi e va incontro ai cittadini. Ho avuto un confronto riservato di oltre un’ora e mezza con tutte le autorità che, in maniera tecnica, hanno analizzato i problemi. Non posso riferire nulla di quanto è stato detto, ma per me è stato rassicurante e importante».

Qual è la sua decisione per le prossime elezioni?
«Ci sentiamo più tranquilli, ci siamo riuniti in queste ore, anche per rispondere e per ringraziare tutte le persone della comunità parabitana, ma non solo, che ci hanno manifestato solidarietà. Il nostro gruppo è compatto e coeso. Certo, non nascondiamo qualche piccola preoccupazione da parte delle persone più giovani. Le abbiamo tranquillizzate, perché abbiamo dimostrato a tutti che lo Stato c’è, che siamo tanti, che la comunità c’è ed è unita e che dobbiamo andare avanti. È giusto che sia così».

Cosa è cambiato alla luce di quello che è accaduto? Qualcuno si è tirato indietro per paura o tutti sono concordi nell’andare avanti?
«C’e stata grande unità e compattezza, si va avanti. C’è stato, però, anche qualche ripensamento, come penso sia normale. Queste persone non vanno condannate, ma supportate e capite, perché è giusto che ognuno si senta sereno quando affronta una scelta di questo tipo. Questo, comunque, non altera il progetto, che procede serenamente. Lancio però un appello: bisogna smetterla di avvicinare le persone per intimidirle. Ci sono soggetti, a Parabita, appartenenti a partiti o a gruppi politici ben chiari e identificati, che intimidiscono le persone per indurle a non fare una scelta libera e democratica nell’affrontare un’esperienza amministrativa, a prescindere da quale sia il gruppo o il progetto che vadano a scegliere. Qualunque cittadino parabitano deve essere libero di fare la sua scelta e non deve essere condizionato in alcun modo. Per noi, questo tipo di atteggiamento, che in questi ultimi giorni si sta verificando in maniera pressante, non ha nulla a che vedere con la legalità. È bene che tutti sappiano che questo agire è sinonimo di illegalità totale». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie