Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 17:40

NEWS DALLA SEZIONE

Caccia ai ladri nel leccese
Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

 
Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Uscito dalla macchinetta
Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

 
Il caso nel Leccese
Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

 
A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 

La tragedia

Esplode la fabbrica di fuochi: «Tutti esperti e diligenti. È stata una fatalità»

Il Sinop: «Difficile che una perizia possa stabilire le cause»

Esplosione in fabbrica fuochi artificio: un ferito

LECCE - «Persone diligenti ed espertissime nel loro lavoro, quanto accaduto potrebbe essere solo una tragica fatalità».
È unanime il cordoglio della categoria dei pirotecnici salentini, che ieri mattina si sono radunati con una rappresentanza davanti ai cancelli dell’azienda di Arnesano dove è accaduta la tragedia (ne riferiamo a parte), stringendosi coralmente al dolore dei fratelli Dario e Giuseppe Cosma, i titolari dell’impresa che costruisce fuochi d’artificio.
«In questa azienda - spiega Vincenzo Martella, rappresentante regionale del Sinop (il Sindacato italiano nazionale degli operatori pirotecnici) - tutto il personale operante, dai titolari ai dipendenti, hanno sempre lavorato in maniera impeccabile. Tutte - rimarca - sono persone scrupolose, pignole e meticolose che hanno sempre prestato la massima attenzione ad ogni minimo particolare sia durante la fase della preparazione che in quella dell’allestimento degli spettacoli. Sono ragazzi che hanno sempre colorato le nostre feste e che ora vivono una grandissima tragedia e accanto ai quali ci stringiamo tutti manifestando la piena solidarietà della categoria».

Su cosa sia potuto accadere è ancora presto dirlo, visto che ci sono le indagini della magistratura inquirente, appena avviate sotto il coordinamento del procuratore aggiunto Elsa Valeria Mignone che, ieri mattina, ha effettuato un sopralluogo nella fabbrica di fuochi pirotecnici saltata in aria dopo la deflagrazione.
«In questi casi non ci sono spiegazioni - commenta ancora il rappresentante sindacale - gli unici a poterne riferire possono essere solo gli addetti che sono rimasti coinvolti. Quando una persona viene investita dalla deflagrazione, viene ferita non solo sulla superficie esterna del corpo ma anche negli organi interni, perché la temperatura arriva a toccare i duemila gradi centigradi, quindi proprio chi si trova vicino assorbe tutto il calore emanato».
«Poichè parliamo di un’azienda - aggiunge - dove si è sempre usata la massima attenzione nelle fasi preparatorie, siamo portati a credere che si sia trattato non di una distrazione ma di una pura fatalità. Ci può essere stata anche un’autocombustione imprevista - ipotizza Martella - che in casi rarissimi ed eccezionali può accadere. Difficilmente una perizia potrà stabilirlo perché, purtroppo, con una detonazione di questa portata non restano quasi prove perché tutto viene disintegrato». Poi aggiunge: «Non si tratta di un incendio in cui è possibile, nella maggior parte dei casi, risalire all’origine e al punto di innesco».

Il rispetto delle misure di sicurezza, per chi è del mestiere e agisce come in questo caso nella piena legalità, è un mantra quotidiano.

«Ognuno di noi per poter esercitare questa professione deve conseguire uno specifico patentino - illustra Martella - così come deve rispettare rigorosamente la normativa e seguire alla lettera il certificato di prevenzione incendi. Non esistono prove, ma la preparazione delle miscele è una tecnica che si tramanda da padre in figlio, di generazione in generazione, con l’unico scopo di rallegrare e colorare le feste. Oggi – conclude il rappresentante Sinop - viviamo tutti un dolore immenso». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400